Archivi tag: cappellacci chi?

La periferia di Villa Certosa

1182856134715_lavillaOggi e’ una giornata triste per la politica italiana. Non solo per chi ha perso ma anche per chi ha vinto. Per quanto sia stato sempre critico in passato per alcune scelte di Soru, in queste elezioni regionali non avevo dubbi su chi avrei votato se fossi stato in Sardegna. Quello che ha vinto (chi e’? da dove e’ uscito fuori? cosa vuole? quale e’ il suo programma?) e’ stato solo una pedina della grande scacchiera ordita da Berlusconi. Il monarca assoluto d’Italia ormai sceglie tra i propri amici e parenti chi mettere ad amministrare le proprie baronie. Caduto l’Abruzzo, presa la Sardegna, fra un po’ una spinta alla Campania e Berlusconi regnera’ su tutto e su tutti. Ecco perche’ dico che questo e’ un giorno triste anche per chi ha vinto. Perche’ una democrazia liberale e’ tale solo quando vi e’ pluralita’. Altrimenti diventa dispotismo oligarchico. Per quanto Soru potesse avere alcuni difetti, aveva in mente un’idea del futuro della Sardegna e la voleva portare avanti con passione e impegno. Si puo’ avere rispetto di un uomo coraggioso come lui anche quando non lo si appoggia apertamente. Ma come possiamo avere rispetto di un manichino, una marionetta, un cortigiano di un monarca? Cosa sara’ ora della Sardegna amministrata direttamente da Porto Cervo o da Arcore? La Sardegna sara’ il giocattolo di una persona; la periferia della sua Villa Certosa. C’e’ poco da gioire.

E c’e’ poco da gioire perfino per quello che significa a livello nazionale per l’opposizione. Un’altra debacle vergognosa del PD e di Veltroni che in un paese normale si sarebbe gia’ dimesso. Nello stesso giorno tra l’altro un berlusconiano DOC come Renzi veniva eletto alle primarie del PD di Firenze. L’onda lunga sta arrivando perfino nelle regioni piu’ rosse. La Toscana sara’ la prossima a cadere nelle mani del berlusconismo di sinistra rutelliano, o forse addirittura di destra.

L’UDC prende piu’ del 10% nelle elezioni sarde dando un segnale chiaro a Berlusconi. Se l’UDC tornera’ nel centrodestra Berlusconi potra’ contare sul 70% del potere partitico piu’ gli infiltrati dell’opus dei rutelliani nel PD. Un potere immenso senza argini.

27 commenti

Archiviato in Italia provinciale, politica, tristezze