Archivi tag: corea del nord

Quel pazzo di Kim, o forse no?

In Occidente facciamo finta che la Guerra di Corea non sia mai accaduta, che gli americani non abbiano ucciso più di 1.5 milioni di nordcoreani, il 20% della popolazione, che non abbiano sganciato più di 650mila tonnellate di bombe (record nella storia umana per una singola guerra), che abbiano distrutto e messo in ginocchio un paese per più di 50 anni. Nei libri di Storia a scuola la guerra di Corea non esiste. Eppure fu una delle più violente e dove l’America compi’ i più efferati crimini di guerra senza conseguenza alcuna. Sorvoliamo sul napalm sui civili, sorvoliamo sull’embargo infinito che uccide i civili e aiuta Kim Jong-Un e prima di lui suo padre a rimanere al potere. Sui giornali ci vanno vedere reazioni violente della Corea del Nord e ci dicono che questi comportamenti sono frutto della pazzia o della malvagità del regime. Mai nessuno che ci dica che ogni singola volta che Kim fa un test missilistico lo fa SEMPRE in risposta alle annuali esercitazioni militari US-Corea del Sud al confine. Esercitazioni a pochi metri dal confine con decine di migliaia di militari che simulano non una difesa ma un attacco preventivo alla Corea del Nord.

Quindi dicevamo Kim Jong Un viene dipinto come un pazzo suicida guidato dall’odio e dalla malvagità. Ma in realtà non ci fermiamo mai a pensare che Kim Jong Un e’ figlio di 60 anni di Guerra Fredda, di una guerra in Corea per cui non si e’ mai segnata la pace, di una strategia del contenimento che ha rafforzato, non indebolito il regime e impoverito la popolazione civile. Ogni volta che si rinforza l’embargo sono i civili a rimetterci, non il regime. E alimenta la propaganda anti-americana. Non che ci voglia molto ad odiarli gli americani dal punto di vista coreano: tutti hanno nei propri ricordi le immagini dei soldati americani che bombardano indiscriminatamente i civili come fossero…ops… uno stato canaglia. L’Asse del male ve lo ricordate? A parte Assad, salvato in extremis dalla Russia, tutti gli altri sono stati eliminati: Saddam, Gheddafi, fra un po’ Maduro. Chissà perché Kim Jong Un e’ ancora al potere. Sara’ mai che la minaccia delle armi nucleari funzioni? Sara’ mai che tra Corea del Nord e USA il contendente più razionale sia la prima?

Kim ha fatto sua la dottrina della Guerra Fredda del deterrente nucleare: le armi nucleari servono a non essere attaccati. Chi non ce le ha viene decapitato. Punto. Saddam e Gheddafi hanno rinunciato ai loro programmi nucleari e guarda che fine hanno fatto. Kim deve essere proprio un pazzo ad usare tutte le risorse e il denaro in un programma nucleare invece che nutrire il suo popolo affamato, vero? La verità e’ che Kim sta giocando la partita in modo molto razionale e Trump non può far altro che guardare e infliggere danni collaterali, come embargo e sanzioni. Se invece avesse seguito le raccomandazioni di Cina e Russia di dialogo a quest’ora non saremmo arrivati a questo punto. Ma per gli USA non e’ di certo una sconfitta: l’obiettivo e’ aumentare la tensione nel Pacifico, tagliare ponti tra Corea del Nord e Cina e Russia, unici suoi partner commerciali, e vendere armamenti a Corea del Sud e Giappone. D’altro canto l’industria bellica americana dovrà pur sopravvivere. La fame di un’altra guerra e’ tanta e si vive anche di questi bocconcini piccoli.

Annunci

6 commenti

Archiviato in Uncategorized