Onirologia evoluzionistica

“[…] dreams are older than brooding Egypt or the contemplative Sphinx or garden- girdled Babylonia.”

H.P.Lovecraft

Forse qualcuno ci ha già pensato (e questo post è inutile) ma mi stavo chiedendo perché non ho ancora sentito di uno studio dei sogni dal punto di vista evolutivo.

I sogni, per loro natura, sono altamente soggettivi e difficili quindi da studiare scientificamente. Ma ci potrebbero essere substrati comuni, indizi ancestrali, in poche parole un minimo comune denominatore onirico (M.C.D.O.). Ma come si possono studiare i sogni e soprattutto come si pososno studiare i sogni di individui che appartengono ad una popolazione? Non sono riuscito a trovare una risposta convincente ma sono sicuro che possa esistere un metodo. Si potrebbe per esempio registrare i sogni (o meglio il racconto dei sogni delle persone; ma qui nasce il problema della interpretazione soggettiva post-hoc: quando cerchiamo di recuperare la memoria del sogno spesso aggiungiamo o modifichiamo il sogno per dare un senso ai buchi, all’illogicita’ dell’esperienza ecc.) di una vasta popolazione di individui (intorno alle migliaia) da differenti regioni del mondo, differenti razze e condizioni sociali. Fatto questo si cercano quei sogni, o meglio quegli elementi del sogno, che si ripetono piu’ spesso. Questo potrebbe servire a “pulire” i sogni dagli elementi soggettivi.

L’idea è che se la maggior parte delle persone sogna un elemento, questo rappresenta un M.C.D.O. della popolazione studiata o dell’umanità come specie. Una volta ottenuti questi elementi comuni possiamo analizzarli e capire se rappresentano qualcosa di ancestrale. Qualcosa che ci può dire di più sulla nostra specie, i nostri desideri più profondi, le nostre paure più primordiali, insomma un finger-print onirico della nostra specie.

Sarebbe interessante poterlo fare anche con altre specie ma i problemi sono insormontabili a meno che in futuro non venga inventata una macchina che possa leggere la mente.

Ancor più importante sarebbe la conferma che possiamo sognare elementi che non abbiamo mai visto o sperimentato. Esempio: un bambino cresciuto senza mai aver visto un altro umano in vita sua puo’ sognare una figura umana? Ovviamente questo e’ uno studio che non puo’ essere fatto sperimentalmente ma esistono dei casi di bambini allevati da animali che non hanno mai visto un uomo. Sono convinto del fatto che il nostro cervello mentre sogna non sta solo ripetendo le cose viste nella vita reale, ma utilizza elementi ancestrali che sono stati selezionati durante il corso dell’evoluzione. La figura umana, le proporzioni facciali di un viso umano, i simboli fallici o sessuali in generale, i segnali di pericolo come occhi e denti di un predatore ecc.

Sui sogni di tipo sessuale poi, mi aspetterei che gli elementi M.C.D.O. non siano correlati al genere sessuale perché dovrebbero appartenere alla specie umana come insieme.

Advertisements

12 commenti

Archiviato in spunti di lettura e scrittura

12 risposte a “Onirologia evoluzionistica

  1. Pulendo i sogni dagli elementi soggettivi non ti rimarra’ che una rappresentazione simbolica del mondo. Comincerei col confrontare quelli dei maschi e quelli delle femmine e porli in una cornice di evoluzione sessuale. Se ne puo’ parlare per una tesi se vuoi.

  2. Hai già letto “Gli archetipi dell’inconscio collettivo” di Jung? E’ un libricino di 90 pagine edito in Italia da Bollati Boringhieri.

  3. Secondo me il primo problema è la funzione del sogno. Tema su cui si dibatte tantissimo (è ormai dimostrato che, contrariamente a quanto si credeva, si può vivere normalmente senza la fase REM).

    Personalmente, sono convinto che molte intuizioni di Freud andrebbero rivalutate. Il sogno ha sicuramente un linguaggio simbolico; se dovessi azzardare un ipotesi credo che sia una risposta fisiologica a stimoli “disturbanti” che incorrono durante il sonno.
    Es. elementari: sognare acqua quando scappa la pipì, cibo quando si ha fame (Levi dice che tutti gli internati ad Auschwitz facevano questo sogno), ecc. ecc.
    Man mano che gli stimoli sono più complessi, diventa più complesso il linguaggio del sogno, con tutto il correlato di rimozioni, spostamenti di significato, ecc. ecc.

    Poi (sempre IMHO) non butterei via neanche la teorizzazione di Jung, con la possibilità di contenuti onirici che fanno parte di un repertorio archetipico, ad esempio la figura del vecchio saggio, o la presenza di animali feroci…

    P.S. alcuni contenuti onirici comuni a molti, come quello di perdere i denti o quello di essere bloccati, possono forse essere spiegati da alcune alterazioni fisiologiche che incorrono durante il sonno (la contrazione delle mascelle, la paralisi muscolare del REM)

  4. Mmm forse non mi sono spiegato bene nel post. Non parlo di simbologia dei sogni. Su quello si sono scritti fiumi di parole a partire da Freud.
    Intendo immagini e elementi dei sogni che nascono da un processo evolutivo. Ma che non sono simboli di qualcosa, come se la mente cercasse di dirci qualcosa durante il sogno.
    Per esempio i cebi cappuccino (scimmie africane) hanno innata nella loro mente la sagoma dell’aquila, del serpente ecc. In alcuni esperimenti su piccoli di cebo che non hanno mai avuto esperienza di questi animali né hanno avuto alcun insegnamento degli adulti si è visto che reagiscono impauriti. Nei loro geni è scritto che quella sagoma corrisponde ad un predatore e il cebo agisce di conseguenza.
    Ecco, quello che io vorrei studiare sono queste “sagome” dal punto di vista evolutivo. Anche i sogni infatti si sono evoluti insieme a noi. Anche i sogni sono sotto il processo della selezione naturale.

  5. Ti sei spiegato benissimo, appunto ti chiedevo se avevi letto quel lavoro di Jung.

  6. Allora non ho capito cosa c’entrano i sogni. C’e’ un’enorme letteratura sulle capacita’ innate di calcolare i trade-off in moltissime situazioni, anche nuove. Le capacita’ cognitive sono frutto della selezione naturale (sopravvivenza) o della selezione sessuale (scelta del partner migliore). Molti sogni potrebbero essere semplici simulazioni (giochi nella mente).

  7. OT – @–>Fabristol
    Scusa, hai già visto e firmato qui.
    Se servono più spiegazioni, potete trovarle qui e qui.
    Mi sembra importante.

  8. P.S. Dopo il primo “qui” ci andava un punto di domanda.

  9. Per Giovanni

    Potrebbero essere simulazioni, come anche no. Sta di fatto che non tutti gli animali sognano (il sonno REM ce l’hanno marsupiali e placentati soltanto mi pare) e da un certo momento in poi nell’evoluzione il sogno è spuntato fuori per una qualche funzione. Quello che voglio sapere è “da dove veniamo”, più che “a cosa serve”.

  10. Lector ho sentito di quella storia scandalosa. Anche per quello vale il “crepate maiali” di qualche giorno fa.

  11. una cosa simile a quella che vorresti te secondo me è il classico sogno della caduta dei denti, che fanno un po’ tutti senza apparente motivo.
    però dal momento che non sappiamo a cosa servono i sogni che ci facciamo una volta che troviamo gli archetipi?

  12. Tutto ciò esiste già da tempo e si chiama teoria degli archetipi di Carl G. Jung (http://en.wikipedia.org/wiki/Jungian_archetypes) , come ti suggeriva Paolo. Studiando questi processi ricorrenti dell’anima, gli archetipi, ha elaborato la nozione di inconscio collettivo, la somma di tutti gli archetipi che albergano nell’anima umana. La psicologia analitica è stata poi ulteriormente sviluppata nella psicologia archetipale di James Hillman (http://en.wikipedia.org/wiki/Archetypal_psychology).
    Gli archetipi hanno una funzione trasformativa dell’anima, fanno evolvere i “complessi”, ovvero le parti dell’anima che non si sono ancora integrate nel tutto che è rappresentato dal cosiddetto “Sé” o archetipo della completezza.

    Per l’interpretazione dei sogni nel mio blog, uso soprattutto questo approccio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...