Archivi del mese: dicembre 2010

Segni dei tempi

Sono stato per un paio di giorni in Italia e ho avuto l’occasione di ascoltare la radio in auto. Tre pubblicità mi hanno colpito in particolar modo per la loro antiscientificità o ignoranza scientifica:

1) nella prima un vecchietto dall’accento francese ci informa che lui è proprietario dell’azienda Boiron che da cento anni produce prodotti omeopatici che lui chiama medicinali. “I miei prodotti -dice – sono omeopatici e quindi senza effetti collaterali e possono essere presi da tutti.”. Quel quindi dice già tutto sulla magia omeopatica: se una sostanza non ha effetti collaterali vuol dire che non interagisce con nulla nel nostro organismo e quindi non ha alcun effetto. Infatti non esiste alcun medicinale che non abbia effetti collaterali perché è impossibile creare un prodotto che possa interagire solo con il suo target molecolare. Comunque questa pubblicità l’ho sentita almeno dieci volte in più stazioni radio per due giorni.

2) La Pic mi informa che adesso esiste un termometro per cretini che ti dice se hai la febbre NON grazie alla lettura dei gradi centigradi ma grazie ad un simpatico semaforo: Verde OK, Rosso stai a casa! L’ignoranza scientifica in Italia è messa veramente male, ma se dovesse prendere piede questo termometro gli italiani non saprebbero neppure più leggere i gradi centigradi. La finiremo come gli inglesi che dicono che non vedono da lontano per dire che sono miopi o che comprano frutta e verdura confezionati uno ad uno per non doversi raffrontare con chili e etti.

3) due ragazzi stanno in macchina mentre piove. Il ragazzo invita la ragazza ad uscire e lei dice che non può perché se no i capelli le si arricciano per la pioggia. Lui la convince dicendole: “Preferisci stare in macchina così ti prendi un fulmine?”

Anche questi sono segni dei tempi che corrono.

14 commenti

Archiviato in Italia provinciale, scienza, tristezze

[…]

Il regime berlusconiano (non usiamo la parola fascismo, perché la gente è rincoglionita e gli scatta sempre l’automatismo: “Ma perché, vedi qualche morto o la gente al confino?”) come ogni regime ha i suoi colonnelli, i suoi arditi, in quest’epoca capezzoniana si chiamano leccaculi.

Uno fra i tanti è sicuramente Frattini che è stato l’unico ministro degli esteri  a chiedere ufficialmente l’arresto di Assange. E questo dà la misura del governo che rappresenta. Frattini poi è implicato insieme al suo capo nei rapporti sporchi con la Russia, la Libia, l’Iran, Kazakhistan e Bielorussia per poter arricchire gli imprenditori legati a Berlusconi. Mesi fa si preoccupò di rassicurare cristiani e musulmani che il governo era impegnato contro il “fenomeno perverso” del relativismo e della non credenza.

Ora, un governo così, con personaggi così sarebbe da mandare via a calci nel sedere. Ma si sa: gli italiani oggi sono berlusconiani, dopo berlusconi faranno finta di non averlo mai appoggiato. L’unica cosa che mi fa sentire bene è che nei libri di storia i bambini leggeranno del “governo del Bunga bunga”. Sempre che la storia non venga nel frattempo cancellata e modificata come succede sempre quando si tratta di goveri del genere.

Lascia un commento

Archiviato in Italia provinciale, libertarismo, politica