Guida alle europee (dal punto di vista di un liberale)

Ho deciso di scrivere questa breve guida alle elezioni europee (vista da un libertaccio come me) dopo aver cercato per ore di spiegare la politica italiana e la politica europea ad un prof. (un emigrato veneto con doppio passaporto brasiliano e italiano) e poi alla mia ragazza. In ambedue i casi trattasi di persone con poca dimestichezza con la politica italiana. I risultati sono stati mediocri non di certo a causa mia, ma per la complessità della politica italiana. Ci sono state pero’ alcune domande che mi hanno fatto incuriosire.

1. La prima riguarda la posizione dei partiti nel Parlamento Europeo.

La posizione dei partiti nel parlamento europeo spesso non rispecchia quella del parlamento nazionale. State attenti!!

Il Parlamento Europeo e’ diviso in gruppi parlamentari: PPE, PSE, ADLE, GUE e non iscritti.

Il PPE, o partito popolare, che riunisce i conservatori di destra e di centro, i cristiano-democratici e i cattolici e’ il primo per grandezza, e quest’anno dovrebbe fare l’exploit grazie al 40% dei voti per il PdL. Nel gruppo PPE entreranno il PdL di Berlusconi, l’UDC, l’ UDEUR.

Il secondo per grandezza e’ il PSE, partito socialista europeo, del quale fanno parte i partiti socialisti. Solo il Partito Socialista potrebbe aderire a questo gruppo, ma cio’ e’ impossibile a causa dello sbarramento al 4%.

Il terzo per grandezza e’ l’ADLE, l’unico gruppo liberale del parlamento europeo e l’unico che non appartiene alle tradizioni socialista, comunista, cattolica e popolare. Di questo gruppo fanno parte i Radicali Italiani (ora Lista Bonino-Pannella) e l’IdV (non si sa perche’ Di Pietro abbia aderito a questo gruppo; se qualcuno me lo puo’ spiegare ne sarei felice).

Del GUE, partito della sinsitra unitaria fanno parte Rifondazione comunista e Comunisti Italiani.

Del gruppo non-iscritti fanno parte Lega Nord, Alternativa Sociale e Fiamma Tricolore.

Il PD non fa parte di nessuno di questi gruppi. Ma di questo ne parlo nel punto 2.

Praticamente l’Italia stando ai sondaggi mandera’ deputati conservatori-cattolici e leghisti, piu’ qualche dipietrista.

2. perché il PD non è con le altre forze della sinistra e forse andrà nel gruppo dei popolari insieme al PdL berlusconiano?

Questa è stata la domanda più difficile. Ho cercato di spiegare la genesi del PD, cioè la fusione con i rutelliani e i cattolici dell’Opus Dei con gli ex-comunisti, ma è stata dura far credere che il PD e il PdL forse voteranno insieme al Parlamento Europeo. Oggi finalmente è arrivata la notizia che forse il PD fonderà un nuovo gruppo. Il gruppo “MAANCHE europeisti”, un ircocervo che voterà con Berlusconi o con i socialisti europei a seconda dei casi. I rutelliani voteranno con Berlusconi in qualsiasi caso. Morale della favola? Se votate PD per le europee, molti dei loro deputati voteranno insieme ai partiti popolari conservatori in temi come economia e diritti civili. Fanno eccezione (spero) casi come quello di Scalfarotto che e’ una sorta di talpa radicale nel PD. Ma comunque il nuovo gruppo e’ in forse e Rutelli minaccia la scissione in Europa.

3. economia, chi è statalista e chi è liberista?

Ho fatto l’elenco di tutti i partiti che consentivano l’intervento dello stato nel mercato e di quelli che utilizzavano di più lo strumento delle tasse. Non si è salvato nessuno ovviamente, a parte i Radicali che sono gli unici ad entrare nel gruppo ADLE insieme all’IdV.  Ricordiamo che l’ ADLE e’ l’unico gruppo parlamentare europeo a rifarsi a tematiche liberali e liberiste.

4. ricerca scientifica, fecondazione assistita, staminali embrionali, OGM. Quali partiti sostengono questi temi?

Anche qui un massacro. Sia PdL che UDC che Lega che Fiamma voteranno come hanno fatto qui in Italia. Cioe’ contro tecniche di fecondazione assistita, contro ricerca su staminali embrionali e contro molte nuove tecniche che hanno risvolti etici. Il PD votera’ in ordine sparso: i cattolici rutelliani voteranno con le destre, mentre qualche sparuto laico come Scalfarotto votera’ a favore di questi temi. I Radicali sono in prima linea su questi temi. Anche i partiti comunisti e socialisti voterebbero a favore di questi temi. Per quanto riguarda gli OGM, a parte i radicali, tutti gli altri non sanno manco cosa siano. Quindi voteranno contro comunque.

5. Laicita’ dello stato. Chi si oppone allo strapotere clericale delle chiese europee?

Nessuno a parte Radicali, Comunisti e forse l’IdV (dipende da chi viene eletto).

Annunci

15 commenti

Archiviato in Uncategorized

15 risposte a “Guida alle europee (dal punto di vista di un liberale)

  1. Mmh.. Boh. Hai una visione troppo caricaturale del Piddì. I rutelliani, che pure apprezzo poco e che sono estremamente minoritari nel Piddì (i cattolici popolari di Franceschini e Marini – per dire – vogliono fare il gruppo allargato coi socialisti), non stavano nel PPE, ma nel PDE, cioè insieme ai Liberali a formare l’ALDE, appunto.

    Ecco, l’ALDE.. Boh. Per quanto mi piacciono molto i radicali (meno l’Idv), e i libdem british sono il partito a me più vicino (secondo europrofiler.eu, che vabbè).. mi sembrano nè carne nè pesce. Sono loro, più che il Piddì, a votare un po’ polare, un po’ socialista. Per dire.

  2. marcoboccaccio

    io ho la sensazione che il tema dei cattolici integralisti nel piddì (teodem, binetti, rutelli) sia stato gonfiato ad arte prima delle passate elezioni politiche. in questo modo molti non hanno votato piddì, favorendo la dispersione. ora non se ne sente più parlare. è chiaro che votare un partito che non sai a quale gruppo apparterrà è quasi demenziale, ma allora bisogna dare preferenze molto mirate! (io peraltro ancora non lo so chi voto, per la prima volta in vita mia: se fossi nel nord-ovest voterei scalfarotto, ma ahimè sto a roma)

  3. Mmm…
    Non so se avete seguito le discussioni dell’ultimo congresso del PD. Tutti avevano paura di parlare della posizione nell’europarlamento perche’ rutelli avrebbe creato problemi. Infatti si sono dovuti iventare questo nuovo gruppo a cui aderiranno solo loro ma sono sicuro che voteranno in ordine sparso per temi bioetici o economici.

    Per Marco

    Guarda che sono stati i cattolici del PD a gonfiarsi ad arte. Hanno votato per la legge 40, contro il caso englaro e per tutti gli altri temi bioetici si sono schiacciati a destra.

    Comunque e’ ovvio che la mia posizione e’ viziata dalle mie simpatie e preferenze radicali. 😀

  4. Okkei.. Solo mi è sembrato di cogliere nel post una decisa simpatia per l’ALDE. Ecco, giusto ricordarsi che nell’ALDE ci sta(va) Rutelli, ci sta Bayrou, Di Pietro, Pannella.. insomma, di tutto un po’. Modello Panarea.

  5. Leggera simpatia? 😀
    Si si lo so. Ma non e’ colpa dei radicali o dei LibDem inglesi se ci sono infiltrati. Il problema e’ Rutelli e Di Pietro che non sono ne’ carne ne’ pesce.
    Purtroppo e’ l’unico gruppo dove si riuniscono i liberali europei. Il male minore.
    Nel popolare ci sono Cameron, Berlusconi, Sarkozy, Aznar e tutte le destre cristiano-populiste.
    Del PSE neanche parliamo perche’ dall’Italia non ci andra’ nessuno.
    Praticamente l’italia riempira’ il PPE e le frange estremiste di destra. STOP.
    Sperando che i radicali superino il 4% e che persone come Scalfarotto vengano votate, altrimenti la nostra rappresentanza e’ praticamente reazionario-fascista. Il che sarebbe uno specchio fedele del paese…

    p.s.
    comunque ora so perche’ nel gruppo ALDE ci sono anche bayrou, rutelli e di pietro.
    ALDE e’ la fusione dell’ ELDR e di un gruppo di centristi democratici europei. Infatti i radicali sono affiliati all’ELDR che riunisce tutti i liberali europei. Dopo la fusione Bayrou, rutelli e di peitro si sono trovati nell’ALDE.

  6. Cachorro Quente

    Difatti ‘sto giro il PD è proprio voto inutile. Io rimarrò indeciso fino all’ultimo secondo tra i Radicali e il progetto umanitario di regalare lo stipendio a qualche vendoliano (quello che gli anglosassoni chiamerebbero “charity case”).

    E poi in cabina andrò in panico e darò la preferenza a Emanuele Filiberto.

  7. Infatti.. l’ALDE è l’unione del ELDR e del PDE.

    Comunque, ripeto, per me hai un’idea troppo caricaturale del Piddì.. è l’unione di due pilastri politici e costituzionali fondamentali in Italia: PCI e Cattolici Democratici.

    I radicali hanno idee interessanti, vero, ma rappresentano lo zerovirgola, e sono estremamente minoritari. A me i partiti duri e puri, vedi le varie sinistre falcemartello, i radicali, le destre estreme, ecc. non piacciono. Se si vuole contare in politica bisogna contarsi e confrontarsi con idee diverse dalle proprie.

    Tipo alle ultime politiche: i radicali sono entrati in parlamento grazie al Piddì, ma dal giorno dopo subito a differenziarsi come fossero un partito autonomo.. E poi la Bonino dice di essere a favore del bipartitismo. Boh.

  8. bastiancuntrari

    Ho sentito ieri a Omnibus su La7, Franceschini che annunciava la proposta di una nuova formazione europea, secondo me ancora più impapocchiata delle due tra le quali sono indecisi (il video è qui e la proposta è circa a 17’30”). Il tuo scritto mi è servito comunque molto, Fabristol, per chiarirmi le idee sul mio voto prossimo venturo e sul mio post ti ho linkato (anche se non voterò come te…). Per quanto riguarda la tua domanda sul perché l’Idv abbia aderito all’ADLE, credo che sia perché mi sembra l’unico raggruppamento sufficientemente laico (tant’è che anche i radicali ci sono) e perché del liberalesimo esiste anche la versione più soft, non marcatamente liberista, che è quella del liberal-socialismo. E penso sia questa la vocazione dell’Idv.

  9. marco

    grazie a questo post ho le idee più chiare, lo hai spiegato benissimo, ora so’ per chi votare alle europee……ma non potevi candidarti tu nella lista Pannella-Bonino? 🙂 ti avrei votato…..w Fabristol

  10. testa bislacca

    Grazie delle delucidazioni, che hanno fugato gli ultimi dubbi.
    Il PD si riconfermerebbe, quindi, un assurdo guazzabuglio che comprende tutto ed il suo contrario. I moderati del vecchio PC più i cattoprograssisti con cilicio e voto di castità.
    Brrrrrrr.
    Peccato tu abbia dato quell’ulteriore spiegazione sul perchè Di Pietro sia nell’ADLE. Mi sarebbe piaciuto rispondere che gli hanno dato le indicazioni sbagliate.
    🙂
    Ciao.

  11. Andrew

    Il partito dell’IdV si propone di raccogliere e dar voce a settori della società italiana di diversa matrice politica e ideologica uniti dalla riproposizione della cosiddetta “questione morale”. In quale altro raggruppamento Europeo si potrebbe collocare al momento?

  12. Per Andrew

    Poteva per esempio andare con i non-iscritti come la Lega.

    Per tutti

    io comunque, qualsiasi cosa votiate vi consiglio caldamente di votare un partito minore: radicali, socialisti, comunisti qeullo che volete. Li aiuterete a superare il 4%. Il PdL e il PD arriveranno comunque oltre il 4%, mentre gli altri non avranno alcuna rappresentanza!
    Insomma anche se votate Berlusconi sappiate che lui raggiungerà comunque il 41% ma il vostro voto potrete ragalarlo ad un partito minore che vi sta simpatico.

  13. Andrew

    Non iscritti non é compatibile,
    quella é un area in cui la Lega si colloca come coloro che sono scettici nei confronti dell’Unione Europea. L’Italia dei Valori crede nell’Europa, vuole farne parte nell’unico gruppo in cui ad oggi nel Parlamento Europeo puó rappresentarsi.

  14. filomeno

    DiPietro è nei liberali perchè sostiene politiche liberiste (vedi aumento orario lavoro) e dure nei confronti degli immigrati.

    in genere il voto all’europarlamento è decisamente più libero rispetto a quello al parlamento italiano
    ed i piddini/diessini che in Italia fanno salti mortali per compiacere il vaticano , in europa votano con tranquillamente con il PSE.

    ci sono poi ampie convergenze di voto tra i gruppi parlamentari (nel senso che il PSE e PPE hanno votato tante volte insieme) .
    i liberali praticamente votano sempre o con il PSE o con il PPE.

  15. E’ proprio per questi motivi che Di Pietro e’ considerato un populista di destra. che si e’ trovato a sinistra solo perche’ contrario a Berlusconi. in un ipotetico mondo senza Berlusconi Di Pietro sarebbe l’opposizione del PD a destra.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...