Quattro anni di terrore

E’ davvero incredibile come qualsiasi fatto possa essere presentato dai media come il suo contrario. La manipolazione dell’informazione in occidente sta raggiungendo livelli orwelliani. Prendete il caso della battaglia di Aleppo che finalmente sta arrivando ad una conclusione dopo 4 anni di atroci crimini da ambo le parti. Praticamente l’intero spettro dei mezzi d’informazione occidentali é schiacciato sulla retorica di regime, intendo quella occidentale non quella siriana. Mettiamo le cose in chiaro una volta per tutte:

  • Parte di Aleppo é stata sotto assedio per 4 anni da parte dell’ISIS, di Al Qaeda in Siria (Al Nusra) e da parte di altri gruppi jihadisti.
  • Durante questo assedio questi criminali hanno ucciso, torturato, impiccato, decapitato e schiavizzato migliaia di persone. Hanno imposto la sharia nei quartieri da loro controllati e quotidianamente bombardato i quartieri fedeli al governo e/o quelli a maggioranza curda. Non solo ma hanno proibito ai residenti di scappare rendendoli di fatto prigionieri. Questi tagliagole, bestie della peggior specie, ricevevano quotidianamente dai turchi, sauditi e americani (Wikileaks ha appena rilasciato dell interessanti email della Clinton che lo confermano) armamenti, denaro e militanti. Nessuno in questi anni ha detto una sola parola per i migliaia di morti che questi animali hanno causato. Neppure quando l’altra settimana hanno decapitato un ragazzino palestinese di 12 anni accusato di essere una spia. Come non lo sapevate che ci sono brigate di volontari palestinesi che combattono con Assad? E nessuno vi aveva detto che i militanti pagati dagli USA decapitano ragazzi di 12 anni? CodebCXUAAAM7cm

CodebuHVIAU3Pu6Queste qua sopra sono le tipiche bombe a gas che i maiali sparavano con cannoni artigianali ma molto efficaci per massacrare i civili nei quartieri di Bani Zaid, Al Azeeziah e Sheiq Maqsood.

 

  • Ora che l’esercito siriano é riuscito a bloccare la via principale d’accesso da cui questi ratti riuscivano a contrabbandare armi e infiltrare uomini (Al Castello road) tutti parlano dell’assedio di Aleppo da parte del governo siriano. Capito il giro di parole orwelliano? L’esercito siriano rompe l’assedio dei jihadisti per liberare i quartieri fedeli al governo e i giornali descrivono la liberazione come un assedio da parte dei cattivoni della gang di Assad. E la cosapiú incredibile é che a pochi chilometri da Aleppo, Manbij é sotto assedio da un mese da parte dei curdi e degli americani e nessun giornale parla di emergenza umanitaria. Lasciatemi dire una cosa che nessuno vi dice: l’esercito siriano é composto da sunniti, sciiti, alawiti, cristiani, drusi, assiri, curdi e turcomanni che combattono da anni uniti contro la barbarie jihadista non solo per se stessi, ma per le loro famiglie, la loro patria e per la libertá dell’intero mondo. Sono i soldati dell’esercito siriano e con loro tutte le milizie di volontari (centinaia di migliaia di sciiti, alawiti, drusi e cristiani provenienti da Iran, Iraq, Libano, Palestina, Yemen, Afghanistan) che in prima linea vengono massacrati, decapitati e bruciati vivi dai jihadisti. E non combattono solo per tenere al potere Assad come in occidente vi dicono, ma per difendere uno stato laico, l’unico stato laico insieme al Libano e Israele del medioriente, e per difendere i propri templi e luoghi di culto da parte contro la barbarie jihadista.
  • Altra cosa che i giornali di regime vi dicono é che migliaia di persone ora sono bloccate e senza via d’uscita. Peccato che Assad abbia aperto 3 corridoi umanitari per i civili e uno per i militanti che si arrendono. Qui sotto una foto dei civili che scappano verso il cattivo “regime”.

Comru4XVYAAUCeg

  • Ad Aleppo in questi giorni la cittá é in giubilo celebrando la liberazione dopo 4 anni di terrore. Ci sono centinaia di video e foto se avete voglia di cercarle su internet, ve ne metto alcune qua:

CokhOMIWAAAediF Comru4aUAAE2fIi

Coe9XBbUAAAGotJ

Qui potete vedere i cristiani di Bani Zaid che celebrano con una messa speciale in chiesa. E non parliamo solo di quartieri fedeli al governo. Guardate il giubilo dei per lo piú sunniti in questi video. Parliamo anche dei YPG curdi che festeggiano dopo aver subito un assedio durato 4 anni. I curdi di Sheik Maqsood hanno sofferto particolarmente perché il loro quartiere era incastonato tra ISIS e Al Nusra e aveva come unico cordone di salvezza proprio poche strade di un quartiere governativo. Curdi che erano alleati di Assad ad Aleppo e che sono stati decisivi per la vittoria finale. Ma come, nessuno vi ha detto che YPG era alleato con Assad? Ma come, i curdi erano gli eroi dell’occidente e ora si alleano con Assad? Ma lo fanno anche a Qamishli, non lo sapevate? E pure ad Afrin. Quante cose si scoprono NON ascoltando i giornali di regime.

Comunque un sospiro di sollievo per le centinaia di migliaia di residenti di Aleppo che ora possono vivere in pace, indipendentemente dalla loro etnia, religione o genere. Una vittoria per un paese dalle mille religioni, mille etnie violentato da 4 anni di jihadismo senza scrupoli. Una sconfitta pesante per i porci di Al Nusra, ISIS, Erdogan e particolarmente per Hillary Clinton che li appoggiava e finanziava e che é stata sputtanata da Wikileaks.

7 commenti

Archiviato in Uncategorized

7 risposte a “Quattro anni di terrore

  1. Grazie di aver fatto un po’ di luce in mezzo a tanto buio (informativo).

  2. Kirbmarc

    Hillary Clinton è stata finanziata pesantemente dai Sauditi, che sono stati per anni i veri padroni del Medio Oriente. Chi crede che gli Americani siano i padroni del mondo è un illuso, in realtà l’America è più dipendente dall’Arabia Saudita che vice versa. Le lobby saudite, turche e israeliane controllano la politica estera americana in medio oriente da almeno quindici anni (o forse venticinque). Guai ad indispettire i sauditi, potrebbero chiudere i rubinetti loro e degli altri petro-stati loro amici.

    Gli Americani sostanzialmente vogliono una sola cosa: il petrolio a buon mercato. I Sauditi glielo concedono, ma in cambio vogliono il controllo dell’OPEC e del Medio Oriente. Gli Israeliani vogliono ritagliarsi il loro stato e basta, e far fuori Hezbollah (finanziata dall’Iran).

    I Sauditi volevano disfarsi di Assad perché Assad voleva allearsi con il loro nemico numero uno, cioè l’Iran sciita e che vuole infrangere il controllo saudita sull’OPEC.

    I sauditi e i loro amici del Kuwait, del Qatar, degli Emirati, dell’Oman, del Bahrein, sono praticamente ISIS con un riconoscimento internazionale, e stanno allegramente sterminando Sciiti in Yemen e Arabia, Siriani non Salafiti in Siria, Sciiti, Druzi ed altri in Libano, e Induisti in Pakistan (che sta per diventare una nuova teocrazia islamica, con tanto di armi nucleari).

    Erdogan è un loro accolito che approfitta del Salafismo (una versione islamica del Nazismo) per accoppare un altro po’ di curdi e diventare un dittatore fascista islamico, in pratica un Francisco Franco dell’Islam.

    L’Iran e la Russia non sono stinchi di santo: vogliono il controllo dell’OPEC e la fine del regime dei petrodollari, non la pacifica convivenza fra popoli e religioni. Putin non è molto meglio di Erdogan (basta cambiare l’Islam con la Chiesa Ortodossa), e il regime degli Ulema non esporta terrorismo in Europa ma non è certo un campione di diritti umani.

    L’errore che molti fanno è credere che esistano stati “buoni” e stati “cattivi”.

    Tutti gli stati sono semplicemente combriccole di criminali e dei loro amici, che usano il bastone e la carota a seconda dei casi e che non hanno interessi se non arricchirsi e mantere o incrementare il loro potere. Sono contento anche io per i Siriani che hanno un attimo di respiro dai macellai dementi usati come carne da cannone dell’Islamo-nazismo di marca saudita. Ma non credo proprio che (come fanno in molti nell’universo di pensatori “alternativi”) si debba bere la propaganda di Mosca per non bere quella di Washington.

    Assad può permettersi di fare la figura del grande liberatore e patrono della convivenza civile oggi, ma fra quattro o cinque anni ritornerà come era cinque anni fa: un satrapo di vecchio stampo, preferibile a un pazzo fanatico come uno schiaffo in faccia è preferibile a una serie di mazzate negli attributi.

  3. > Neppure quando l’altra settimana hanno decapitato un ragazzino palestinese di 12 anni accusato di essere una spia.

    Le buone fazioni “moderate” sostenute da Turchia, USA, etc. che combattono per libertà, diritti, contro Assad brutto cattivo cacca diavolo….

    Ma questi dei media e i sostituzionisti pensano che siamo tutti rincoglioniti?!

  4. Grazie Luca. Mi piacerebbe poter scrivere di più su queste cose ma non ho molto tempo. Oggi per esempio i terroristi finanziati da usa e Turchia hanno abbattuto elicottero russo e hanno selvaggiamente infierire sui loro cadaveri ballando sui corpi e facendo foto oscene. Questi sono gli alleati che finanziamo

  5. Notizia di pochi minuti fa. 22 kamikaze di al nusra sono pronti per farsi saltare in aria su auto blindate per sfondare le linee governative sud aleppo. Ricordatevi che noi finanziamo kamikaze stranieri per combattere contro la Siria. Numero molto alto di kamikaze significa disperazione da parte dei turchi e di kerry. Normalmente attaccano con 2 o 3 kamikaze per volta.

  6. Il vero volto delle siriane libere. Aleppo era così prima che i “ribelli” arrivassero. Ora le donne sotto Sharia vanno in giro con una busta d immondizia.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...