Archivi tag: vita aliena

Shadow Life

hallucigeniaIeri leggevo un articolo su New Scientist nella cucina del dipartimento. L’articolo parlava di vita aliena, ma non si limitava alle ipotesi xenobiologiche di vita su esopianeti appena scoperti. Secondo l’articolo ci potrebbero essere tre tipi differenti di xenovita con cui dovremo fare i conti: la prima e’ appunto quella scoperta su altri pianeti; la seconda quella che costruiremo noi creando vita artificiale dai componenti di base della chimica organica; la terza quella che veniva definita come shadow biosphere. L’ipotesi alla base della vita ombra e’ quella per cui la vita sulla Terra potrebbe essersi originata piu’ volte nella storia. E non e’ detto che abbia usato le stesse basi biochimiche ogni volta. In pratica in futuro potremmo trovarci di fronte ad un tipo di vita che non conosciamo, forse non basata sul carbonio o sugli acidi nucleici (RNA e DNA). Questa vita ombra potrebbe trovarsi nel fondo degli oceani, a contatto con solfatare sottomarine, o a diversi chilometri di profondita’ all’interno della crosta terrestre, o negli strati piu’ lati dell’atmosfera, o addirittura intorno a noi. Il fatto e’ che potremmo ritrovarcela ogni giorno di fronte agli occhi ma non sapremmo riconoscerla perche’ tutti i nostri strumenti sono calibrati sulla vita che conosciamo: carbonio, DNA o RNA, proteine, aminoacidi ecc.

Altro spunto interessante a cui ho pensato e’ che forse nella nostra documentazione fossile piu’ antica (penso all’esplosione del Cambriano) ci possano essere degli intrusi poi estinti. Forse abbiamo catalogato dei fossili di xenovita senza accorgercene. D’altronde dei fossili piu’ antichi non abbiamo tracce di acidi nucleici, proteine o addirittura non possiamo essere sicuri se usassero carbonio. Penso ad esempio all’ Hallucigenia della foto. Forse spesso ci siamo trovati di fronte ai fossili dei discendenti di una seconda Genesi.

Trovo che questa ipotesi sia affascinante e forse in futuro potremmo avere delle grandi sorprese. Forse gli alieni non c’e’ bisogno di andare a trovarli su altri pianeti. Forse ce li abbiamo a casa nostra.

P.S.

Oltre all’articolo su New Scientist consiglio questa pubblicazione da cui e’ originato tutto. Molto bella.

Annunci

19 commenti

Archiviato in scienza, spunti di lettura e scrittura