Archivi del mese: novembre 2009

Presuntuoso, arrogante, invadente

Il clericale disputa, insiste, condanna, minaccia. Con albagia e ferocia, non tanto sui problemi della condotta morale, quanto sulle basi dogmatiche della religione. Fuori di queste non c’è, secondo lui, vita morale. Chi non è clericale non è cattolico; chi non è cristiano non è religioso; chi non è religioso è immorale. Perciò chi non è clericale è un essere maligno e pericoloso alla società… Uomini che hanno la stessa religione hanno diverse fibre morali, e uomini che hanno diverse religioni hanno eguali modi di comportarsi moralmente. Questa esperienza non esiste per il clericale. Esiste solo la certezza che, se non accettate i suoi dogmi, siete un’anima perduta. Essendo sicuro che la sua anima si salverà, si occupa di salvare le anime degli altri, presuntuoso, arrogante, invadente.

Gaetano Salvemini, prefazione a Il programma scolastico dei clericali, 1951.

(hattip Il Laicista).

5 commenti

Archiviato in anticlericalismo

Le radici dell’Europa

radici1Nessun esponente politico, a parte i Radicali, ha condannato gli atti di intimidazione e violenza contro la famiglia Albertin rea di aver portato alla Corte Europea per i diritti umani la questione del crocifisso. Questa famiglia vive da giorni nella paura con telefonate minacciose, croci nere dipinte sulla recinzione di casa, i figli ingiuriati a scuola, con i sindaci della zona che aizzano le folle invitando letteralmente la famiglia ad andarsene via. Nessun politico, nessun magistrato, niente protezione dalla polizia. Come dei neri in un villaggio di Ku Klux Klan. Come degli ebrei fuori dal ghetto medioevale dopo l’ora di chiusura. La carità cristiana al massimo splendore.

19 commenti

Archiviato in anticlericalismo, Italia provinciale

Il colmo

Dei fascisti fanno irruzione nella sede dei Radicali Italiani, fanno esplodere una bomba carta, lanciano manifesti offensivi contro i radicali e inchiodano delle croci sul loro portone. E’ un atto gravissimo, di violenta intimidazione prima di tutto, poi di intolleranza che sa del peggio della cultura islamofascista e cattoclericale. Secondo il loro capo Roberto Benignetti “si è trattata di un’azione pacifica finalizzata alla critica della visione di un’Europa priva di quei valori che l’hanno costruita nei secoli: cristianità, nazione, popolo.”

Neppure negli anni 70 o nei bui anni del ventennio fascista questi intimidazioni si facevano alla luce del sole e con un comunicato ufficiale del giorno stesso. Così come se fosse la cosa più normale del mondo compiere queste azioni squadriste.

Un atto che dovrebbe dare scandalo prima di tutto ai credenti, e invece c’è qualcuno che invece di denunciare il fatto in sè, cioè l’intimidazione, l’intolleranza ecc. si preoccupa della salute delle piccole croci invocando la legge su vilipendio di simboli religiosi. Capite? La violenza non sta nell’aver usato il simbolo religioso come arma di intimidazione contro altri, ma nell’aver abusato del simbolo religioso. Chissà se qualcuno un giorno deciderà di usare un crocifisso per uccidere gli infedeli. Tanto verrebbe processato per vilipendio alla religione, non per omicidio.

14 commenti

Archiviato in anticlericalismo, Italia provinciale

Intermezzo stellare

Qui sotto un bellissimo video di Star Wars versione gangsta rap che conoscevo da qualche tempo ed è sempre un piacere rivedere.

Ora è uscito il sequel con tutti i personaggi dell’universo di George Lucas e potete vederlo qui. Buona visione. 😀

Questa in basso è un’anteprima incompleta giusto per dare un assaggio.

2 commenti

Archiviato in Uncategorized

Ignoranza pandemica

4984

Ho trovato il grafico che vedete qui sopra in rete (sta girando tra i tumblr). Non so a quali dati si riferisca ma pare abbastanza plausibile. Perlomeno il numero di morti per H1N1 è veramente intorno ai 6000 nel mondo, per gli altri non so. Credo siano stime fatte da internauti, ma comunque anche se non preciso al 100% dà un’idea della gravità della malattia e della giusta collocazione che bisognerebbe darle nella lista delle priorità.

Qui sotto un video che gira da qualche giorno dove l’epidemiologo Tom Jefferson del Cochkrane Institute (sede in Italia) ci dice che l’OMS cambiato i criteri per valutare una pandemia nel 2009, giusto per far abbassare la soglia di pericolosità. E questa, se confermata, è una cosa gravissima. Secondo i nuovi criteri, scritti apposta per l’H1N1, perfino i ceppi di influenza stagionale sarebbero da considerare pandemia. Tecnicamente è sempre stato così, nel gergo comune diciamo, ma l’OMS come sapete decide in una scala da 0 a 6 la pericolosità di una epidemia, e di certo non aveva mai considerato l’influenza invernale scala 6. Jefferson fa un’accusa pesante, che molti sospettano da mesi, che cioè conviene alle case farmaceutiche questa psicosi e questo cambio criminogeno dei criteri dell’OMS. Senza voler difendere troppo le case farmaceutiche c’è da dire che loro fanno il loro mestiere, e che se vogliamo dirla tutta la psicosi è stata anche creata da un’ignoranza diffusa, dal classico allarmismo ebete dei media e dei giornalisti e dalla compiacenza di politici, anch’essi ignoranti. Le case farmaceutiche non sono stupide e hanno solo sfruttato l’ignoranza generale. Ciò che più mi preoccupa è che quando ci sarà veramente una pandemia pericolosa e mortale l’opinione pubblica non vorrà farsi fregare un’altra volta.

Mi sono informato su Jefferson e risulta autore di svariati papers e reviews a livello internazionale altissimo come Lancet per esempio. Un’intervista di Jefferson la trovate anche qui sullo Spiegel di Luglio dove dice le stesse cose.

15 commenti

Archiviato in giornalismo di merda, scienza, tristezze

Tra le varie stupidaggini

swine-fluTra le varie stupidaggini che dobbiamo sorbirci ogni giorno dai giornali sulla Influenza A c’è questa. Secondo l’articolo, e credo anche secondo l’ISS, la nuova influenza A ha una incidenza 25 volte superiore rispetto all’influenza stagionale. Ma come, si chiede l’uomo comune, ci avevano detto che l’incidenza era inferiore a quella della stagionale!? Chi ci capisce qualcosa? Infatti c’è poco da capire se non che i risultati dello studio sono fuorvianti perché i controlli sono sbagliati. Lo studio ha comparato il numero dei casi osservati ogni 1000 assistiti di quest’anno con quelli degli anni scorsi. Oh bella! Ma allora questa influenza è veramente 25 volte più potente! Calma. Forse è più ragionevole pensare a qualcosa di più semplice. Che cioè gli anni scorsi chi si beccava un’influenza non chiamava il medico o andava all’ospedale per i controlli. Infatti a causa della sindrome da panico tutti chiamano medico, guardia medica e ospedali e ovviamente il numero di casi aumenta perché vengono riportati alle autorità mediche. I controlli quindi sono falsati dai casi ombra, cioè dai casi non riportati alle autorità mediche.

Altro punto importante è che le statistiche dell’ISS non distinguono tra stagionale e H1N1. I casi dei due differenti virus nelle statistiche sono stati sommati. Infatti è sbagliato dire che l’influenza è 25 volte superiore rispetto alla stagionale. Corretto sarebbe dire che il picco delle influenze stagionali RIPORTATE è 25 volte superiore alla media.

9 commenti

Archiviato in giornalismo di merda, scienza

Remember, remember the fifth of November

V for Vendetta-751826Immaginatevi se il giorno dell’11 Settembre 2001 Mohammed Atta e i suoi compagni terroristi fossero stati arrestati dalla CIA. Fra 400 anni negli USA si festeggerebbe l’11 Settembre come un giorno di libertà dove 3500 persone scamparono alla morte orchestrata dai fanatici religiosi. E’ un parallelo a quello che successe 400 anni fa in Regno Unito, quando un fondamentalista cattolico di nome Guy Fawkes con altri congiurati cattolici cercò di far esplodere il Parlamento inglese a Londra, con migliaia di persone dentro, compresi molti cattolici. Qualcosa non funzionò, la CIA dell’epoca lo arrestò e fu bruciato vivo. Fawkes agì perché come cattolico veniva perseguitato nel Regno Unito. Il suo obiettivo era quello di restaurare il cattolicesimo di stato in un periodo di guerre di religioni che infiammavano l’Europa continentale. Fawkes era un neoconvertito. Apparteneva ad una famiglia nobiliare dello Yorkshire e dopo la conversione al cattolicesimo si arruolò come mercenario per conto della Spagna nella guerra delle Fiandre. Combattè per dieci anni a fianco dei cattolici fiamminghi e spagnoli e imparò ad usare gli esplosivi. Provate a sostituire Fiandre con Afghanistan e 11 Settembre con 5 Novembre.

I britannici festeggiano il 5 Novembre perché Guy Fawkes/Mohammed Atta fu arrestato e arso vivo, non perché Guy Fawkes voleva far esplodere il parlamento. Il problema arriva quando esce il fumetto di Alan Moore V per Vendetta, seguito dal film. Il fumetto così come il film ribaltano la situazione (prendendo spunto da molti anarchici dell’800) definendo Guy Fawkes un anarchico che voleva eliminare lo stato o perlomeno i simboli di uno stato oppressivo. Tuttora molti libertarian festeggiano Guy Fawkes perché pensano sia un anarchico che aveva come scopo l’abbattimento dello stato, quando invece l’obiettivo del terrorista Fawkes era quello di restaurare il cattolicesimo di stato e riportare il Regno Unito nell’orbita del papa re, e magari alla mercè della Spagna dove vigeva l’Inquisizione. In realtà questi libertarian festeggiano il fumetto di V per Vendetta non Guy Fawkes day.

32 commenti

Archiviato in anticlericalismo

Laicità, unica salvezza per il cattolicesimo

Laicità non è antireligiosità
Laicità non è ateismo
Laicità non è multiculturalismo
Laicità non è iconoclastia
Laicità è un metodo di convivenza civile, non una ideologia.

 

Questo e altro in un articolo che ho scritto su Giornalettismo.

22 commenti

Archiviato in Uncategorized

Fanno i gradassi solo quando sono la maggioranza

mezzaluna

Anno 2060, una città d’Italia.

“Papà, oggi in aula hanno appeso la mezza luna dell’Islam. La professoressa Fathima Hussein dice che siccome l’80% della popolazione italiana è musulmana e che l’Islam è una tradizione consolidata da oltre 50 anni in Italia è giusto così. Dice anche che la mezza luna dell’Islam è un simbolo di laicità.”

“E tu cosa hai detto?”

“Cosa avrei dovuto dire da buon cattolico, papà?”

“Beh avresti dovuto dire che i muri delle istituzioni pubbliche non sono come gli angoli dove pisciano i cani per delimitare il territorio del branco più numeroso. E che quella della professoressa è una chiara violazione della laicità dello stato.”

“Ah.”

“Anzi ora chiamo il vescovo di Roma per protestare alla Corte Europea per i diritti dell’Uomo. Non si sa mai che gli ultimi 50.000 cattolici d’Italia riescano finalmente a far valere il loro diritto di minoranza ad essere rispettati. Che fine ha fatto la sana laicità, per dio!”

57 commenti

Archiviato in anticlericalismo, Italia provinciale, spunti di lettura e scrittura

Vedi il Cotugno di Napoli e muori

Il 90% dei morti italiani con la concausa dell’influenza H1N1 sono concentrati a Napoli. Cinque dei quali all’ospedale Cotugno. Se fossi direttore dell’ispettorato d’igiene (o l’equivalente regionale) aprirei un’inchiesta. In quell’ospedale c’è un problema di scarsa profilassi. E a parte la bambina tutte le vittime avevano grossi problemi di salute. E in un ospedale tutti hanno problemi di salute giusto? Ecco allora direi che la prima cosa da fare sarebbe evacuare quell’ospedale, quarantenare le strutture e disinfettare l’intero stabile. Ma sono sicuro che continueranno come sempre, a farsi domande cretine e a piangere i propri morti.

 

16 commenti

Archiviato in Italia provinciale