Go vegetarian before it’s too late!

Un caso eccezionale ha voluto che, qualche giorno prima che scrivessi questo post, una lettera a Nature Geoscience arrivasse alle stesse mie conclusioni sull’apporto del metano della megafauna sul clima del passato. Nel grafico che vedete a sinistra potete notare come le concentrazioni atmosferiche di metano siano calate drammaticamente dopo l’estinzione della megafauna di 15000 anni fa (in rosso) producendo (forse) la Dryas Recente (una miniglaciazione). Si è calcolato che la sua estinzione abbia contribuito al 12% del declino totale di metano atmosferico. Se le cose stanno veramente così la glaciazione Dryas fu causata indirettamente anche dall’uomo: ormai è certo che l’estinzione della megafauna pleistocenica ebbe come causa principale la caccia dei primi umani. La megafauna di cui si parla è però rappresentata da mammiferi giganti coevi dei primi umani (mammoth, rinoceronti lanosi, camelidi, bradipi giganti ecc.), non di dinosauri. L’estinzione dei sauropodi quindi, avrebbe potuto veramente condizionare pesantemente il clima postestinzione dei dinosauri. E quindi causare le glaciazioni successive. Se è così, gli allevamenti intensivi di bovini e suini potrebbero essere una delle tante cause del riscaldamento globale attuale da tenere d’occhio. Significa che possiamo controllare il clima del pianeta aumentando o diminuendo la quantità di meteorismo dei suoi abitanti. E non è una battuta.

P.S.

Ringrazio Giuseppe per il link all’articolo di Nature.

Annunci

7 commenti

Archiviato in scienza, spunti di lettura e scrittura

7 risposte a “Go vegetarian before it’s too late!

  1. Del fatto che le scorregge provochino tutto sto casino, ormai mi hai convinto, ma davvero quei due o tre milioni di umani con qualche lancia spuntata hanno fatto fuori tutti i mammouth e compagnia bella, non mi pare credibile, erano troppo pochi. E’ l’ultima glaciazione che li ha fatti fuori, non per niente dal permafrost siberiano vengono fuori a cataste come le bratte dopoche hai dato il Baygon.

  2. A occhio pare un sistema non sostenibile, animali che mangiano vegetali e altri animali che mangiano gli animali che mangiano vegetali. Partendo dal presupposto che nulla in natura si distrugge, vorresti dirci che il pianeta perirà a seguito di una enorme scorreggia?

  3. Claudio

    L’allevamento intensivo di bovini e suini ha anche altri inconvenienti, come l’utilizzo non efficiente di gran parte della produzione agricola per alimentare tutti quegli animali, per non pensare poi a tutto il combustibile bruciato per spostare concimi, foraggio e bestiame, nonchè l’energia necessaria a tutto il processo (dalla produzione del concime alla conservazione della carne), altri grossi contributi in gas serra. Ho letto non mi ricordo dove che gli USA rientrerebbero nei parametri per l’emissione di CO2 degli accordi di Kioto semplicemente rivedendo la dieta.
    Ciliegina sulla torta: è pure uno spreco d’acqua. E un pericolo per le coronarie ovviamente.
    Per quanto riguarda l’apporto alle proteine, beh, citando Marvin Harris in “Buono da mangiare”:
    «Sul piano strettamente nutritivo la carne degli insetti eguaglia per lo meno le carni rosse e il pollame. Cento grammi di termiti africane contengono 610 calorie, 38 grammi di proteine e 46 di grassi. In confronto un hamburger cotto, a medio contenuto di grasso, offre solo 245 calorie, 21 grammi di proteine e 17 grammi di grassi. Una porzione pressoché analoga di larve di falena contiene suppergiù 375 calorie, 46 grammi di proteine e 10 di grassi. Essiccate, invece, le locuste contengono fra il 42 e il 76 %, del peso, di proteine e tra il 6 e il 50% di grassi. La comunissima mosca domestica contiene, allo stato larvale, il 63% di proteine e il 15% di grassi mentre la pupa dell’ape se essiccata offre oltre il 90% di proteine e l’8% di grassi».

  4. “E un pericolo per le coronarie ovviamente.”

    Questo è controverso. In realtà non c’è nessuna prova definitiva che una dieta ricca di carne faccia male, al di là dei fattori confondenti (chi è vegetariano e comunque mangia molte verdure tende ad essere più “health conscious”).
    Alcuni studi puntano in questa direzione, altri invece dicono che solo la carne “processata” (salumi, hot-dog, bacon…) ha un effetto negativo, altri ancora che la carne bianca ha un effetto complessivamente positivo su mortalità e morbidità.
    Io mi trovo molto nella chiusa di questo post (http://www.sciencebasedmedicine.org/?p=5285):

    “Aristotle said ‘Moderation in all things.’ Mom said ‘Eat your vegetables.’ They were both right.”

  5. Corrado

    Recentemente ho letto “Science of Discworld” che pur travestito da libro fantasy\satirico è un vero e proprio documento di divulgazione.
    Tra le varie parla proprio di questo…
    Ci sono studi diversi che portano a pareri diversi, uno dei quali dice che noi dovremmo essere sull’orlo di una glaciazione ma che sia proprio l’effetto serra a salvarci.

    Inoltre da per assodato quanto detto da Fabri…
    il discorso del”buon selvaggio” è una bufala… i primi uomini, con le loro lance appuntite sono stati i principali responsabili dell’estinzione di numerose specie, tra cui quelle citate… i primi aborigeni australiani in qualche migliaio di anni furono responsabili dell’estinzione di qualche decina di specie prospera fino a quel momento.

  6. Bello! Comunque non pensare che io sia uno scettico del climate change. Con questi post volevo solo far notare la componente coprometanica che lo influenza. Tra parentesi anche le scorregge dei bovini dipendono dall’uomo. Sicuramente se d’un tratto gli uomini diventassero tutti vegetariani ci sarebbe un cambiamento enorme. Io spero nella carne artificiale. Si può già fare solo che la gente non la comprerebbe.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...