Archivi tag: organic hairdresser

Il barbiere biologico

(nella foto: un barbiere inorganico è pronto a tagliare la testa ad un bambino)

Ebbene sì. Dopo l’acqua biologica mi è capitato di vedere qui in UK il parrucchiere biologico (organic hairdresser). La prima cosa che ho pensato è stata: “Chissà come sarebbe un parrucchiere non organico, cioè inorganico!?” Beh, la risposta potrebbe essere nella foto qua sopra. Chi è che non preferirebbe un parrucchiere in carne e ossa? 😀

Giusto l’altro giorno sono entrato in un Organic Shop o negozio biologico. Quella parola, organico, era ripetuta ad nauseam dappertutto. Qualsiasi prodotto, perfino il sale da cucina (un ossimoro chimico!)! I prezzi erano esorbitanti ovviamente. Prodotti riservati alla casta più ricca che si fa abbindolare da quella parolina magica, biologico, che ormai è sinonimo di buono, sano, naturale, OGM free, etico, giusto ecc. Ma poi, mi chiedo, come può il cliente davvero fidarsi ciecamente della “naturalezza” di un prodotto? Nel senso che chiunque, perfino la McDonalds fra un po’ scriverà organic dapertutto. Che garanzie può avere un cliente della buona fede dei produttori?

Nel reparto parafarmacia (molto para direi) c’era una pseudofarmacista che spiegava ad una donna che un estratto di erbe di cui non ricordo il nome, riconosceva le cellule cattive da quelle buone del corpo. In una boccettina con estratti di erbe c’era il Premio Nobel per la cura contro il cancro!

Per chi come me è molto sensibile alle questioni ambientali ma allo stesso tempo si occupa di scienza, quel negozio faceva venire i brividi.

Le uniche note positive sono state: il detersivo liquido con i refillers, cioé per non inquinare con milioni di bottiglie di plastica la gente può usare sempre la stessa bottiglia e comprare il detersivo “alla spina”. Un’ottima idea. E alla cassa non esistevano buste di plastica ma ti davano le scatole di cartone dei loro ordini che sarebbero state buttate comunque. Delle ottime idee sicuramente da applicare dappertutto, non solo in questi organic shops.

Insomma, esiste un mo(n)do di occuparsi di ambiente in modo scientifico e razionale?

24 commenti

Archiviato in da ridere, scienza, tristezze