Spunto per un romanzo di fantascienza

I giorni seguenti l’avvistamento dell’ “uccello di ferro” la tribu’ degli uomini rossi rimase sconvolta. Lo sciamano del villaggio, in accordo con gli intestini di scimmia esaminati proprio quella notte decise che l’uccello di ferro non era altro che un messaggero della dea del cielo Gurguntu: il piu’ potente e sanguinario dio della Terra. Era evidentemente un simbolo, un avvertimento per tutta la tribu’: qualcosa stava per accadere. Il villaggio era in pericolo. Qualcuno aveva offeso il cielo, qualcuno del villaggio si era macchiato di qualche peccato. Valuto’ l’opportunita’ di organizzare un sacrificio umano: aveva il sospetto di chi fosse stata la peccatrice, ma cambio’ idea: era pur sempre sua cognata.

Negli anni seguenti la tribu’ si mise a celebrare l’epifania dell’uccello di ferro ogni anno, lo stesso giorno di luna calante in cui apparve la prima volta. Fu costruito un piccolo tempietto e su un altare fu posta una riproduzione raffazzonata dell’uccello di ferro. Le donne incominciarono da quell’anno in poi, all’inizio di ogni luna calante, a costruire piccoli uccelli di osso da appendere al collo. Presto lo sciamano del villaggio insegno’ ai giovani i riti del nuovo culto.

Inutile dire che la dea non si presento’ piu’ alla tribu’. Pessimo segno: la distruzione era vicina.

La scena si sposta al resto del mondo. Una guerra atomica ha decimato la popolazione mondiale riducendo l’umanita’ a poche migliaia di unita’ sparse per la Terra.

Dopo alcune generazioni il villaggio degli uomini rossi si ingrandisce, complice un favorevole cambio del clima e la misteriosa scomparsa delle popolazioni rivali. Il capo della tribu’ decide di scoprire il segreto dell’uccello di ferro e della sua maledizione. Si organizza una spedizione dei migliori cacciatori verso Est. Dopo alcuni mesi raggiungono la costa di quello che un tempo si chiamava Brasile. Nessuna traccia di altri umani, ma innumerevoli manufatti di grandezza e forme straordinarie. Villaggi costruiti con la roccia e col ferro piu’ alti dei piu’ alti alberi della foresta.

Arrivano ad una distesa enorme, una pianura delimitata da reti di metallo e da una grande scritta a loro incomprensibile: Aeroporto de São Paulo. Che Gurguntu sia benedetta! Hanno trovato il cimitero degli dei! Qui vengono a morire gli dei…

[da continuare]

Annunci

7 commenti

Archiviato in spunti di lettura e scrittura

7 risposte a “Spunto per un romanzo di fantascienza

  1. bellissimo! non ti resta che scriverlo 🙂

  2. Il significato di dare uno spunto e’ di dare un’idea algi altri per scriverlo.. 😉

  3. mi pare di aver letto che si sia stata veramente una tribù che adorava gli uccelli di ferro, erano gli aerei che paracadutavano alimenti, praticamente invece di lavorare questi stavano tutto il giorno a pregare l’uccello di ferro di lanciargli il cibo.

  4. bella fabristol

  5. c.d.

    ah giusto, ecco un po di materiale interessante:

    http://en.wikipedia.org/wiki/Cargo_cult

    ma il libro di fantascienza l’han gia scritto pare:

    Several novels and short stories by J. G. Ballard deal with or include as themes cargo cults, in particular the short story A Question Of Re-Entry in which a space capsule crashing in the jungle becomes the centre of a cargo cult.

  6. C.D. mi ha anticipato: infatti esistono casi di popolazioni di isole del pacifico che hanno sviluppato culti simili.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...