I cretini del quartierino

Vivere nell’ombra, creare una società parallela, esporsi il meno possibile tanto che le tue vittime e i tuoi affiliati ti convincono che non esista. Ecco, il primo obiettivo delle mafie è far credere alle persone che non esistono. La mafia non esiste.

E qualcuno può veramente credere che un sistema mafioso del genere possa fare quello che ha fatto a Brindisi, passando dalla parte del mostro quando quello che chiedono è l’accettazione popolare sul territorio, attrarre l’attenzione dello stato e dei media quando quello che chiedono è di vivere nell’ombra?

Annunci

2 commenti

Archiviato in Uncategorized

2 risposte a “I cretini del quartierino

  1. cachorroquente

    Bè, ma a un certo punto le mafie hanno fatto proprio l’opposto: dimostrare che esistevano. In particolare il clan dei corleonesi, con gli attentati ai magistrati e le bombe a Firenze e a Roma. Nello specifico non credo sia il caso… quello che ho pensato è che clan rivali rispetto a quelli dominanti nel brindisino abbiano fatto una mossa così aggressiva per mettere in difficoltà la leadership attuale e approfittarsi del caos. Credo sia una possibilità, anche se molto forzata come idea.

  2. Per Falcone e Borsellino era chiaro l’intento politico. Questo della scuola non ha senso. Mi pare più il gesto isolato di un Unabomber o Brievik pugliese.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...