I soliti sospetti

AGGIORNAMENTO PIU’ SOTTO

I sospetti aumentano sempre di più*. Diciamo che ora abbiamo una testimonianza del Vice questore di Palermo tutta da confermare, ma che tira in ballo anche altre persone; i due arresti sono allo stesso orario pur essendo uno a Milano e l’altro a Palermo e non avendo i due niente in comune; Fidanzati negli ultimi anni veniva continuamente arrestato e rilasciato per problemi di salute e tutti sapevano dov’era; Il Giornale di Berlusconi posta la notizia alcune ore prima che le agenzie nazionali pubblichino la notizia del loro arresto; tutti i giornali la sbattono in prima pagina, una pratica non comune dei giornali italiani; Berlusconi e Ministro dell’Interno immediatamente commentano la notizia dicendo che è stata “una risposta alle calunnie”.

Potrebbero essere tutte coincidenze o congetture nostre ma non sarebbe il caso per fugare tutti i dubbi che qualcuno, un giornalista o un magistrato magari, cercasse di vederci chiaro? Interrogare Genchi, chiedergli di quelle telefonate “qua sta succedendo uno schifo”. Interrogare Feltri e chiedergli come ha fatto a ricevere la notizia 3 ore prima rispetto a tutti quanti se non da fonti Berlusconiane (l’antimafia non doveva essere indipendente dal governo?). Ecco magari saremmo tutti più tranquilli.

*cliccare sul link please. Su 150 letture del post solo 3 hanno cliccato quel link.

AGGIORNAMENTO

Come fa notare L’89 (cliccate su questo link) il caso è stato risolto una volta per tutte, per quanto quelli de Il Giornale abbiano fatto di tutto per nascondere le prove addirittura cambiando l’orario alle 20:00. Poveri pivelli, non conoscono il potere di Google Cache. Google cache permette di fare una copia “freezata” di una pagina web e anche se modificate o cancellate quella pagina la cache rimarrà per alcuni giorni. Ecco lo snapshot di quell’articolo del giornale scritto il 5-12-2009 alle 11:18, addirittura 5 ore prima che le agenzie nazionali stampassero la notizia e udite, udite 3 ore prima degli arresti avvenuti intorno alle 14:50!

Data e orario possono essere visti in alto a destra. Quest’ultimo “freeze” è stato fatto tra le 20:33 e le 20:45. Di questo siamo sicuri perché l’ultimo commento è a quell’ora e il prossimo è alle 20:45 come potete vedere qui sotto.

Annunci

10 commenti

Archiviato in giornalismo di merda, Uncategorized

10 risposte a “I soliti sospetti

  1. E invece non siamo tranquilli per niente. Una delle cose che più mi hanno colpito delle dichiarazioni di Genchi è la presunta sceneggiata della folla plaudente sotto la questura organizzata da alcuni poliziotti che non avrebbero nemmeno partecipato alla cattura di uno dei due latitanti.

  2. Volevo segnalarti che, per tutti gli articoli che, come questo, ci permettono di comprendere in po’ meglio la realtà e la politica, noi lavoristi abbiamo messo a disposizione sul nostro sito (http://lavoristi.ning.com) un servizio di News Share.
    Si tratta di un piccolo sito tipo OK notizie il quale è solo nostro.

    Il vantaggio è che possiamo condividere e votare le nostre pagine con persone che ci conoscono ed, in questo modo, ottenere quell’interazione che non è possibile avere con il milione di persone che popolano siti più famosi.

    Per questo volevo invitarti a segnalare questo articolo e gli articoli che ritieni interessanti all’indirizzo http://lavoristi.ning.com/opensocial/ningapps/show?appUrl=http%3A%2F%2Fslinkning.com%2Fspec.xml%3Fning-app-status%3Dnetwork&owner=ri7d3zde50f7 ed a commentare e votare, tra gli articoli segnalati, quelli che secondo te meriterebbero di più la nostra lettura.

    Un saluto

    Guido Mastrobuono

  3. Si deve dare atto che la sceneggiatura rasenta la perfezione.

  4. Non c’è niente da fare: la “spettacolarizzazione” è nel loro DNA. Ogni evento che porti acqua al mulino di Mr B. – quandi ci va bene – è enfatizzato, se non addirittura, come in questa squallida vicenda, costruito a tavolino.
    Per fortuna c’è chi, come L’89 o come te, li beccano con il sorcio in bocca!
    Che vergogna, Fabristol! E bravissimo!

  5. quindi che non si permettessero di arrestare più nessuno fino a nuove elezioni … ma se rivince B ancora niente di cui possa vanatarsi.

    La lotta la possono fare solo i lottatori. E si arresti solo chi dice D’Avanzo. E quando lo dice D’Avanzo.

    Noto il tramonto del senso del ridicolo. L’ossessione collettiva è il vero caso Italia !!

  6. Piccola Posta, 5 dicembre 2009

    Presidente: Signor Spatuzza, lei intende rendere le dichiarazioni testimoniali, o intende avvalersi della facoltà di astenersene? Spatuzza: Innanzi tutto buongiorno. Presidente: Buongiorno.

    di Adriano Sofri

  7. ale

    arci, in Italia non è tramotato il senso del ridicolo, ma quello dell’onestà, del senso critico e del senso dello Stato – e i tuoi commenti su questo sito lo confermano puntualmente.

  8. ambra

    Buona sera a tutti ho 18 anni e solo da poco mi sto interessando alla politica, aggiornandomi su quotidiani e siti. Devo dire che ancora non ho maturato un vero orientamento politico ma osservo comunque questo governo e il suo operato. Proprio per questo posso dire che provo già disgusto per questi ultimi avvenimenti e soprattutto per l’arresto dei due “mafiosi”. Se veramente è stata una messa in scena, non c’è più speranza per l’Italia. Vige la cultura dell’enfasi e per di più di cose false o combinate. Questa storia ha infangato i nomi di Borsellino e di Falcone, persone che hanno combattuto contro la mafia (quella vera e in “buona salute”).

  9. Ambra c’è da dire che il condizionale deve essere sempre d’obbligo. Infatti è per questo che ho invocato alla fine del post l’intervento di giornalisti e/o magistrati per fare chiarezza sulla vicenda. Non possiamo fidarci ciecamente di Genchi (anche perché non ha un passato molto chiaro) ed infatti stavo per non postare il suo video. Però lui mette in ballo altre persone. Cioè le sue sono parole che potrebbero essere verificate se qualcuno se ne prendesse la briga. Su Fidanzati mi sono documentato su altri siti e ho scoperto che era stato arrestato svariate volte in questi anni ma sempre rimandato agli arresti domiciliari perché malato. Quindi non era un boss latitante introvabile. Infatti lo hanno trovato in giro col cognato, non si nascondeva. Quindi ci troviamo di fronte ad un pesce piccolo e facilmente utilizzabile a fini politici.

  10. Bravo Fabri, bellissimo articolo di controinformazione. Tra la folla plaudente sotto la questura un paio con il tricolore: ce l’hanno sempre ripiegato in tasca, come un ombrellino Knirps, pronto per tutte le occasioni? O era un’indicazione degli sceneggiatori?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...