Nell’italiano convivono Giordano Bruno e Ratzinger

“C’è uno splendido racconto di Borges nel quale un eretico e un custode della fede a lungo e ferocemente si contrappongono. Quando l’eretico infine brucia sul rogo, il suo volto, per un attimo, si rivela essere quello stesso del custode della fede che l’ha fatto condannare a quell’atroce morte. Non le due facce di una stessa medaglia dunque, ma una medaglia che ha nel recto e nel verso la medesima immagine.

Lo stesso soldato italiano che, diciannovenne, a Caporetto scelse di non combattere, lo ritrovi poco più che quarantenne a El Alamein che si batte sino alla morte. E non certo per ragioni, come dire, equivalenti: nel primo caso infatti si trattava di difendere il territorio italiano, nel secondo di mantenere una postazione italiana in territorio straniero.

Lo stesso italiano che divenne emigrante e che venne aiutato in terra straniera da coloro che l’ospitavano, col fornirgli lavoro e abitazione, oggi mal sopporta che in Italia ci sia gente pronta ad accogliere gli extracomunitari.

Lo stesso italiano che amò intensamente Mussolini, che l’applaudì freneticamente a Milano, pochi giorni dopo l’appese per i piedi al distributore di benzina di piazzale Loreto, sempre a Milano.

Lo stesso italiano che una volta stentava a campare in Friuli e mandava la moglie a far la cameriera a Roma o altrove oggi disprezza la cameriera venuta dal Sud.

Più banalmente: lo stesso italiano che divorzia dalla moglie, e che vive con l’amante dalla quale ha avuto due figli, partecipa compunto a una dimostrazione contro il divorzio e firma contro i dico. Ma di fronte al duplice comportamento dell’italiano nei riguardi dei dettami della Chiesa si potrebbe scrivere un trattato piuttosto voluminoso. Gli esempi potrebbero continuare a centinaia.

Nell’italiano, dentro la medesima persona, possono insomma convivere contemporaneamente Galileo Galilei e Giordano Bruno, Tommaso Campanella e padre Bresciani, don Abbondio e Savonarola.

L’italiano è ritenuto all’estero persona inaffidabile in quanto spesso non mantiene la parola data o non porta a termine l’impegno preso.

[…] L’italiano non ha una visione totale della storia d’Italia, ha semmai una certa visione di dettaglio, limitata cioè alle minute vicende del suo vicino territorio, del suo paese d’origine, e addirittura del quartiere dove è avvenuta la sua nascita.

Può tuttalpiù rapportarsi con le vicende del paese limitrofo, ma solo perché esso è il suo rivale diretto nel campionato di calcio.

L’italiano è come un marziano caduto nottetempo al centro di quattro case abitate. Gli basterà venire a sapere dove si trova la sua abitazione, la parrocchia, l’osteria, il municipio. La sua curiosità non si spingerà oltre.

[…] Di un evento che l’ha appassionato, soprattutto perché strombazzato dai giornali e dalle televisioni, l’italiano ne conserva il ricordo solo per qualche settimana, al massimo per qualche mese.

A meno che non si tratti di cronaca nera, allora la persistenza mnemonica è assai più lunga. Ma per una ragione semplicissima e cioè che gli italiani immediatamente si dividono in due partiti ferocemente contrapposti: gli innocentisti e i colpevolisti. Senza la minima cognizione delle carte processuali, senza essere a conoscenza dei dettagli dell’indagine, decidono a primo acchito se l’accusato è innocente o colpevole. A pelle. Al solo guardarlo.

Da qui. In genere non mi piace molto Camilleri ma condivido dalla prima all’ultima riga di quello che ha scritto. Tutto quello che ha scritto in poche righe ho cercato di raccontarlo in questo blog per anni. Una sintesi quasi perfetta, un’autobiografia di noi stessi.

Annunci

6 commenti

Archiviato in anticlericalismo, Italia provinciale, politica, spunti di lettura e scrittura, tristezze

6 risposte a “Nell’italiano convivono Giordano Bruno e Ratzinger

  1. Dacché in questo preciso momento storico la moneta italica mostra come vittoriosa la faccia censorea della fede e dell’ottusità, c’è la speranza – sia pure aleatoria – che nel volteggio storico le cose possano cambiare per far trionfare – sia pure momentaneamente – la faccia di un Bruno, di un Galilei, di un Falcone, di un Englaro (che in questo momento stanno bruciando, ahimè!).

  2. Eh, il Camilleri te lo devo rubare 🙂

  3. Camilleri non piace manco a me, ma questo non vuol dire che non possa scrivere cose di buon senso.
    D’altro canto a me non piace nemmeno Borges.

  4. > D’altro canto a me non piace nemmeno Borges.

    Ahahahahahaha!!!

  5. io fossi in te condivideri dalla settima all’ultima riga, il racconto di borges non diceva quello.

  6. La cultura italiana si basa sull’antica arte di arrangiarsi dove il furbo è certamente più intelligente della persona corretta – che spesso se non derisa è perlomeno evitata – ed i buoi vengono attaccati al carro scelto dal padrone.
    Quindi non dobbiamo stupirci se il comportamento degli italiani pare incoerente se non scisso: la verità poggia sull’assenza di un amor proprio, una incapacità nel riconoscersi in ideali più alti del contigente sbarcare il lunario…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...