Twits da Al Jazeera

  • Mubarak ha fatto il suo ultimo discorso della sua vita. Questo deficiente senza dignità finirà impiccato nei prossimi giorni.
  • Tahrir Square, la Repubblica di Tahrir Square, è molto incazzata. Domani incomincia la vera rivoluzione che cambierà la faccia del mondo.
  • Un commentatore inglese dice che questa è la terza più grande manifestazione rivoluzionaria della storia dopo quella in Russia nel 1917 e dopo quella iraniana del 1979. Roba da libri di storia appunto.
  • Per colpa di questo ominicchio, marionetta degli USA, domani ci saranno migliaia di morti.
  • In Giordania, Palestina, Libia, Bahrein, Algeria ne vedremo delle belle.
  • Questa rivoluzione popolare fatta di ragazzi giovanissimi, bloggers e universitari ha spiazzato i fondamentalisti islamici più di quanto non possiate immaginare. I Fratelli Musulmani, Hamas e Al Qaeda sono a bocca aperta e non sanno cosa fare, perché questa è una rivoluzione moderna, internettiana, liberale e popolare ed è squisitamente contro qualsiasi controllo, sia esso statale che clericale.
  • In questo momento nei giornali italiani la prima pagina è occupata dalle gemelline morte. Le priorità prima di tutto. Armi di distrazione di massa. Focalizzarsi sui fatti di cronaca per eccitare la morbosità di qualche vecchietta, mentre a qualche migliaio di chilometri c’è la terza rivoluzione più grande della storia.
Annunci

5 commenti

Archiviato in anticlericalismo, Italia provinciale

5 risposte a “Twits da Al Jazeera

  1. sono rimasto ipnotizzato dalla diretta di Al Jazeera, questa è storia ragazzi, davvero

  2. In effetti la diretta di oggi è stata eccezionale, oltre che tragica. Ho seguito sia il messaggio dei militari che di Mubarak che di Suleiman e la piazza Tahrir che come un organismo unico gioiva o malediva, piangeva o urlava. Questa è la prima rivoluzione popolare nel mondo di internet. Tutto in diretta. E’ come se nel 1917 a nel Regno di Russia ci fosse stato Twitter o Al Jazeera (lasciando perdere l’accostamento tra le due rivoluzioni che non hanno niente in comune se non la quantità di persone e l’importanza dell’evento).

  3. Snem

    “Questa rivoluzione popolare fatta di ragazzi giovanissimi, bloggers e universitari ha spiazzato i fondamentalisti islamici più di quanto non possiate immaginare. I Fratelli Musulmani, Hamas e Al Qaeda sono a bocca aperta e non sanno cosa fare, perché questa è una rivoluzione moderna, internettiana, liberale e popolare ed è squisitamente contro qualsiasi controllo, sia esso statale che clericale.”

    Interessante: http://www.uaar.it/news/2011/02/10/pew-research-center-indagine-sui-musulmani-egitto/

  4. Caro Snem

    vedremo come andrà nei prossimi anni. Per ora applaudiamo a questo popolo coraggioso che ce l’ha fatta senza violenza. Auguri nuovo Egitto!!

  5. Kirbmarc

    Mubarak se ne è andato, a quanto pare. Ora speriamo che le cose cambino sul serio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...