Dietrologie

1.L’Economist accusa il Vaticano di mostrare un amore per la dietrologia. Mai espressione fu più azzeccata.

2. Dice anche che la dietrologia è tipica della politica italiana. Com’era quella metafora di Luttazzi a RAIperunanotte?

3. Nuovo scandalo che coinvolse Ratzinger. Una lettera confermerebbe che l’allora capo della Congregazione per la dottrina della fede si oppose alla rimozione di un prete pedofilo. Il Vaticano respinge le accuse affermando che Ratzinger “invitava alla prudenza per vederci chiaro”. Si sa, all’epoca per i porno si usavano quei nastri di pessima qualità chiamati VHS.

4. Napoli. Sacerdote vuole battezzare i feti che non nasceranno. Pfiuu, meno male. Pensavo se li volesse inculare.

Annunci

17 commenti

Archiviato in anticlericalismo, da ridere

17 risposte a “Dietrologie

  1. Per la prima volta in questo blog viene postata una immagine con delle allusioni sessuali. Cosa non si fa per combattere la crisi dei blog…

  2. In effetti per risalire la china serve un pò di culo. 🙂

  3. allusione? piuttosto una precisazione 😉

  4. Corrado

    Il culo non serve se non c’è una mano che lo spinge!

  5. Corrado

    doppio post… bellissimo video di Donzauker!

  6. Ciao Fabri, la cosa evidente di tutto questo è come il cattolicesimo si dimostri una forma di materialismo ossessionato dal corpo altrui, mediante una forma di immanenza e ricerca proiettivo psicoparanoicadel divin bambino.
    “Per non parlare del lasciate che i pargoli vengano a me presente” presenti sui Vangeli canonici (ma non in quelli apocrifi).
    Hai presente la puntata di South Park sulla pedofilia del Vaticano?. 😉
    Francamente non penso che il problema si possa risolvere come crede Martini o altri clericali pseudomoderati con il matrimonio, il fare propri figli o aprire alle donne la carriera di clericali.
    A parte che ciò significherebbe la riproduzione dei clericali e l’aumento delle spese pubbliche da parte dello Stato a livello di finanziamento al Vaticano e CEI, ciò porterebbe solo ad una ulteriore chiusura domestica della questione pedofilia entro le mura dell’omertà patriarcale.
    Non si risolve così la questione.
    Il problema è antropo-teologico e culturale prima ancora che procedurale o sociale.
    Il cattolicesimo ha una visione del corpo di Cristo, del materialismo e della natura divina che di fatto tende a fomentare la vendetta e il peccato come sue reazioni consequenziali.
    Di fatto poi il cattolicesimo è storicamente da sempre, anzitutto una ideologia di Stato e potere e solo incidentalmente una religione e non può che essere quindi promotore di menzogne e di peccati.
    Anche in quanto Stato non può essere morale perchè produce al suo interno il suo contrario in termini sistematici, illudendosi al contempo che questo possa venir capovolto da una pratica coercitiva imposta sugli altri.
    Ma i fedeli (non papisti) paradossalmente in buona fede si scandalizano e si incazzano ancor di più dei laici di tutto ciò, vedono la loro (ingenua) religiosità e fiducia tradita in particolare da parte di quelle stesse guide e non a caso oggi si assiste in Europa ad una vera propria smobilitazione sconfessione del cattolicesimo in favore di altre fedi cristiane.
    A differenza dei protestanti (perlomeno europei), il cattolicesimo clericale si rivolge teologicamente ad una sfera immanente anzichè realmente trascendente, e non a caso tende a voler ossessivamente controllare e legiferare su argomenti di non pertinenza religiosa (vedi RU486, fecondazione…).
    Ai papisti non interessa Dio, perchè Dio si è fatto uomo solo nella figura del Papen e dei suoi collaboratori.
    L’interesse principale sta proprio in Cristo in quanto modello per giustificare un loro operato non al di sopra del dubbio, come forma paradossalmente evangelica.
    Insomma l’infallibilità non può ammettere errori ed orrori.
    Cristo allora viene di fatto ad essere mero slogan e deformazione professionale atto per compiere l’esatto contrario e per riempire e giustificare con esso ogni pratica.
    Anche la più immonda come la violenza sessuale su un bambino.
    Il vittimismo e il relativismo di accostamenti e suggestioni prodotte dal Vaticano come forma giustificatoria ora che i fatti sono emersi, è tipico dell’invasato colto con le mani in pasta, ed è tipico del moralismo da quattro soldi del Vaticano che da sempre li caratterizza.
    Ma di fatto altro non è che la superfetazione di quanto fatto sul piano teologico da sempre, solo che ora tale mistificazione fa acqua da ogni parte dato che non giustifica più il dato religioso, ma il loro operato umano (rinnovando quindi ulteriormente la deformazione tra fede e potere).
    La cosa appare insostenibile anche al fedele meno stolto (ergo non papista).
    Ma d’altronde se ben ci pensi Fabri, il cristianesimo prima e il cattolicesimo poi, da sempre si basa sul mero potere e su principi costruiti a tavolino (dal IV secolo d.C), ergo assistiamo solo allo svelamento di un dato di fatto per alcuni assodato.
    “Nulla di nuovo sotto il sole”.
    Insomma finita la favola di Adamo ed Eva, dell’inferno-purgatorio-paradiso, la Chiesa è divenuto un canale di comunicazione, un transpartito reazionario di questioni non religiose.
    Di fatto laddove una associazione o lobby presenta interessi nella società in chiave egemonici ed assoluti (oltrechè illiberali) è ovvio che questa si arricchirà di personaggi squallidi corrotti moralmente o nella loro prassi.
    I clericali sono una casta e come ogni casta di potere questi sono immuni al senso del limite e della decenza.
    Il potere corrompe e in questo caso costituisce l’unica vera forma di spiritualità ideale a fronte di una religione che è divenuta solo una forma di merchandising tornando paradossalmente alle forme di paganesimo e idolatria (vedi Sindone, Lourdes, …).
    L’irrazionalità seppur addobbata con la propaganda in chiave razionale, resta pur sempre quella che è (ovvero una tentativo di giustificazione utilitaristico e situazionale privo di fondamenti e di vere radici), rivelandosi incapace e impotente a fronte della propria prepotenza messa in luce.
    Ciao da LucaF.

  7. Per Peppe

    Adoro le precisazioni. 😀

    Per corrado

    Sì il video lo conoscevo. Molto carino e ben fatto. Molti commentatori toscani si sono lamentati per l’accento livornese.. 😀

    Per Luca

    “Di fatto poi il cattolicesimo è storicamente da sempre, anzitutto una ideologia di Stato e potere e solo incidentalmente una religione e non può che essere quindi promotore di menzogne e di peccati.”

    Hai centrato in pieno il problema. Ci troviamo di fronte non ad una religione ma ad un sistema di poteri. Ecco perché mi incavolo quando la gente confonde l’anticlericalismo con l’antireligiosità che sono due cose estremamente diverse e che non è detto che coincidano!

  8. juhan

    http://blog.washingtonpost.com/tomtoles/2010/03/papal_bull.html

    Ma qui si dice che è solo chiacchiericcio e io sono indeciso. Possa Nostro Signore FSM illuminarmi con il tocco delle Sue Pastose Appendici, RAmen.

    (nessuno sa niente del perché non funzionano più i pulsanti “Avvisami…” e “Notificatemi…”?)

  9. Isa

    Riguardo il punto 4, come ho già detto altrove provvederò al più presto a fissare un appuntamento col prete per farmi battezzare direttamente le ovaie, così non perdo tempo.

  10. @—>Fabri
    Lo vedi, miscredente, che ha ragione il tnto bistrattato Roberto Giacobbo! Abbiamo avuto un evidente scambio telepatico a mille miglia di distanza che ci ha indotti a pensare alla medesima (splendida) cosa e a postare due foto molto simili. Vedere per credere! 😀 😀 😀

  11. Bell’articolo, giustamente incazzoso e feroce. Bellissima immagine: quella faccia lì mi sembra di averla già vista.

  12. post da condividere subito!

  13. Più si va avanti e più diventano divertenti.

  14. Corrado

    Io non ci trovo più nulla da ridere.

  15. Comunque certe dietrologie sono meglio di altre.
    Molto.

  16. Be’ l’ho scelta bene come dietrologia 😀

  17. Abbiamo anche dietro secoli e secoli di politica, giochi di potere, ricatti e misteri che neanche Lost ultima serie! Da Roma repubblicana a quando hanno inculato (non solo letteralmente) Marrazzo. Lo ricordo per suggerire una possibile motivazione alla passione per le dietrologie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...