E le pallottole d’argento…*

“Il maestro della dottrina cristiana va dunque in cerca degli stolti e si comporta come uno che promette di sanare i corpi e nello stesso tempo distoglie dal dar retta ai medici sapienti, perché questi potrebbero confutare la sua ignoranza. Perciò ricorrono agli sciocchi ed ai villani ingenui dicendo loro: <State alla larga dai medici! Badate che nessuno di voi metta mai mano alla scienza, perché la scienza è male e la conoscenza fa perdere agli uomini la salute dell’anima. Molti sono stati rovinati dalla sapienza. Badate a me, perché io solo vi salverò. I medici invece rovinano coloro che promettono di curare>”

Celso, 178 d. C.

Non c’è via di scampo. Hanno trovato la porta aperta, anzi spalancata, e ora la vogliono scardinare. Legge 40, legge 194, testamento biologico, ora perfino decidono le pratiche mediche. Si arriverà ad un punto in cui quando si faranno le operazioni a cuore aperto ci dovrà essere una commissione apposita di sacerdoti che dovrà valutare se le tecniche operatorie vengano effettuate secondo le prescrizioni del Catechismo Ufficiale.

Ragazzi un consiglio: non entrate in coma o in stato vegetativo in Italia. Se proprio dovete sbattere la testa fatelo al confine con la Svizzera che è meglio…

* il titolo si rifà a questo spendido post di Cloridrato:

“Osservatore Romano: la morte cerebrale non basta. Perché siano veramente morti bisogna anche piantargli un paletto di legno acuminato nel cuore.”

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in anticlericalismo, tristezze

I commenti sono chiusi.