Archivi tag: sciita

Il Vietnam persiano

Nelle prossime settimane incomincerete a vedere molti servizi giornalistici e articoli sui maggiori giornali riguardo all’Iran. Parleranno di presunti attacchi iraniani agli interessi occidentali, sabotaggi, interferenze con elezioni, pericoli contro Israele ecc. Ci saranno esperti militari ospiti di telegiornali e trasmissioni che parleranno di documenti dei servizi segreti che provano che l’Iran sta organizzando qualche attacco contro gli interessi americani e israeliani. Opinionisti scriveranno op-eds su grandi giornali come il New York Times e il Washington Post che verranno copia-incollati da agenzie in tutto il mondo. Non abboccate. Tutto questo e’ stato deciso a tavolino da qualche generale del Pentagono e spin doctor della Casa Bianca.

Tutte queste notizie verranno date in pasto ai giornali da agenzie dei servizi segreti americani e israeliane. Su Twitter e su Facebook vedrete un aumento delle campagne di appoggio per le donne che protestano contro il velo. Più del normale ovviamente. Questo viene fatto dagli algoritmi delle piattaforme per amplificare un messaggio di propaganda anti-iraniana. Voci contro la guerra verranno silenziate e le campagne anti-iraniane saranno martellanti. I social media e la maggior parte dei media tradizionali sono alle dirette dipendenze degli Stati Uniti e dell’Arabia Saudita (Twitter e’ in mano ai sauditi infatti). E’ tutto fatto di modo tale che l’opinione pubblica arrivi preparata alla prossima guerra contro l’Iran. Già, la guerra. Perché ora?

Alcune cose sono capitate negli ultimi mesi: la rielezione di Netanyahu in Israele, la riapertura del fronte di guerra siriano di Idlib, le pesanti perdite dei sauditi nel teatro yemenita a causa della guerrilla degli Houthis. Ma soprattutto una legge non scritta che dice che qualsiasi presidente americano che non va in guerra non viene rieletto per un secondo mandato. Trump ci ha provato con il Venezuela ma ha miseramente fallito e ora ci prova con l’Iran. Con modi da criminali gli americani hanno prima lasciato l’accordo internazionale sul nucleare che stava funzionando benissimo, poi hanno incominciato ad inviare navi e bombardieri nel Golfo Persico per stuzzicare una risposta dall’Iran. Come un bambino con un bastone che scuote un alveare stanno solo aspettando che una ape faccia una mossa sbagliata per poi giustificare un attacco.

Il problema e’ che gli americani sono cosi ignoranti che non si rendono conto che questa sarà la più dura e difficile guerra mai combattuta dai tempi della Seconda Guerra Mondiale. Non hanno alcuna idea di cosa sia l’Iran, quanto sia impervio geograficamente e quanti alleati fedeli abbia nella regione e fuori dalla regione. Non sarà una passeggiata e questi sono i motivi principali:

1. geograficamente l’Iran e’ immenso. Grande quanto l’Europa Occidentale (Germania, Francia, Italia e Regno Unito assieme per esempio) con zone impervie e montagnose, deserti e foreste. E’ un microcontinente a se stante. E’ impossibile da invadere dal mare, cioè dal Golfo Persico, perché controlla il passaggio delle navi sullo stretto di Hormuz. (infatti e’ una trappola per le navi nemiche) e da terra e’ circondata da paesi alleati o neutrali.

2. alleanze: A Est il Pakistan non ha alcun interesse ad allearsi con gli USA e a Nord-Est l’Afghanistan e’ in caos. A Ovest l’Iraq e’ diventato praticamente un paese satellite dell’Iran, l’Oman e’ storicamente neutrale ma si affaccia su Hormuz quindi ha interesse a non entrare nel conflitto, lo Yemen e’ in piena guerra civile, la Siria sta vincendo contro gli ultimi bastioni di Al Qaeda ad Idlib con l’aiuto dei russi, in Libano Hezbollah controlla parte del governo, la Turchia e’ alleata della Russia e in rotta di collisione con la NATO. Gli unici paesi che potrebbero supportare un attacco sono Arabia Saudita e Israele. E potrebbero farlo solo con supporto aereo.

3. conseguenze: se gli USA dovessero attaccare l’Iran, la prima mossa dell’Iran sarebbe quella di chiudere lo stretto di Hormuz e affondare la flotta americana. E potrebbero farlo perché in tutti questi anni si sono preparati a questa evenienza. Con minisommerigibili, droni, razzi terra-terra, motoscafi veloci da due posti per azioni kamikaze. Queste sono tutte azioni di guerriglia e  sabotaggio che non necessitano di tecnologie avanzate o di flotte di fregate o squadroni di jet. Sarà una sorta di Vietnam sull’acqua che terrà in scacco matto gli americani. Israeliani e sauditi tenteranno di usare la loro aviazione per fare sortite nel territorio iraniano ma come sappiamo dall’esperienza l’unico modo per vincere e’ con una invasione di terra. Impossibile a meno che non si facciano sbarcare 500000 mila soldati con perdite devastanti. Al confronto il D-Day fu una passeggiata. Nel frattempo l’Iran non ha neppure bisogno di spostare truppe al confine. Deve solo aspettare che i suoi alleati attacchino Israele (Hezbollah, Siria e Hamas) da più fronti e internamente, i sauditi (houthis dallo Yemen e dall’est sciita) e gli americani stazionati in Iraq (PMU sciite e IRGG). Non solo ma sarebbe impossibile per le petroliere dei paesi arabi attraversare lo stretto senza essere attaccati. Il prezzo del petrolio schizzerebbe a livelli mai visti dagli anni 70 con conseguenza disastrose sull’economia mondiale.

4. effetto domino. Non solo l’Iran non deve fare nulla – solo aspettare con pazienza – ma può contare su appoggio indiretto di Russia e Cina i quali faranno di tutto per sabotare gli interessi statunitensi aumentando la loro pressione su aree diverse come il Mare Cinese nel caso della Cina e l’Ucraina nel caso della Russia. Altri paesi poi potrebbero approfittarne come il Venezuela e la Corea del Nord (difatti la Corea nei giorni successivi all’annuncio della guerra contro l’Iran ha sparato missili a lunga gittata) per contrastare il potere americano nelle loro regioni di influenza.

5. Conclusioni: non solo gli USA non possono vincere militarmente contro l’Iran ma rischiano di esacerbare conflitti che non sembrano connessi come in Corea del Nord, Venezuela, Libia, Ucraina ecc. Esiste un solo modo per vincere la guerra militarmente: le armi nucleari. E non e’ da escludere che Netanyahu possa sganciare qualche atomica strategica su qualche piccola città iraniana. Ma come reagirebbe al comunità internazionale ad un tale atto criminale?

1 Commento

Archiviato in Uncategorized