Archivi del mese: dicembre 2011

Il catastrofico 2012 che verrà del… Corriere

Dopo averci regalato articoli di intensa ispirazione “X-filiana” con una rubrica, Mistero Bufo, dedicata agli UFO nel 2011 (sempre in prima pagina ovviamente) il Corriere ci dà un’anteprima del suo 2012 con una sezione interamente dedicata agli astri (non astronomia, qui si parla di congiunzioni astrali e zodiaco) in collaborazione col grande settimanale scientifico Astra. Abbiamo anche un bel banner in prima pagina tra la testata e il primo articolo, mica a fondo pagina tra le cazzate e i cruciverba. Ma non è tutto perché quelli del Corriere ci vogliono comunque rassicurare per dirci che l’apocalisse del 2012 non avverrà con un articolo pubblicato in “cronache”. Ah, direte voi, si sono ravveduti e ci vogliono far capire che quelle sull’astrologia sono tutte cazzate. Macché, l’articolo ci spiega che l’apocalisse del 2012 non avverrà perché si tratta di una profezia che si basa sui numeri sbagliati e su interpretazioni sbagliate, mica perché è una boiata stratosferica new age: parola dell’avvocato sportivo Cantamessa, massimo luminare di astro…logia. Quelli del Corriere si sono pure scomodati ad intervistarlo perché loro non ci credevano alla profezia dei Maya sulla fine del mondo perché non ha “alcun fondamento scientifico” e sembra veramente una “patacca”. L’avvocato del Milan fa spallucce e fa sorrisi rassicuranti: tranquilli, l’apocalisse del 2012 non avverrà. Pfiu meno male che c’è Cantamessa!

Ma dopo “le tranquillizzanti parole di Cantamessa” giusto per rassicurarci ancor di più che non ci troviamo di fronte all’apocalisse il giornalista ci consiglia di leggere un libro sulle apparizioni mariane moderne che, lungi dall’essere delle suggestioni di massa miste a pareidolia diffusa tra pastorelli di 10 anni e/o schizofrenici, ci danno (queste sì!) delle indicazioni “per i tempi a venire. Un’indagine mariana contro le ipotesi nate dai Maya.” La Madonna sì, i Maya no. La Madonna vince a tavolino perché come puoi fidarti di questi messicani ante litteram tutti sicuramente narcotrafficanti e drogati e coi baffoni e il sombrero quando hai i profeti in casa tua nel nostro bel paese del sole mare calcio pasta tutti gli scaraffoni sono belli a mamma sua?

Annunci

3 commenti

Archiviato in anticlericalismo, armi di distrazione di massa, da ridere, giornalismo di merda, Italia provinciale

Youtube ti fa vedere quello che ti piace (e basta)

Da qualche anno a questa parte social network, siti e compagnie pubblicitarie si sono alleate per accontentare le vostre passioni e solo quelle. Forse alcuni di voi non l’avranno notato ma se siete iscritti a Youtube (o a Gmail) quest’ultimo vi suggerisce cosa guardare basandosi sulle vostre visite precedenti o sui video che avete appena votato precedentemente. Significa che quando apro Youtube vedo solo documentari della BBC, video musicali di heavy metal e video sul libertarismo. Questo per farvi capire le mie preferenze. E Youtube mi suggerisce continuamente sempre e solo video simili o collegati in un modo o nell’altro alle mie passioni. E tutto questo è rafforzato dall’integrazione con le ricerche di Google che vengono comunicate a Youtube. Il guaio è che questo tipo di marketing non fa altro che rinforzare le mie passioni ma non mi permette di scoprire cose nuove. E così un fanatico di Justin Bieber vedrà solo i suoi video, un metallaro solo metal, un grillino solo video di Grillo ecc. In poche parole ci stiamo avviando ad un internet fatto di nicchie impermeabili tra loro dove lo scambio di culture o l’interazione tra culture si avvicina a zero. Questo è un trend che ho notato da alcuni anni anche sul mio blog; un tempo diverse culture si scontravano/incontravano nei blog, ora ci si specializza, si sta con quelli che la pensano allo stesso modo e in definitiva è diventata una noia mortale. Penso che questa tendenza sia estremamente negativa perché rafforza idee e passioni già presenti negli individui ma non gli permette di cambiarle. Ottimo per marketing e pubblicità ma pessimo dal punto di vista della crescita di una buona cultura diversificata soprattutto negli adolescenti. Una delle cose più straordinarie di internet è (era) che ti permette di scoprire mondi di difficile accesso nella vita reale. E non sarei quello che sono adesso se non avessi incontrato casualmente blog, siti, video o pagine di Wikipedia che mi hanno letteralmente cambiato il mio modo di pensare e di conseguenza la mia vita. Per fare un esempio nel mondo del reale quando andavo nella mia libreria di fiducia era una gioia poter scoprire un libro su uno scaffale sconosciuto che non apparteneva al mio genere di passioni principali. Significava aprire una porta verso un nuovo mondo. Ecco, Youtube e Google con questo nuovo tipo di marketing stanno uccidendo la possibilità di far scoprire queste porte su nuovi mondi.

14 commenti

Archiviato in spunti di lettura e scrittura

La forza del collettivismo

Un breve post natalizio che dedico a quei 30enni come me non ancora sposati o con figli, visto che molti di voi si ritroveranno intorno alle tavole imbandite per le feste insieme a decine di parenti.

Una delle cose più fastidiose delle mie brevi vacanze in Italia è quando le persone ti fanno le solite domande imbarazzanti tipo: “E tu quando te la trovi una ragazza?” oppure “E voi quando vi sposate?” o ancora “E voi quando avrete un bambino?” e se ne avete già uno vi chiedono “A quando il secondo?”. Tutto questo ovviamente di fronte ai genitori dell’uno o dell’altra giusto per rendere la cosa ancor più imbarazzante.

Le donne vecchie poi scrutano il corpo delle ragazze giovani in cerca di segni rivelatori e se non li trovano, forse per gelosia o cattiveria, le castigano di fronte alle loro madri. Ma la cosa non si limita ai vecchi visto che anche i giovani una volta sposati e con figli ti faranno con sorriso da veterano: “Adesso è il vostro turno eh!”  Magari anni prima venivano redarguiti dai vecchi e si sentivano frustrati allo stesso mio modo ora, ma il fatto stesso che hanno fatto quei “grandi passi” li rende immemori delle loro pene giovanili. Inutile poi far ritornare la memoria ai genitori quando anche loro venivano stressati dalla famiglia per le stesse cose e ora fanno lo stesso coi loro figli continuando la tradizione del “non farsi i cavoli propri” tutta italiana. Tra l’altro sono sicuro che molte coppie si sono lasciate proprio a causa di queste continue domande insistenti, a causa di questo fascismo soft del familismo italiano.

Nessuno si chiede se le persone a cui hai appena fatto quelle domande magari non vogliono sposarsi, oppure non possono o non vogliono avere figli*, o se ci sono problemi di relazione con i genitori della famiglia dell’altro partner. Nessuno si pone questi problemi, l’importante è farsi gli affari degli altri, costringere parenti, amici, vicini a fare quello che loro hanno già fatto e che è “normale” fare in una “società sana”. Perché alla fine è proprio questa la mentalità del collettivismo italiano, antropologico prima ancora che politico: le persone non hanno libertà di scelta e devono sottostare alla volontà collettiva che li vuole eterosessuali, sposati, con figli. La deviazione dalla norma è considerata scandalosa. E questo si ripercuote poi nella politica e sulla legislazione. Per fare una rivoluzione politica bisogna prima distruggere l’abitudine delle vecchie donne italiane di romperti il cazzo con queste domande imbarazzanti. E anche per i giovani: quando vi sposate o avete figli non andate in giro a imbarazzare quelli che non lo hanno (ancora) fatto. Il mondo vi ringrazierà.

*se vi viene voglia di fare la solita domanda “A quando un bambino?” ad una coppia fermatevi e contate fino a 5, poi chiedetevi: e se questa povera coppia non può avere figli? E se ci provano da anni e uno di loro è sterile? Perché devo infilare il dito nella loro piaga? Perché amplificare la loro sofferenza e magari contribuire all’implosione della coppia?

15 commenti

Archiviato in anticlericalismo, fuck the system, Italia provinciale, libertarismo, tristezze

Gli errori dell’archeologia del futuro

Quando entro nelle case di certi vecchi non possono non notare le centinaia di chincaglierie e cianfrusaglie che hanno accumulato nella loro vita. Bomboniere, statuine, oggetti kitsch ecc. Ogni volta che vedo queste cose inutili mi chiedo che cosa penseranno della nostra civiltà gli archeologi del futuro. E io già me li immagino con le loro solite teorie: questa statuina rappresenta la fertilità, quest’altra la virilità, questo oggetto ancora era magico ecc. Penso molto spesso al fatto che forse le antiche civiltà facevano esattamente come noi: le mogli accumulavano cianfrusaglie in casa perché le consideravano carine da mettere sul davanzale di casa o in cucina mentre i mariti cercavano di sbarazzarsene buttandole nei pozzi sacri (definiti sacri dagli archeologi moderni).

Stessa cosa per le decine di migliaia di mummie che stiamo producendo per i musei di antropologia del futuro: chissà quante teorie strampalate sui tatuaggi della pelle degli uomini del 21esimo secolo. “Sicuramente erano un rito di passaggio dalla pubertà all’età adulta, oppure una prova di forza per entrare nel clan dei guerrieri o altre stupidaggini simili. E i tattoo studio erano dei luoghi sacri dove il ragazzo celebrava il rito di passaggio lontano dal resto della società e della famiglia.”

7 commenti

Archiviato in da ridere

Reparti speciali felini

Giusto per dirvi che sono rimasto a ridere per cinque minuti consecutivi.

6 commenti

Archiviato in da ridere

E se non fosse come un orologio?

“Penso che la cosa più misericordiosa al mondo sia l’incapacità della mente umana di mettere in relazione i suoi molti contenuti. Viviamo su una placida isola d’ignoranza in mezzo a neri mari d’infinito e non era previsto che ce ne spingessimo troppo lontano. Le scienze, che fi­nora hanno proseguito ognuna per la sua strada, non ci hanno arreca­to troppo danno: ma la ricomposizione del quadro d’insieme ci aprirà, un giorno, visioni così terrificanti della realtà e del posto che noi occu­piamo in essa, che o impazziremo per la rivelazione o fuggiremo dalla luce mortale nella pace e nella sicurezza di una nuova età oscura.”

H. P. Lovecraft, Il richiamo di Cthulhu

Pare che l’Universo si stia espandendo soprattutto verso una sola direzione e non uniformemente come sempre pensato. E questo a mio parere potrebbe supportare ulteriormente la teoria dell’universo a bolle: come grappoli di palloni in espansione possiamo solo crescere in alcune direzioni. Molto interessante. E chissà se in questa cornice cosmologica ci siano i presupposti  per riproporre gli intermundia di epicurea memoria. Con tanto di dèi lovecraftiani.

5 commenti

Archiviato in scienza, spunti di lettura e scrittura, viaggi

Un necrologio

Di lui rimarranno le centinaia di frasi taglienti e acute sparse per riviste, video su Youtube e blog di internet e in breve verrà inserito in quelle raccolte di citazioni di personaggi famosi insieme a Voltaire, Bierce, Wilde e Churchill. Le sue frasi, come è normale, verranno usate da chiunque, anche da coloro che aveva sempre odiato e combattuto. Quelle contro gli ebrei verranno usate dai musulmani e dai antimsemiti, quelle contro i musulmani dai cattolici, quelle a favore del socialismo della sua giovinezza dagli statalisti socialisti. Chiunque banchetterà sulle sue ceneri letterarie.

Eppure solo chi l’ha letto durante la sua vita saprà che Christopher metteva nella “[…] colonna dell’odio: dittature, religione, stupidità, demagogia, censura, prepotenza e intimidazione. Nella colonna dell’amore: letteratura, ironia, humor, l’individuo e la difesa della libertà d’espressione.” [*]

Christopher Hitchens, per chi non lo ha conosciuto, è in queste parole. E pochi a questo mondo si sarebbero salvati dalle sue critiche. Per gli altri, per chi lo ha combattuto, maledetto, perfino circuito sul letto di morte per convertirlo al cristianesimo, per tutti questi ominicchi rimarrà un altro “ateo militante” che è morto (una etichetta cretina per grande gioia di tutti i titolisti dei giornali di questi giorni).

Ma chi era veramente Hitchens? Un uomo che semplicemente amava e usava la razionalità, l’unica cosa che secondo lui ci rende umani e liberi.

E basta questo per ricordarmi di Hitchens, nonostante spesso non la pensassi come lui su tante cose, senza etichette o categorie.

Grazie Hitchens, che la terra ti sia lieve.

*”In the hate column: dictatorship, religion, stupidity, demagogy, censorship, bullying, and intimidation. In the love column: literature, irony, humor, the individual, and the defense of free expression.”

Lascia un commento

Archiviato in anticlericalismo, giornalismo di merda, libertarismo, politica, spunti di lettura e scrittura, tristezze