“La crisi”

Scommetto tutto quello che volete che Morgan fra qualche anno ce lo ritroveremo come opinionista su Il Foglio di Ferrara a discettare intorno a questioni etiche e di come sia stato folgorato nella via di Damasco, dopo anni e anni di libertinaggio.

Ma io dico, invece di farti mettere i piedi in testa e farti dire dagli altri cosa è giusto e cosa è sbagliato, rispondi che non sono fatti loro. Punto. E se hai fatto quella intervista parlando della tua vita privata eri al corrente delle conseguenze. Loro, i moralisti, vogliono solo umiliarti e se li assecondi diventi la loro vittima.

Annunci

9 commenti

Archiviato in Italia provinciale, musica ganza

9 risposte a ““La crisi”

  1. Morgan a San Remo, legittimo impedimento?

  2. San Remo? Ma che scrivo! Devo aver fumato qualcosa ….

  3. Grazie Peppe ma ce l’avevo già in PDF. 😀
    Averlo cartaceo è tutta un’altra cosa.

  4. C’è il soldo di mezzo fabri.
    La dignità val bene una messa, o no?

  5. Ma più che altro, un artista che ha un minimo di reputazione non dovrebbe fare penitenza che neanche Marrazzo per andare a SANREMO che è la tomba della musica italiana, nonchè il tempio dell’ipocrisia come si è dimostrato per l’ennesima volta.

    Guarda e impara, Morgan: http://www.youtube.com/watch?v=mf2pF5oMdP4

  6. Il mondo discografico consuma più droghe delle gang di Los Angeles. La colpa di Morgan è di essere stato sincero, con quel gusto un po’ dandy di scandalizzare i benpensanti. Giusto che “paghi”.

  7. Premesso che per vedere Sanremo ci vuole da sempre un forte consumo di droga (quindi anche quest’anno non lo vedrò); mi pare che il caso di Morgan rifletta varie parallele ipotesi speculative non tutte vere o contradditorie tra loro.
    Ipotesi 1) Morgan ha detto la cosa in buona fede, forse sotto effetto o magari ad un giornalista che riteneva fosse amico e che non pensava scrivesse tale affermazione come pezzo forte dell’articolo.
    2) Morgan ha detto la cosa volutamente per farsi pubblicità, magari per attirare su di sè l’attenzione ben al di là che i due minuti di Sanremo.
    Forse ha già in serbo il lancio di qualche disco musicale e con stò scandalo intanto si fa conoscere presso i più giovani (che in teoria amano gli artisti maledetti e reietti).
    Forse la cosa è pure preparata con gli autori del festival, con una possibile riabilitazione dopo autodafè mediatico giusto in tempo per il festival.
    3) A Morgan la droga non fa strani effetti più del dovuto (ovvero al di là del suo aspetto da dandy fallito di fine ottocento) rimane lucido e magari consuma solo quella di buona qualità per i VIP (insomma nella norma di quella usata dai politici, per capirci).
    La sua affermazione che trascende ogni parametro scientifico di uso terapeutico, si basa su pregiudizi stereotipati da anni ’60 sulle droghe pesanti, o forse addirittura su una sua personale idea di un effetto placebo al momento dell’assunzione contro la depressione o cose simili.
    4) Morgan vuole (come ha detto Fabristol) cambiare immagine e look si butta anche lui nel girone dei redenti sulla via di Don Gelmini e Giovanardi e tra qualche anno lo ritroviamo con Brosio, Legrottaglie e Socci-Ferrara a fare la tavola rotonda sul 6° segreto di Fatima.
    Ha capito che con una conversione e una presunta disintossicazione propagandata quale nuovo reality show della stagione, può garantire il sostegno politico e forse pure una carriera parlamentare in futuro.
    5A) Morgan è stato un ingenuo e non ha capito che c’è un governo reazionario e clericale al potere e ha semplicemente detto la verità, magari per sollevare un velo di ipocrisia nel mondo dello spettacolo italico, salvo poi pentirsene e forse esserne travolto in modo irrimediabile quando ha visto che le porte dello show business si sono chiuse.
    Quindi ha fatto retromarcia alla malemeglio.
    5B)Forse Morgan ha voluto pure fare il ribelle, e il contestatore libertario, il che ovviamente blockianamente la cosa agli occhi di un libertario può starci a patto che tu sia in grado di argomentarla e di proporla con argomenti libertari.
    Purtroppo la cosa non è avvenuta, anzi ciò che risulta è alquanto strana, data la sua pubblicizzazione a scopo di redenzione e non una sua coerente e provocatoria autodifesa personale.
    Se uno lancia il sasso poi deve essere anche in grado di confrontarsi e di rispondere di conseguenza agli attacchi e alle accuse.
    Morgan invece si è rintanato nel perdonismo e nella patetica umiliazione.
    Ma perdono a chi?.
    Ah Morgan, se ti sei drogato sino a ieri, a me non me ne frega una pippa (è il caso di dirlo!) quindi non rivolgerti a me, in nome mio o in funzione mia per giustificare un tuo nuovo atteggiamento in tale questione.
    La cosa inizia e finisce con te e da te.
    In Italia siamo patetici su queste cose, … poi in tv ci sono gli spot dei rossetti e rimmel promossi da Kate Moss e allora va tutto bene….
    Ma non era meglio che Morgan dichiarasse anche lui di essere uno stilista (innanzitutto), anzichè subito un drogato?. 😉
    O per lo meno aspettasse di venir eletto in parlamento prima di fare stò outing!.
    Ciao da LucaF.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...