Il velo tra due mondi paralleli

2512885299_3ef5df2aaeA proposito della polemica scatenata sul burkini avrei voluto scrivere uno di quei post coi pipponi liberali bla bla che tanto piacciono a quelli come me (cioè lo 0.00001% della popolazione italiana) ma Leonardo mi viene in aiuto e credo di poter sottoscrivere il suo di post.

Legato alla polemica del velo mentre in Italia si verrà costretti ad andare in giro senza velo (con buona pace di islamiche, suore cattoliche, donne hindi e vecchiette sarde) nella Striscia di Gaza le bambine verranno costrette a mettere il velo in classe, come in una Mogadiscio o Kabul qualunque. Non solo ma verranno istituite “ronde del pudore” che vigileranno perché le donne in spiaggia e nei posti pubblici indossino il velo. Due mondi paralleli insomma: per il senso del pudore una donna in Europa deve stare in bikini, in medioriente coperta.

Insomma trattasi di specchio culturale in cui, a mio modesto parere, a rimetterci è solo la libertà di vestirsi come si vuole.

P.S.

Nella foto una donna sarda con il tipico hijab… ehm volevo dire col velo da vedova.

Annunci

11 commenti

Archiviato in anticlericalismo, Italia provinciale, sardità, spunti di lettura e scrittura

11 risposte a “Il velo tra due mondi paralleli

  1. anonimo

    1) è una divisa nè più nè meno di quelle che trovi in qualunque scuola privata: solo che hanno il velo

    2 hamas non c’entra nulla sono i Presidi a decidere

  2. 1) è una divisa di una scuola pubblica non privata, e questo fa una grossa differenza. Trovo inquietante comunque che una divisa abbia un velo che sia pubblica o privata.

    2) Secondo Haaretz è una proposta di Hamas. Se hai altre informazioni in merito passaci un link, grazie.

  3. oddio, mettere il termine “liberale” così vicino al termine “leonardo” è una spregiudicatezza 🙂

  4. Eh vabbè, io con Leonardo ho un rapporto di amore e odio. Ci sono alcuni post che sottoscrivo come fossero miei e altri che… 😉

  5. rob

    Hai dimenticato di dire che tutte le leggi in vigore, ma proprio tutte, devono essere rispettate su tutto il territorio italiano, tranne a Villa Certosa.

  6. Enrico

    @ Rob

    Dici che tra qualche tempo Repubblica ci delizierà con i dettagli di perversi party in burkini a casa di Papi? 😀

  7. Questione molto delicata

  8. Yoshi

    la donna sarda nella foto però non pretende di fare il bagno in piscina così 🙂

  9. La donna sarda nella foto non può andare in piscina perché le ronde del pudore… ehm volevo dire i paesani si scandalizzerebbero. 🙂

  10. Emanuele

    La donna sarda della foto al primo sguardo mi ha dato due impressioni fortissime:
    – Sembra una principessa assira (non mi chiedete perché assira, non lo so, so solo che lo sembra)
    – Non vorrei averla come suocera
    😛

  11. io sono favorevole al burkini, non ce la faccio più , tutte le estati la stessa storia, tettine, culetti esposte come fossero frutta al mercato.

    E’ un supplizio di tantalo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...