Questo blog ha il certificato di blasfemia

Questo blog è blasfemo ed è ufficiale. Perlomeno secondo il governo pachistano. Dovete sapere che ho ricevuto una ingiunzione dal governo Pachistano a rimuovere un’immagine che aveva postato sul mio blog anni fa. Una email ufficiale dallo staff legale di WordPress in cui mi si spiega che il Pachistan ha formalmente oscurato il mio blog perché blasfemo secondo la legge della Repubblica Islamica del Pachistan. Leggere per credere (grassetti miei):

“Dear WordPress Team,

I am writing on behalf of Web Analysis Team of Pakistan Telecommunication Authority (PTA) which has been designated for taking appropriate measures for regulating Internet Content in line with the prevailing laws of Islamic Republic of Pakistan.

In lieu of above it is highlighted that few of the webpages hosted on your platform are extremely Blasphemous and are hurting the sentiments of many Muslims around Pakistan. The URL’s mentioned are clearly in violation of Section 37 of Prevention of Electronic Crimes Act, 2016 and Section 19 of Constitution of Pakistan.

The below mentioned websites can be found on following URL’s:-

https://fabristol.wordpress.com/2010/05/18/il-nuovo-theo-van-gogh//2/

https://fabristol.files.wordpress.com/2010/05/tumblr_l2g34jvlv11qbi5yxo1_500.jpg

You are requested to contribute towards maintaining peace and harmony in the world by discontinuation of hosting of these websites for viewership in Pakistan with immediate effect. We will be happy to entertain any query if deemed necessary and looking forward for your favorable response at your earliest.

Regards”

Come potete vedere la vignetta considerata blasfema è incredibilmente “addomesticata” e non offenderebbe neppure una vecchietta del coro di una chiesa di paese. Forse non sanno che ho scritto e postato foto ben peggiori. Non so se esistano conseguenze penali per questo ma visto che sono fuori dalla loro giurisdizione non possono fare nulla. Il bello è che non si rendono conto della ironia dell’ultima frase in cui richiedono di “contribuire al mantenimento della pace e della armonia nel mondo” chiedendo di censurare una immagine che “offende i sentimenti di tanti musulmani in Pachistan.”. Con tutti i problemi che ci sono in Pakistan con i talebani e ISIS al confine con Afghanistan e il terrorismo salafita interno, i poveri musulmani saranno proprio offesi da quella vignetta del mio blog. Signore e signori ecco a voi le priorità di un religioso e il suo concetto di pace e armonia nel mondo.

Annunci

1 Commento

Archiviato in Uncategorized

Una risposta a “Questo blog ha il certificato di blasfemia

  1. Kirbmarc

    Il governo del Pakistan sta facendo pressione contro la “blasfemia” di parecchi blogs, forums e accounts di social media negli ultimi tempi.

    Non ci sono conseguenze legali, semplicemente i social media e gli host bloccano i tuoi post in Pakistan. E’ il “politicamente corretto” applicato all’islam. Anche la Cina fa lo stesso gioco se critichi Mao o il governo cinese.

    Anni fa ci provava anche la Chiesa in Italia, facendo oscurare alla polizia postale i blog che “insultavano” Ratzinger.

    I religiosi e i governi autoritari usano sempre la scusa dei “sentimenti offesi” per giustificare la censura.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...