Qualcuno mi può aiutare?

16_lincoln_1Nei giorni scorsi si è parlato molto del giuramento di Obama davanti a milioni di persone a Washington. Quando ho letto questo articolo di Stille sono rimasto un po’ interdetto. Si dice che Obama ha giurato sulla Bibbia di Lincoln, e fin qui va bene. Poi però si fa riferimento alla religione e ai continui riferimenti di Lincoln e Jefferson a dio e alla religione come fossero alla base della costituzione americana. A me a scuola mi hanno insegnato che Lincoln non era credente, che Jefferson era un deista, che i padri fondatori degli Stati Uniti erano per lo più massoni, deisti o atei e che nella Costituzione Americana non vi è alcun riferimento ad alcun dio [1].

Poi ora in rete gira questa frase ma non so se sia autentica:

“The Bible is not my book nor Christianity my profession. I could never give assent to the long, complicated statements of Christian dogma.”

Se qeusta frase è vera (e per questo voglio chiedere se qualcuno ne sa qualcosa), non è buffo che 44 presidenti degli Stati Uniti abbiano giurato su un libro appartenuto ad una persona che lo aveva rifiutato?

[1] Solo una volta in una data si parla del “Seventeenth Day of September in the Year of our Lord […]”, ma era d’uso indicare le date con la frase “anno del Signore”.

Annunci

10 commenti

Archiviato in spunti di lettura e scrittura

10 risposte a “Qualcuno mi può aiutare?

  1. tauzero

    Infatti non è la Bibbia della famiglia Lincoln (che non arrivò in tempo a Washington dall’Illinois), ma è quella che fu acquistata a Washington per essere usata nella cerimonia del 1861.

    Il giuramento sulla Bibbia fu introdotto da Washington (che però giurò sulla Bibbia massonica) per simboleggiare la continuità con i padri fondatori. Lincoln, che era figlio di un battista praticante, leggeva e citava frequentemente la Bibbia, si interessava di spiritualità e di religione ma era contrario ai settarismi e ad ogni forma di gerarchia ecclesiastica. Quando venne il suo turno, giurò anche lui come tutti gli altri. L’unico presidente a non farlo fu Teddy Roosevelt nel 1901.

    Ah, per inciso, Bush padre giurò sulla stessa Bibbia (massonica) di Washington…

  2. di grazia che sarebbe una bibbia massonica?

  3. Per Arte

    grazie, non sapevo che Roosevelt si rifiutò di giurare sulla bibbia.

    Per Tau

    infatti aspettavo un tuo dotto commento! 😀

  4. Paolo

    Il riferimento al dio cristiano è per nel motto degli Usa, o sbaglio? oppure è riferito ad una divinità in generale?

  5. No, non c’è alcun riferimento nel giuramento ad alcun dio:

    “I do solemnly swear (or affirm) that I will faithfully execute the Office of President of the United States, and will to the best of my Ability, preserve, protect and defend the Constitution of the United States.”

    Questo è preso dall’articolo 2 della costituzione americana. Poi Washington alla fine del giuramento aggiunse: so help me god. Ma non è obbligatorio.

    http://en.wikipedia.org/wiki/Oath_of_office_of_the_President_of_the_United_States

  6. i riferimenti a Dio più che altro mi sa che stanno sulla dichiarazione d’indipendenza piuttosto che la costituzione

  7. il motto americano, inciso anche sulle monete, è proprio “in God we trust”

  8. alessandro

    Nel NYT di qualche giorno fa c’era un interessante articolo interattivo sui discorsi inaugurali dei presidenti e sulle parole più ricorrenti (purtroppo non ho il link e non ho tempo di cercarlo, ma con un po’ di pazienza e google dovreste riuscirci). Beh, il primo a nominare dio nell'”inaugural address” fu proprio Lincoln nel 1865. In compenso Reagan ce l’infilo 8 volte…
    Il dio in cui credevano Washington e Jefferson non era certo il dio di Reagan o di Bush (o di Carter, che faceva il predicatore), ma il dio dei filosofi illuministi.
    Quanto alle formula contenenti il riferimento a dio, ricordate la polemica sul Giuramento alla Bandiera? Un genitore aveva fatto causa alla scuola perché obbligavano il figlio a recitarlo con l’aggiunta della frase “one nation under God” che non sta nel testo originale. Il tribunale diede ragione alla scuola dicendo che ormai era invalsa la tradizione di aggiungere quella frase, un po’ come nel caso del giuramento presidenziale con quel “so help me God”.
    A me sembra che i Padri Fondatori fossero magari religiosi in privato, ma come uomini pubblici cercassero di tenere dio fuori dal governo e dalla costituzione, e non è un caso che quest’ultima sancisca a chiare lettere la distinzione di Stato e Chiesa (termine che indica anche le tante sette protestanti, grandi e piccole). L’invadenza cristiano-fondamentalista in politica è cosa della seconda metà del secolo ventesimo, per quello che ne so (ma non sono un esperto), e Reagan fu appunto il primo presidente a vincere grazie al voto dei fondamentalisti, che fino ad allora si erano praticamente ritirati dalla vita pubblica.

  9. Allora vediamo di chiarirci: parliamo di costituzione americana, motto americano o giuramento? in tutti i casi a parte il motto non c’e’ alcun riferimento ad alcun dio (cristiano, massonico, illuminista). Il motto “In god we trust” scritto nei dollari americani e’ apparso nel 1865 nelle monete(circa cento anni dopo la fondazione degli USA) e nel 1956 nelle banconote. Il motto in god we trust e’ diventato ufficiale nel 1956 in pieno macartismo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...