Ho scoperto un mondo

Dovete sapere che il Regno Unito è uno dei pochi posti del globo terracqueo dove nonsi possono trovare nella grande distribuzione i prodotti della Barilla, Mulino Bianco e il 90% dei prodotti Kinder e Nestlé. La ragione è sconosciuta nonostante la Barilla, Kinder e Nestlé siano presenti dappertutto nel mondo. E’ con mia grande sorpresa che ho scoperto che Amazon.co.uk ora vende anche cibo e tra i prodotti in catalogo ci sono proprio Barilla, Mulino Bianco e Kinder! La mia vita ora è cambiata in meglio. E ci sono pure rarità che ormai non si vedono più in Italia come i Tegolini e cioccolati Kinder che si vendono solo in Germania.

About these ads

12 commenti

Archiviato in Uncategorized

12 risposte a “Ho scoperto un mondo

  1. Se sono rarità che non si trovano in ita allora controlla la data di scadenza… 8-))

  2. totentanz

    L’8 gennaio l’intera umanità è in piena dieta a base di stenti per riparare i danni del colesterolo natalizio, solo voi magri come chiodi state ancora a pensare a magna’…

  3. Corrado

    Io ormai compro quasi tutto su Amazon. Dalle Lego minifigures al latte Humana per la bimba che mi costa il 40% in meno che in Italia, passando per pennolini, seggioloni, libri, videogames…
    Se non avessero fatto la manfrina salvamondadori magari comprerei anche i libri in lingua italiana. Non sarebbe male se Amazon UK vendesse libri in italiano a prezzi concorrenziali a sfregio della norma capestro che le hanno cucito addosso!

  4. Per Corrado

    “Io ormai compro quasi tutto su Amazon.”

    Allora se lo fai mi raccomando compra sempre tramite i nostri link su libertariaNation!! ;)

    http://libertarianation.org/supportaci/

  5. Per Totentanz

    ma io rappresento una eccezione del secondo principio della termodinamica. ;)

  6. Paolojt

    Assurdolo, dopo do uno sguardo a quelle leccornie!

  7. Emanuele

    Delle polemiche sul trattamento che Amazon riserverebbe ai propri lavoratori che ne pensate?

  8. Per Emanuele

    potresti darci qualche link per piacere. Non ne so nulla.
    E comunque questa parola “sfruttamento” è relativa. Dipende dalla cultura, dal contratto, dalle leggi. Se il contratto dice che dovrò lavorare 10 ore a 5 euro all’ora e io lo firmo come posso lamentarmi di questo trattamento? Lo sfruttamento avviene quando il mio capo mi usa più delle 10 ore o mi paga meno. Allora in quel caso c’è sfruttamento e i dipendenti possono denunciare il capo. che contratto hanno firmato i dipendenti della Amazon? Io quando ho accettato il mio posto di lavoro sapevo benissimo a cosa andavo incontro e ho accettato ma dal punto di vista di un italiano delle generazione precedente alla mia io sarei considerato “sfruttato”, perché lavoro 10 ore al giorno con 20 giorni di vacanza all’anno e dieci giorni all’estero non retribuiti come extra (a volte mi alzo alle 6 e finisco alle 21 in quei giorni); quando lo racconto ai “vecchi” italiani mi guardano allibiti come se venissi dalla Cina perché loro sono abituati ai 35 giorni di vacanza ecc. Ma il numero di ore, qualità del lavoro e giorni di vacanza dipendono dalla cultura e si è liberi di accettarli o no. Sarei potuto andare negli USA e avere solo 2 settimane di vacanza all’anno (in Italia lo chiamerebbero sfruttamento) ma ho deciso di non farlo. In definitiva quindi sfruttamento è quando il capo chiede ai dipendenti oneri che non erano nel contratto.

  9. Emanuele

    Cerca “Inside Amazon’s Warehouse”, c’è un’inchiesta sulle condizioni di lavoro nei magazzini Amazon in usa.

  10. Per Emanuele

    Sì quello è sfruttamento ed è giusto che venga denunciato alle autorità. C’è da dire però che le warehouse sono centinaia sparse in tutto il mondo e per ora da quanto ho letto solo quella aveva problemi di ventilazione e soprattutto di management. Ho letto che dopo lo scandalo amazon ha investito 2 milioni di dollari per abbassare la temperatura in varie warehouse. In questi casi quello che non capisco è perché le centinaia di lavoratori non denunciano la cosa alle autorità competenti. Spesso ci lavorano lavoratori temporanei che non dovrebbero avere alcun problema, finito il loro contratto, a denunciare la cosa. Capisco quelli che sono dentro e vorrebbero un contratto permanente, magari hanno paura di perdere il lavoro e allora abbassano la testa per certe condizioni di lavoro ma quelli a tempo determinato? Mah…

  11. lol
    @escort a-ri-lol!

  12. Per la cronaca anche in Croazia (come in tutta l’Europa dell’est) si trovano tanti prodotti Kinder che non si vendono in Italia. Non saprei però dire se è una cosa positiva o negativa. ;)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...