Archivi del mese: aprile 2009

Siete cosi’ prevedibili

Troppo facile la mia previsione.

berlumortadella

Annunci

10 commenti

Archiviato in Italia provinciale, politica, tristezze

E se…

Erano 159 i morti della febbre suina. Ma ora il ministero della sanita’ messicano dice che sono solo 7 quelli accertati. Gli altri? Ad un mese dall’inizio dell’epidemia non si sa. Potrebbero essere morti di altro, potrebbero essere congetture. E i contagiati confermati sono solo 26, non migliaia. L’OMS ha denunciato i ritardi e lo scarso rigore scientifico della sanita’ messicana. Abbiamo lanciato un’allarme mondiale senza le certezze di base.

Ora dicono che e’ un virus a basso contagio. In effetti se pensiamo che la normale influenza stagionale in meno di un mese puo’ mettere a letto milioni di persone nell’intero globo, uccidendone qualche migliaio, l’influenza suina pare una scorreggia. Ma mi posso sbagliare.

Molte compagnie farmaceutiche. i media e perfino i governi hanno tutto l’interesse a gonfiare qualcosa che e’ fisiologico in natura. Trattasi di strategia della tensione: tenere la popolazione allerta su qualcosa, distrarla e nel frattempo guadagnarci.

7 commenti

Archiviato in Uncategorized

Contrappasso

L’Italia del 2009 ha superato quota 60 milioni e il sessantamilionesimo era un rom rumeno che da adulto rubera’ dalle vostre villette, stuprera’ le vostre donne e riempira’ le pagine dei vostri giornali per mesi.

O forse diventera’ perfettamente integrato, parlera’ in dialetto veneto, votera’ Lega e maledira’ i nuovi immigrati indiani e cinesi definendoli tutti stupratori e ladri.

10 commenti

Archiviato in Italia provinciale, spunti di lettura e scrittura

Deja-vu

mortadella-8

Aspetta, aspetta.

Questo film l’ho gia’ visto un paio di volte.

L’epidemia che diventa pandemia. I voli cancellati. I TG che campano per mesi con una notizia gonfiata. La parola agli esperti di medicina. I governi che si preparano ai vaccini. I complottisti che dicono che sono le multinazionali farmaceutiche in combutta con la CIA ad avere creato il virus. Il calo del consumo della carne. Gli esponenti del governo che dicono che la nostra carne e’ sicura e supercontrollata. Qualche politico che viene filmato alla fiera della porchetta mentre mangia la mortadella (ah no quello era in parlamento).

E poi? E poi tutto finisce nel dimenticatoio dopo alcuni mesi. Tanto che i miei studenti inglesi l’altro giorno non sapevano neppure cosa era il morbo della mucca pazza. Viviamo un eterno presente e tra una pandemia sventata e l’altra ci mangiamo una fetta di mortadella.

20 commenti

Archiviato in Italia provinciale, politica, spunti di lettura e scrittura

Concludiamo il ragionamento

Pingitore ha ragione quando dice che la causa della chiusura del suo spettacolo e’ il crollo della sinistra. Pero’ non conclude il ragionamento fino in fondo. La morale della favola e’ che in un paese in cui esiste un solo partito e un solo leader non puo’ esistere la satira se non contro il leader stesso. Ma se il leader la vieta, contro chi possiamo fare satira?

15 commenti

Archiviato in Italia provinciale, politica

Dettagli

L’altra sera la BBC ha messo tra i titoli di testa la perdita di 410 milioni di euro della Fiat. Incuriosito e sorpreso vado a guardarmi i giornali online italiani e non trovo niente, se non un piccolo trafiletto in fondo. Dopo due giorni scoppia la bufera tra Fiat e UE.

E per giorni sembra che questa Unione Europea sia il cattivo di turno che si mette a ficcare il naso negli affari di un’azienda rispettabile. Se non fosse che i giornali italiani hanno volutamente censurato il record di perdite della Fiat, sembra davvero così. Cosa sarebbe successo se nei giornali italiani in prima pagina fosse campeggiata la scritta: “Fiat perde nel 2009 400 milioni di euro.”? La gente avrebbe capito che i dubbi della UE erano fondati. Ovviamente i giornali sono servi della seconda enclave (dopo il Vaticano) più parassita d’Italia, cioè la Fiat. Un mostro che succhia denaro di tutti i contribuenti da più di cinquant’anni.

La UE giustamente si chiede da dove la Fiat tirerà fuori i soldi per comprare Opel. La risposta la sanno tutti, perfino nella UE: dalle tasse degli italiani per i prossimi anni. Sarà anche per questo che addirittura il governo tramnite Frattini si è premurato di difendere la Fiat dai dubbi UE?

16 commenti

Archiviato in Uncategorized

La beffa

merda

Negli anni 50 lo Stato italiano regalava 44 ettari alla Città del Vaticano per la costruzione di uno dei più grandi impianti di radiotrasmissione al mondo, Radio Maria.

Nel 2009 il Vaticano decide di costruirci sopra uno dei più grandi impianti solari in Europa. La presa per il culo sta nel fatto che i preti parassiti (che dio li fulmini) utilizzeranno quel terreno che gli abbiamo regalato per guadagnarci ancor di più alle nostre spalle. L’eccesso di energia prodotta (cioè probabilmente più del 90% visto che le antenne di Radio Maria non ne consumeranno neppure l’1%) verrà venduta all’Italia. La scusa è quella di produrre energia pulita, ma in realtà il fine ultimo è ricavare ancor più soldi dall’Italia. Non si capisce infatti perché lo Stato più piccolo del mondo abbia bisogno di costruire il più grande impianto solare in Europa, se non per guadagnarci sopra. Un vicino di casa onesto (ma sappiamo che sono zecche) darebbe quell’energia all’Italia gratis visto tutto quello che facciamo per loro. Tanto più perché oltre a regalargli 10 milioni di euro l’anno (D-I-E-C-I milioni di euro) gli paghiamo l’acqua potabile e le fognature. Il Vaticano infatti ha arretrati da pagare per 50 miliardi delle vecchie lire all’Acea (la società che gestisce le fognature). E l’Italia ha dovuto pagare di suo pugno nel 2004 25 milioni di euro per ripagare i debiti degli scarichi abusivi dei preti. Infatti pure la merda la fanno d’oro.

15 commenti

Archiviato in anticlericalismo, Italia provinciale, politica, tristezze