Archivi categoria: fuck the system

La lista di proscrizione

Torno su questo episodio medioevale perché ci sono novità importanti. A quanto pare l’assessore all’istruzione della Regione Veneto Donazzan rincara la dose dicendo che “nei prossimi giorni invierò a tutti gli istituti superiori del Veneto una lettera in cui esorterò insegnanti e bibliotecari a non diffondere tra i ragazzi i libri di questi autori. Sono diseducativi.”

Per chi non avesse ancora capito cosa è successo: il sito Carmilla online ha incominciato nel 2004 una raccolta firme per la liberazione di Cesare Battisti. A quell’appello aderirono molti scrittori italiani e non, che ora sono finiti nella lista di proscrizione veneta.

Nella lista di proscrizione ci sono i seguenti scrittori: Valerio Evangelisti, Massimo Carlotto, Daniel Pennac, Roberto Saviano, Collettivo Wu Ming, e decine di altri scrittori.

Non ho mai condiviso le posizioni politiche di questi scrittori, anzi siamo proprio agli antipodi, ma ho sempre letto e apprezzato le loro opere. Seminale ed educativo il meraviglioso Q di Luther Blisset (o Wu Ming), affascinanti e oscuri i romanzi sull’inquisitore Eymerich di Evangelisti, rivelatore Cristiani di Allah di Carlotto. Il fatto che abbiano firmato per un ex-terrorista non inficia assolutamente il valore che io do a questi romanzi, al massimo la stima (poca) che ho degli autori come persone.

La cosa interessante è che per l’assessore all’istruzione (da brividi) non è  l’atto della firma dello scrittore da stigmatizzare ma la sua produzione artistica. “Sono diseducativi” dice. Che si riferisca agli autori o ai libri non fa differenza. Lei pensa che un ragazzino leggendo Q o l’Inquisitore Eymerich o Cristiani di Allah possa diventare un terrorista come Battisti. E questo è grave per un errore, prima ancora che di cattivo gusto, di intelligenza.

 

7 commenti

Archiviato in fuck the system, Italia provinciale

Come il governo limita la ricerca scientifica

Mentre mi informavo sull’IVA in questi giorni (vedi questo post), ho scoperto che l’Italia è l’unico paese (forse, se qualcuno ha più informazioni a riguardo mi faccia sapere) che impone l’IVA al 20% sull’acquisto di materiale scientifico. Dagli strumenti come microscopi, tavoli, macchine ecc. ai consumabili come provette. In pratica il governo tassando la propria ricerca tassa se stesso e limita i fondi destinati alla ricerca scientifica!

E questo vale per la ricerca di base come per la ricerca clinica per malattie comuni o rare. Ho parlato con alcuni ricercatori italiani e mi hanno detto che a volte hanno dovuto rinunciare all’acquisto di certi strumenti perché l’IVA era troppo alta. In compenso in tutti i paesi europei non esiste l’IVA sulla ricerca e lo stesso vale per paesi emergenti come la Cina dove appunto le case farmaceutiche possono comprare strumenti per millioni di euro senza tasse.

Non solo lo stato italiano non è in grado di fare ricerca a livelli competitivi ma si dà la zappa sui piedi autotassandosi. E i soldi dell’IVA vengono usati per pagare la scorta e il sistema di sicurezza dei festini del puttaniere.

22 commenti

Archiviato in fuck the system, libertarismo, scienza, Smash the system

Meanwhile in 1937…

Oggi mi sono alzato dal letto, dieci centimetri di neve tutti intorno alla casa, apro le news e per un attimo penso di stare ancora dormendo. Mi sono risvegliato in un universo parallelo? Il mio letto è stato inghiottito in un wormhole che mi ha portato al 1937? Sono pazzo?

Certo che aprire le notizie oggi è stato un po’ come aprire un giornale del ventennio.

1) Un ex- (no chiamiamolo post- va!) fascista propone l’arresto senza processo di individui dell’opposizione. Ha una lista di nomi, dice che sa chi sono quelli che lo disturbano e che vuole arrestarli. Ovviamente a sua discrezione.

2) Il vice-presidente USA Biden dice che Assange è un terrorista che “ha fatto cose che hanno messo in pericolo la vita ed il lavoro di molte persone nel mondo. Ha reso più complicati i rapporti con i nostri alleati e i nostri amici.” Perché ha rivelato al mondo che gli USA “hanno fatto cose che hanno messo in pericolo la vita ed il lavoro di molte persone nel mondo.” Geniale. Un assassino che dice che il messaggero della notizia dell’assassinio è un criminale.

3) Cameron ha deciso che vuole salvare i bambini dal porno oscurando i siti pornografici per default. A meno che un adulto non chieda espressamente di vederli. Immaginiamoci la fila di uomini all’esterno del Ministero per la Salute per fare domanda di sblocco dei siti. Il governo britannico, quindi, ha deciso che il porno è un male e che ha il potere e la volontà di bloccare questo male. Oggi la pornografia, domani chissà cosa.

4) La guerra sola igiene del mondo. Ah no, è il voto. Le urne come trincee dove spappolare l’avversario, decimarlo, dividerlo. E chi vince alle urne conquista i posti da sottosegretario.

5) e dopo l’intenzione di tassare chi non ha figli, ora si sta votando per istituire il garante delle famiglie che sarà “una rivoluzione copernicana necessaria a superare l’individualismo egocentrico” oggi imperante. “Dobbiamo fare della famiglia il soggetto sociale di riferimento per ogni decisione legislativa.” Detto da una zittella questo è sicuramente la proposta più geniale dell’anno! Buy, produce, fuck and die (with pain possibly).

9 commenti

Archiviato in fuck the system, Italia provinciale, libertarismo, politica, tristezze

Un video vale più di mille trattati

Un bellissimo e semplicissimo video che vale più di mille trattati politici e di etica.

Per una traduzione in italiano del video e per commentare andare qui.

Si cercano volontari per mettere i sottotitoli a questo video!

Lascia un commento

Archiviato in fuck the system, libertarismo, politica, spunti di lettura e scrittura

“Una pletora di stati che fanno i propri interessi”

Sono rimasto molto colpito dai “leaks” di una conversazione in chat tra Bradley Manning con Adrian Lamo. Bradley Manning è la fonte dei quasi 250 mila cablogrammi che sono stati pubblicati da Wikileaks. Manning era un militare di stanza in Iraq che aveva accesso a centinaia di migliaia di informazioni segrete. Perché questo ragazzino di 22 anni ha deciso di fare quello che ha fatto rischiando la sua carriera, la sua vita e rivelando al mondo i segreti dei governi del mondo? Per mesi la figura di Manning è rimasta un po’ in ombra  nei media, sovrastata dalla figura di Assange. E per mesi abbiamo creduto che la talpa che ha dato i file fosse una spia al soldo dei nemici americani o qualcuno pagato per far cadere il governo di Obama. Che il suo unico scopo fosse quello dello spionaggio internazionale per creare crisi internazionali devastanti. Un mercenario al soldo dei cattivi. Quanti soldi avrà preso? Con quali servizi segreti era in contatto?

E invece? E invece la storia è molto diversa. Manning è uno di noi, ovvero una persona qualunque che ha combattuto con la sua coscienza per mesi. Un soldato shockato dalla guerra e deluso dalle bugie con cui era stato imbottito per anni dai governi americani. Aver accesso a quelle verità sconvolse Manning tanto da prendere la decisione finale. Ma ecco alcune delle frasi con cui giustifica quello che ha fatto:

(02:26:01 PM) Manning: i dont believe in good guys versus bad guys anymore… i only a plethora of states acting in self interest… with varying ethics and moral standards of course, but self-interest nonetheless.

Non credo più nei buoni contro i cattivi… solo una pletora di stati che fanno i propri interessi… con etica e standard morali che variano certamente, ma comunque propri interessi.

(02:27:47 PM) Manning: i mean, we’re better in some respects… we’re much more subtle… use a lot more words and legal techniques to legitimize everything
(02:28:00 PM) Manning: its better than disappearing in the middle of the night
(02:28:19 PM) Manning: but just because something is more subtle, doesn’t make it right
(02:29:04 PM) Manning: i guess im too idealistic

Voglio dire, siamo migliori sotto alcuni punti di vista…. siamo molto più subdoli… usiamo un sacco di parole e tecniche legali per legittimare qualsiasi cosa. […] Ma non perché qualcosa è più subdolo, questo lo fa diventare più giusto. Credo di essere troppo idealista.

(02:22:47 PM) Manning: i mean what if i were someone more malicious
(02:23:25 PM) Manning: i could’ve sold to russia or china, and made bank?
(02:23:36 PM) Lamo: why didn’t you?
(02:23:58 PM) Manning: because it’s public data
(02:24:15 PM) Lamo: i mean, the cables
(02:24:46 PM) Manning: it belongs in the public domain
(02:25:15 PM) Manning: information should be free
(02:25:39 PM) Manning: it belongs in the public domain
(02:26:18 PM) Manning: because another state would just take advantage of the information… try and get some edge
(02:26:55 PM) Manning: if its out in the open… it should be a public good

 

ManningVoglio dire, cosa sarebbe successo se fossi stato qualcuno più cattivo. Avrei potuto vender[li] alla Russia o alla Cina e farmi soldi?

Lamo: E perchè non lo hai fatto?

Manning: Perché sono dati pubblici […] che appartengono al dominio pubblico. L’informazione dovrebbe essere libera. Appartiene al dominio pubblico, perché un altro stato approffiterebbe dell’informazione per cercare di ottenere un certo vantaggio. Se [l’informazione] è fuori all’aperto, dovrebbe essere un bene pubblico.

(03:43:27 PM) Manning: i dont think of myself as playing “god” or anything, because im not… im just playing my role for the moment… i dont control the way they react
(03:44:15 PM) Manning: there are far more people who do what i do, in state interest, on daily basis, and dont give a fuck
(03:45:01 PM) Manning: thats how i try to separate myself
(03:45:13 PM) Manning: from my (former) colleagues

Non penso di stare a giocare a dio o qualcosa del genere, perché non lo sto facendo… sto solo interpretando il mio ruolo del momento… io non controllo il modo in cui reagiscono. Ci sono molte più persone che fanno quello che faccio io, nell’interesse dello stato, ogni giorno e non gliene frega un cazzo. Questo è il modo in cui mi distinguo dagli altri miei ex-colleghi.

 

Bradley Manning al momento si trova in una prigione militare americana in isolamento da Luglio. Si sospetta sia stato oggetto di torture. A breve sarà processato da una corte marziale per altro tradimento e per aver infranto la legge sullo spionaggio.

8 commenti

Archiviato in fuck the system, libertarismo, Smash the system, spunti di lettura e scrittura

Do ut des

3 commenti

Archiviato in fuck the system, Italia provinciale, libertarismo

Guerra tra Nobel

Qualcuno dice che il prossimo anno Julian Assange potrebbe essere nominato per il premio Nobel per la Pace ad Oslo. Ci troveremmo nella grottesca situazione per cui il premio Nobel per la Pace Obama che ha perseguitato Assange e che lo tiene in prigione negli USA (tutto questo in futuro quando arriverà l’estradizione) protesterà per l’assegnazione del Nobel ad un terrorista. Esattamente quello che sta facendo la Cina oggi con Xiaobo. Come in una commedia delle parti invertite la sedia di Oslo rimarrà vuota, gli americani si lamenteranno del premio Nobel e boicotteranno i prodotti norvegesi e la Cina protesterà per la violazione dei diritti umani in USA. Ridicolo e grottesco. Eppure potrebbe succedere.

3 commenti

Archiviato in fuck the system, libertarismo, politica, spunti di lettura e scrittura, Uncategorized

Le democrazie allo specchio

“We are fast approaching the stage of the ultimate inversion: the stage where the government is free to do anything it pleases, while the citizens may act only by permission; which is the stage of the darkest periods of human history, the stage of rule by brute force.”
Ayn Rand

E alla fine ce l’hanno fatta. Assange è stato arrestato. No, non sono state necessarie le teste di cuoio come avrebbero voluto fare per rendere la cosa più plateale. Lo stesso Assange si è consegnato. Per un reato che esiste solo in Svezia, e che NON è stupro visto che le donne erano consenzienti e si vantavano della loro conquista. Leggere qui per credere. E non per aver ordito contro i governi come il nostro amatissimo e intelligentissimo ministro degli esteri pensa: “Assange ha fatto del male alle relazioni diplomatiche internazionali e mi auguro che sia interrogato e processato come le leggi stabiliscono.” Ovviamente Frattini dice la verità che nessuno vuole dire, ovvero che Assange è perseguitato giuridicamente per Wikileaks e non per stupro.

Amazon e PayPal abbandonano Wikileaks, ma a mio parere non sono da biasimare. Lo stato avrebbe trattato queste compagnie come collaboratrici di un pericoloso terrorista. E avrebbe fatto di tutto per boicottarle o reprimerle. Sappiamo di cosa è capace l’America contro i suo nemici.

Forse la cosa più bella che ci ha insegnato Assange e il suo Wikileaks è che la linea che separa democrazie e tirannie è molto sottile e spesso invisibile. Iran, Cina, Russia, Corea del Nord, USA, Italia, Europa ecc. sono tutte unite come sorelle contro il loro nemico comune, ovvero Wikileaks. Che differenza c’è tra una puttana dell’Alaska candidata alla presidenza USA che chiede che Assange venga ucciso e l’ayatollah Khomeini che chiede la testa di Salman Rushdie?

E tutti questi anni in cui ci avete rotto il cazzo con la guerra al terrorismo, voi americani dal grilletto facile e i vostri alleati in tutto il mondo, togliendoci tutte quelle poche libertà che ci sono rimaste, ora scopriamo che sapevate da anni che l’Arabia Saudita finanziava il nostro nemico fondamentalista. Lo sapevate e la temevate ma era quella che vi dava il petrolio santo iddio. E così con una mano davate i soldi delle tasse degli americani ai sauditi e loro finanziavano i terroristi. E con l’altra mano usavate altri soldi per combattere i terroristi continuando questa guerra infinita contro il nulla: perché eravate VOI a finanziare il vostro stesso nemico. Voi alimentate il terrore per poi utilizzarlo come arma politica per essere eletti e continuare a bombardare. E tutto questo lo sappiamo grazie al più grande terrorista di cui chiedete la testa: ovvero Julian Assange. Non avete mai chiesto la testa dei sauditi o dei talebani con cui fate gli affari. La chiedete ad un povero cristo che ha scoperto il tranello e vi sta facendo cagare dalla paura.

E voi uomini comuni: vi dicono che vivete in una democrazia dove i governi fanno della trasparenza il criterio che può differenziarle dalle non-democrazie, vi dicono che potete scegliere, che siete voi a comandare, che avete il controllo su chi avete votato e che tutte queste cose fanno la differenza tra noi e loro. Non esiste la differenza perché lo Stato sono loro, a Teheran come a Washington.

Per me oggi rappresenta uno spartiacque. Il mondo appariva già diverso per me da anni, ma quello che è successo in questi giorni non fa altro che aumentare le mie convinzioni.

Non c’è bisogno di guardare all’Iran o alla Corea per trovare il nemico. Ce l’avete sotto casa, vi parla ogni giorno tramite i suoi ministri della propaganda, vi ruba il 60% del vostro lavoro, comanda sulle vostre vite, mente su qualsiasi cosa pur di farvi stare buoni ma sopratutto spesso il nemico siete voi stessi quando continuate a ripetervi che “no! noi siamo diversi da loro, noi siamo delle democrazie.”

1 Commento

Archiviato in fuck the system, libertarismo, politica, tristezze

Istigazione al terrorismo

Interessante quello che è successo oggi negli USA. Un somalo americano, potenziale terrorista, è stato preso in una trappola ordita dall’FBI. Una pratica già usata altre volte per scovare potenziali terroristi. Ovviamente sono felice che tutto sia finito per il bene ma questo episodio pone degli interrogativi etici non di poco conto che a molti sfuggiranno.

Sappiamo poco ovviamente e quel poco che sappiamo è filtrato dall’FBI, governo e giornali. Qui ci troviamo di fronte ad un caso in cui degli agenti dell’FBI hanno fatto finta di essere dei jihadisti per almeno due anni per incastrare il ragazzo. Cioè parlavano con lui di Jihad, Islam, terrorismo, odio contro gli americani ecc. Non ho alcun dubbio che il ragazzo fosse determinato in quello che voleva pianificare ma quanto ha influito l’FBI nella decisione finale del ragazzo?

Per due anni questi qua gli hanno continuamente ripetuto che DOVEVA uccidere delle persone innocenti per la Jihad. Che doveva far esplodere un furgone in quel giorno e in quel luogo. Praticamente hanno organizzato un attacco terroristico nella data e nell’ora precisa decisa dal governo. Un non troppo velato messaggio a Wikileaks e Assange? Un tentativo di creare panico nel periodo più critico della presidenza Obama? Questa è istigazione a delinquere, istigazione al terrorismo.

Avrebbero potuto arrestarlo e buttarlo a Guantanamo (e con le leggi bushiane MAI abolite da Obama avrebbero potuto) ma hanno preferito fare un arresto a orologeria per futili motivi politici e di propaganda.

E poi, ci dovremmo chiedere, se l’FBI non fosse intervenuto questo ragazzo sarebbe veramente arrivato al punto di schiacciare quel pulsante per la detonazione? Magari in questi due anni avrebbe potuto cambiare idea. E perché l’FBI, invece di instillargli ancor di più idee suicide e estremiste non ha cercato di fare il contrario, cioè convincerlo che era una cosa immorale e atroce?

Perché non impersonare un jihadista pakistano pentito che spiega al ragazzo che quell’idea della Jihad santa è sbagliata? A quest’ora avremmo potuto avere un ragazzo pentito, una vita felice forse e un futuro migliore per tutti.

19 commenti

Archiviato in fuck the system, libertarismo, spunti di lettura e scrittura, tristezze

Ancor più disgusto

Non trovate incredibile, e incredibilmente disgustoso, che un primo ministro che va a puttane per anni utilizzando denaro, posizioni e istituzioni pubbliche, se ne vanti adducendo che “si tratta della mia vita privata e nessuno può giudicarmi per questo” e poi promulghi una legge contro la prostituzione il giorno dopo?

Io credo che dopo tutto dobbiamo ringraziare Berlusconi: ci sta dicendo che in uno stato pochi hanno il potere, ne fanno quello che vogliono e addirittura lo utilizzano per promulgare leggi liberticide per la collettività a cui loro sono immuni.

Lo stato sono loro.

 

Ps.

Collage della foto preso da Metilparaben

7 commenti

Archiviato in fuck the system, Italia provinciale, libertarismo, politica, Smash the system, tristezze