Confusioni olimpiche e nazionalismo noioso

I britannici quando si tratta di identita’, nomi da dare a nazioni, isole e quant’altro sono sicuramente i piu’ confusionari al mondo. Tanto che neppure loro sanno che cosa stanno dicendo o facendo (ed e’ forse grazie a questo che hanno soggiogato mezzo mondo; pensate le popolazioni colonizzate cosa potevano capire del loro sistema feudale; e’ questo il segreto del loro successo, la confusione?). Allora ricapitolando: il Regno Unito e’ l’unione di Inghilterra, Scozia, Galles e Nord Irland piu’ le varie colonie sparse per il mondo. I quattro paesi qui sopra vengono considerate nazioni. Ma spesso il Regno Unito o UK viene definito Britain e i suoi abitanti (tutti, inglesi, scozzesi, gallesi e nordirlandesi) britannici per confondere gli stranieri e gli stessi britannici. La Gran Bretagna non e’ il Regno Unito. La Gran Bretagna si riferisce all’isola piu’ grande delle Isole Britanniche. Quindi esclude il Nord Irlanda e le altre colonie sparse per il mondo. L’unico sinonimo che si avvicina a Regno Unito e’ Great Britain and Northern Ireland, ma e’ troppo lungo e viene accorciato per convenienza. Per rendere le cose piu’ complicate le Channel Islands e l’Isola di Man invece appartengono alla Corona d’Inghilterra e non fanno parte dell’UK o dell’UE.

Ora in tutto questo il comitato olimpico britannico non aveva nient’altro da fare che aggiungere confusione a tutto questo. Non potendo chiamare Great Britain and Northern Ireland la squadra di atleti alle olimpiadi hanno deciso di accorciarlo con GB, o meglio Team GB. I poveri nordirlandesi sono incazzati ovviamente. Perche’ non usare UK che non avrebbe scontentato nessuno? Suonava meglio, questa e’ la scusa ufficiale degli ufficiali sportivi. Eccezionale!

La cosa incredibile e’ che siccome negli altri sport le nazioni che compongono il Regno vanno per conto loro alle Olimpiadi succede un casino per i giochi di squadra. Per esempio nel calcio: giocatori scozzesi, inglesi, gallesi e nordirlandesi si incontrano per la prima volta nel campo olimpico senza aver mai giocato prima. Ecco perche’ i britannici vanno meglio negli sport individuali.

A causa di questi problemi identitari i cronisti della BBC ci bombardano continuamente con un nazionalismo pedante e di plastica. E’ tutto cosi’ forzato, cosi’ sovietico e sembra che nessuno se ne renda conto. Perfino quando arrivano ultimi o fanno gare orribili gli atleti hanno fatto “extraordinary performances”, “terrific results”, “brilliant races”, “absolutely fantastic”.

Lo so, lo fanno anche molti cronisti italiani, ma almeno non usano sempre gli stessi termini decisi a tavolino dal direttore della BBC: extraordinary, terrific, brilliant, fantastic, absolutely fantastic. Le altre nazioni e gli altri atleti non esistono, fanno parte della tappezzeria.

Annunci

9 commenti

Archiviato in Uncategorized

9 risposte a “Confusioni olimpiche e nazionalismo noioso

  1. e chissà il casino quando l’anno prossimo la Scozia diventerà indipendente 🙂

  2. Non diventera’ mai indipendente per il semplice motivo che gli inglesi troveranno un altra definizione per il suo stato. Possono invetarsi di tutto: dal territorio indipendente della Corona al Inland territory opposto a oversea territory; dal cambio di nome tipo Regno Unito di Gran Bretagna, Nord Irlanda e Scozia alla semiindipendenza ma all’interno di un nuovo Commonwealth. Greta Britain commonwealth?
    E glis cozzesi ci cascheranno ovviamente… 😉

  3. Emanuele

    Non pensavo che la BBC facesse simili cose, credevo fossero molto più obiettivi. E’ cambiata la BBC o è sempre stata così e la propaganda esterofila di chi in Italia l’ha sempre vista come modello ha funzionato?

  4. Paolojt

    Anche a me ha lasciato basito che il Regno Unito alle Olimpiadi si chiami solo Great Britain, ma non è possibile che invece sia legato al fatto che i nord irlandesi possono anche gareggiare con la nazionale irlandese (Eire)?

  5. Possono davvero?!? Mi sembra molto strano che il Regno unito gli permetta una cosa del genere.!

  6. Paolojt

    Possono, non so però se valga per tutti gli sport. Per esempio la nazionale di Rugby irlandese rappresentata l’intera Irlanda (geografica) quindi ci giocano anche elementi del Nord.
    Su wikipedia c’è questo invece:
    Come parte del Regno Unito, i nordirlandesi sono cittadini britannici. Essi hanno però, anche il diritto di cittadinanza irlandese di nascita, come stabilito nell’accordo di Belfast del 1998 tra il governo britannico e irlandese, il quale, prevede che: è un diritto di nascita di tutto il popolo dell’Irlanda del Nord di identificare se stessi ed essere accettati come irlandesi o britannici, o entrambi, in quanto possono così scegliere, di conseguenza i due governi confermano questo diritto che non sarà influenzato da qualsiasi futura modifica dello status dell’Irlanda del Nord. Come risultato dell’accordo, la Costituzione irlandese è stata modificata in modo che le persone nate in Irlanda del Nord possono avere il diritto di essere cittadini irlandesi sulla stessa base di persone provenienti da qualsiasi altra parte dell’isola d’Irlanda.

  7. Non lo sapevo. Un altro elemento di complicazione in più. Un po’ come gli ungheresi etnici che abitano in Romania che hanno diritto a doppio passaporto.

  8. Sì e intanto hanno pacchettato il povero Cammarelle, un vero signore! Ha addirittura applaudito il suo avversario che ha avuto il coraggio di alzare il braccio in segno di vittoria, dopo averlo bastonato come un fabbro!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...