Archivi tag: contro multietnicità

Un piccolo partito fascista dentro il PdL

Non so come sono approdato qua, tra un link e un altro spesso si fanno viaggi lisergici unici. Tra i fondatori del Popolo della Libertà (PdL) ci sono varie entità, una galassia di minuscoli partitini (o single-man parties) alquanto eterogenea. Quello che mi ha fatto strabuzzare gli occhi dalla sorpresa è Destra Libertaria. Primo, perché non l’avevo mai sentito e poi perché libertario è un termine che mi è proprio. Incomincio però a capire che c’è qualcosa che non va. Se non bastasse l’alleanza con Berlusconi a farmi storcere il naso è il simbolo dell’aquila bicefala che mi colpisce. Un simbolo araldico, monarchico e cattolico (notare lo scudo con San Giorgio).

Entro nella sezione Chi siamo è per prima cosa mi stupisce la bandierina russa in alto. Il sito si può tradurre in russo (?) e in francese. L’inglese non esiste. Bizzarro. Sul programma: contro il multietnicismo (non culturalismo, quindi contro le altre razze), contro la globalizzazione anglo-americana, contro le rivoluzioni francese, americana e comunista. Perché? Perché “[…] attraverso l’insulto alla sacralità della Madre Terra, della vita umana, all’unità monogamica ed eterosessuale della famiglia, alla libertà delle culture tradizionali dei popoli europei e dei loro Stati, attuano con violenza politico-mediatica sotto l’egida di organizzazioni supernazionali politiche antinaturali contro i “princìpi non negoziabili”, portando gli uomini, le società e gli Stati europei, occidentali e del terzo/quarto mondo verso il nichilismo più assoluto e verso l’autodistruzione totale.”

Solo contro quindi? No, loro sono per “il grande popolo del diritto naturale/dottrina sociale nato e dilatato dal grande operato di nuova evangelizzazione dei papi Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, demolitore del comunismo europeo il primo, e coscienza critica per la costruzione di un mondo alternativo al capitalismo globalizzatore il secondo.”

Ma come, e la Madre Terra violentata dalle rivoluzioni francese, americana e comunista?

Come si arriva a questo? Niente più uso di termini come destra e sinistra ma solo bene e male, verità ed errore. Destra Libertaria sta dalla parte della verità e del bene, tutto il resto è errore e male.

E chicca finale: “Affermazione del Creazionismo e dell’ Intelligent Design antagonista allo pseudo darwinismo scientifico.”

E poi di seguito tutti i valori del partito fascista: corporativismo, lotta contro il signoraggio, antiglobalizzazione, odio contro gli anglo-americani, tradizioni cristiane ecc. ecc.

Una nota: sul termine libertario ci sarebbero da dire due cosette. Libertario ha due significati: in Europa continentale è sinonimo di anarchico ed è di matrice sinistrors, anticapitalista e collettivista; nel mondo anglosassone invece è sinonimo di anarchico individualista, per il libero mercato, contro lo stato e non necessariamente incasellabile in destra-sinistra.

Ora capisco che questi qua dovevano nascondere il termine fascista dal loro simbolo (perché Destra Libertaria è un partito fascista), però c’era davvero bisogno di scomodare una corrente filosofic0-politica così autorevole?

38 commenti

Archiviato in anticlericalismo, da ridere, Italia provinciale, libertarismo, politica, tristezze