Gli idioti di Washington

americanizzazione-1322333045Se di tutto l’ambaradan che sta succedendo in Medio Oriente non ci avete capito nulla, non preoccupatevi, non siete gli unici. Perfino chi sta lanciando bombe non ci sta capendo più nulla. Di sicura c’è solo una cosa: il MO non sarà più come una volta. La Pax Americana che teneva insieme il fragile equilibrio in MO è finita. Il nuovo ordine mondiale si sta lentamente formando sotto i nostri occhi e domani l’accordo sul nuclear di Losanna verrà messo sui libri di Storia.

Ci sono due grandi giocatori nello scacchiere mediorientale: Iran e Arabia Saudita. Gli altri sono spettatori, vittime o alleati o come nel caso degli Stati Uniti delle carte jolly da giocare a seconda della convenienza. Gli USA dicevamo, stanno combattendo la più confusa e ridicola guerra della loro storia. Alfa e Omega, tutto nasce dagli USA ma forse non è chiaro agli idioti generali di Washington cosa stia succedendo e cosa decenni di politica estera hanno creato. Dopo aver creato l’Iraq, dopo aver creato l’Iran e dopo aver appoggiato i sauditi per 50 anni ora tutti i loro giocattoli stanno prendendo vita propria e si stanno combattendo tra di loro.

Immaginatevi questo: gli USA stanno combattendo contro la Siria alleata di Iran, Hezbollah e Russia, la quale è nemica dello Stato Islamico (ISIS) il quale è una creazione, insieme ad Al Nusra e Al Qaeda, dell’Arabia Saudita e del Qatar con lo zampino della Turchia, i quali sono tutti alleati degli USA, tutti nemici giurati dell’Iran con cui gli USA sta facendo un accordo sul nucleare (con la partecipazione della Russia, la quale sta combattendo per il controllo dell’Ucraina contro USA e UE, quest’ultima partner commerciale della Russia) e che è alleato del governo iraqeno, a sua volta alleato degli USA contro l’ISIS, il quale è nemico del Kurdistan, creato e protetto dagli USA ma nemico giurato della Turchia, la quale fa parte della NATO e alleata degli USA ma è ai ferri corti con Israele, alleata degli USA ma che appoggia tacitamente Al Nusra e ISIS pur di non aver niente a che fare con Hezbollah, gruppo libanese alleato con Iran e con la Siria, che ha sempre appoggiato Hamas contro Israele per la causa della Palestina, divisa tra Autorità Palestinese comandata da Abbas e il gruppo fondamentalista Hamas, il quale è appoggiato dai Fratelli Musulmani, osteggiati dall’Egitto ma appoggiati dal Qatar, alleato degli USA ma finanziatore di Al Qaeda che è nemica di ISIS e dei gruppi sciiti come Hezbollah e Houthi in Yemen (alleato degli USA ma protettore di Al Qaeda), ma nemica degli USA ma tacitamente aiutata dal Pakistan in Waziristan, alleato degli USA che è in guerra con l’India, amica degli USA, la quale è in contrasto con la Cina, la quale sulla carta è nemica degli USA perché appoggia Nord Corea, ma che in pratica detiene miliardi di debito statunitense e produce miliardi di tonnellate di beni per i mercati occidentali e orientali come il Giappone, il quale è non ha mai fatto pace con la Cina ma che allo stesso tempo non riconosce Taiwan, nemico della Cina ma appoggiato dagli USA. E la storia continua all’infinito. Good luck Obama!

4 commenti

Archiviato in Uncategorized

Figli del linguaggio

electric-fish-signal-waves-language-scienceQuasi una settimana ad una conferenza di neuroscienze. Un bel po’ di cose interessanti come sempre tra i talks. Ma le chicche più interessanti le trovo sempre tra i poster. Spesso a queste conferenze la gente si sofferma troppo sui grandi nomi e sulle big lectures ma si dimentica dei poster. Ai poster si trovano cose strepitose, si ha la possibilità di parlare direttamente col ricercatore che ha fatto la ricerca, si possono dare feedback, si fa networking e possono nascere collaborazioni etc. Insomma due mondi distinti: il primo è a senso unico e ha struttura gerarchica, il secondo è incredibilmente accessibile e antigerarchico.

Dicevo, ero a questa conferenza e uno dei poster che mi ha più incuriosito è stato quello di questi neuroetologi tedeschi che se ne sono andati a Panama, in mezzo alla giungla, per una settimana a piantare elettrodi nel letto di un fiume. Direte: che cavolo c’è da misurare sul letto di un fiume?  Di giorno ci sono poche correnti ma la notte si scatena una tempesta elettrica stupefacente. Decine di pesci elettrici sono in attività frenetica per accoppiarsi e hanno un curioso modo per corteggiare le femmine: scariche elettriche. Queste si propagano nell’acqua e a seconda di frequenza e amperaggio possono cambiare il senso di quello che viene “detto”. Accoppiarsi su un letto del fiume per un pesce è un “tricky business”. La femmina deve deporre le uova, il maschio deve fecondarle immediatamente prima che la corrente le porti via e tutto questo deve essere fatto in maniera assolutamente sincronizzata, altrimenti il maschio non fa centro (e via di battute a sfondo sessuale su questi poveretti figli, loro malgrado, di Onan; se pensate che eiaculatio precox sia un problema sulla terra ferma figuratevi su un fiume in piena!).

Comunque a parte le battute, la cosa è seria: come fa la femmina a dire al maschio che sta per deporre le uova? Comunicando con le scariche elettriche per l’appunto. Ora, la prima cosa che mi è venuta in mente è stata: vuoi vedere che la capacità di utilizzare l’elettricità in questi pesci è nata prima come linguaggio e poi come sottoprodotto per difesa o attacco (e non il contrario)? Il ricercatore mi ha detto che è molto probabile che sia così. Se veramente è andata così questo è l’ennesimo caso nell’evoluzione di un uso di un organo nato per un motivo ma la cui utilità poi si è allargata ad altre funzioni.

E la mia mente ha cominciato a cavalcare: se potessimo fare un parallelismo con il genere Homo forse il nostro linguaggio nato per ovvi motivi di coordinazione sociale per la caccia, la difesa e altro ci ha poi permesso di sviluppare la coscienza. Potremmo essere coscienti di noi stessi senza il linguaggio? Forse no. OK, dobbiamo definire cosa è coscienza e questo potrebbe portarci a discutere per decenni. Quella che io considero coscienza è la capacità di un organismo di essere cosciente di se stesso, di essere capace di rappresentare se stesso in un’azione passata, presente e futura.

Un neonato non è cosciente di se stesso se non dopo il 18esimo mese quando riesce a guardarsi allo specchio e capire che quello di fronte a se è se stesso, in poche parole che esiste. Stessa cosa vale per molti primati, delfini, corvidi e elefanti (e questo apre la discussione su altri fronti: poiché il cervello dei mammiferi differisce considerevolmente rispetto a quello degli uccelli forse la coscienza si è evoluta più volte nella storia e non nasce da una regione anatomica specifica, ad esempio un’area “magica” del cervello mammaliano). Possiamo essere coscienti di noi stessi senza sentire quella voce (o il gracchiare nel caso dei corvidi) interna? Quando descriviamo l’ambiente che ci circonda ad altri consimili stiamo facendo qualcosa di straordinario: stiamo dicendo che il nostro corpo si trova in un ambiente, stiamo definendo lo spazio-tempo nel quale il nostro corpo sta “galleggiando”. La cosa forse più interessante è che il linguaggio è nato appunto per motivi basilari e di sopravvivenza come la comunicazione per la caccia in un gruppo. Un cacciatore torna al suo clan e deve spiegare di essere stato in un posto dove c’era una carcassa di un animale. Deve descrivere se stesso, spostare l’idea di se stesso in un altro luogo e tempo. Questa sorta di disembodiment è alla base del cosiddetto “languageC4-consciousness-image-web-550x367 displacement” ovvero la capacità di proiettare se stessi in un altro luogo e tempo. Ora questa caratteristica è necessaria per l’evoluzione della coscienza ma non è l’unica caratteristica della coscienza. Infatti api e formiche sono in grado di comunicare con language displacement. Le api e le formiche scout comunicano la posizione della fonte del cibo alle proprie compagne. Stessa cosa fanno molti corvidi. Ma nel caso delle api e delle formiche queste possono comunicare la posizione della fonte del cibo che hanno appena visitato, non riescono a proiettare se stesse nel passato remoto o nel futuro. Il linguaggio in poche parole nasce per permettere di liberarci dalle catene del presente e di proiettare la nostra mente in altri mondi e in altri tempi. E così la coscienza nasce dal disembodiment in funzione spazio-temporale (e forse è da questa sensazione che nasce l’idea della nostra anima/coscienza che è separata dal corpo; ma in realtà è solo una illusione il cui unico scopo era comunicare la fonte di cibo agli altri compagni del gruppo; che ironia che una idea così nobile come l’anima in realtà sia più correlata con bisogni più basilari come il mangiare, e le carcasse in mezzo alla savana). Ed ecco che uno strumento evoluto per uno scopo è riuscito a sviluppare una delle qualità più rare della vita sulla Terra. Non “cogito ergo sum” ma “dico ergo sum”.

E grazie a questo il mio cervello è riuscito a fare l’audace accostamento tra l’eiaculazione di un pesce e la coscienza umana! E poi dicono che la scienza è noiosa.

11 commenti

Archiviato in scienza

Fueddus in libertadi

Appu scrittu in custu blog in italianu e in inglesu. Immoi esti sa borta de scribiri in sardu. Du sciu giai che immoi sa genti incumintzara a criticai comenti du seu scribendi. “Custu esti sbaliau” “custu esti italianu ammisturau con sardu” “in bidda mea du chistionanta de aicci” etc. Ma non m’indi importara nudda. Custu esti su sardu che appu imparau candu femmu pitticheddu. Nun du appu mai chistionau, scetti ascuttau candu personas prus mannas de mei fianta chistionendi, in bidda o a Casteddu. Unu pagheddu comenti su spaniolu che chistionu: tottai dusu imparausu ascuttendi. Intzandusu nun sciu sa grammatica, sa reulas, alcuna bortas amìsturu una lingua con un’atra. Ma ita m’indi importara? S’importanti esti che sa genti che du chistionara du cumprendiri. Candu bandu in Sud America sa genti esti prexara che fatzu su sfortzu de chistionai su spaniolu. Candu du fatzu in Sardinia sa genti si poniri a ridi. E custu narara tottu de s’isola de aundi bengu. Un’isola de gentixedda, provintzali e che non teniri sentidu. Sa generatzioni mea esti s’uttima che du podiri chistionai. Mali certu, ma a su mancu a unu livellu basicu. Is fillus mius non du poddinti imparai. Esti impossibili.

Poita seu scribendi in sardu? Su crebbeddu esti meraviliosu. Immoi seu in un albergu in Germania, appu chistionau totta sa dii in inglesu, d’onia tanti unu fueddu in tedescu intrara in sa menti. E immoi su crebbeddu stari pensendi in sardu. Cali processu mentali m’ari postu in connessioni su sardu con su tedescu? E aundi esti s’italianu e su inglesu immoi? Poita cambiara de aicci? Su proppiu che mi capitarara in Brasile e Portogallo. Candu circu de chistionai in portoghesu su sardu pigara su soprabentu. C’esti de nai che su portughesu esti incredibilmenti bixinu a su sardu. Ma su tedescu? Candu femmu pitticheddu, in prima elementari, femmu imparendi su tedescu, scetti un annu. Intzandus podi d’essi che su crebbeddu ari linkau (unu fueddu inglesu sardizau!) cussu periodu con su sardu poita candu femmu pitticcheddu femmu prus espostu a sa lingua sarda. Chini du sciriri? Scetti una cosa esti certa: tottas custas linguas mi funti ammacchiendi. Su poliglottismo non esti una passeggiara. Arribasa a d’unu puntu che su crebbeddu preguntara sa paxi interiori.

Ma podi dessi che sa prossima borta fatzu unu esperimentu: bollu ammisturai tottas sa lingua che conosciu e bollu biri ita ne beniri a forasa. Unu esperantu de sa menti mea? O scetti unu amisturu de tottas is esperientzas de sa vida mea?

4 commenti

Archiviato in Uncategorized

Due mandibole che cambiano la storia

jawbone“[Noi Homo sapiens] siamo figli di più padri e più madri di differenti specie e non c’è notizia più bella per un bambino così giovane come l’Homo sapiens.”

E’ con questa frase che tempo fa chiudevo un post sulla policentricità delle nostre origini come specie. E mi pare un buon punto di partenza per aprire questo nuovo post che parlerà lo stesso di policentricità ma in un pianeta piu antico di 2.8 milioni di anni.

Poca copertura mediatica a mio parere è stata data a due scoperte molto ravvicinate di questi giorni. La prima è la scoperta nella regione dell’Afar etiopico del piu antico resto del genere Homo, che sposta l’origine del genere 400 mila anni prima di quanto creduto finora. La seconda è la ricostruzione al computer di un fossile appartenuto a Homo habilis che ad una più attenta analisi si è rivelato più primitivo di altri resti di Homo habilis.

Ma vediamo la prima scoperta, quella più importante. LD-350-i è una semplice mandibola che però sposta l’inizio del nostro genere Homo di 400 mila anni, a 2.8 milioni di anni fa. Incredibilmente vicino (appena 200 mila anni) ai più recenti ritrovamenti di Australopitechus, il genere di ominidi più vicino al genere Homo e da cui si pensa gli Homo derivino. Lucy, il primo individuo femmina di Australopitechus, fu scoperto proprio in Afar a meno di 40 miglia da questa mandibola. Significa che forse Australopitechus e questa specie di transizione possano aver vissuto nello stesso ambiente. Questo non deve stupire ovviamente perché la coabitazione tra una specie appartenente ad un genere progenitore e la specie di transizione di un nuovo genere è quasi sempre scontata. Purtroppo l’opinione (sbagliata) comune è che vi sia una sorta di transizione lineare tra specie per cui una diventa l’altra. Classico esempio è quando qualcuno contesta l’evoluzione chiedendosi: “ma se deriviamo dalle scimmie perche’ ci sono ancora scimmie?”. Per prima cosa gli Homo sapiens non derivano dalle “scimmie” ma da altre specie Homo che a loro volta derivano da ominidi come Australopitecus che a loro volta derivano da un progenitore comune alle scimmie antropomorfe odierne, le quali hanno avuto una evoluzione parallela tale e quale alla nostra. Il modo migliore che uso per spiegare tutto questo è quello di pensare a cugini di secondo e terzo grado: non sono gli uni figli degli altri ma hanno un progenitore in comune. Ecco l’unica parentela che abbiamo con le scimmie antropomorfe odierne sta nel fatto che abbiamo tris-tris-tris nonni comuni. L’uno non deriva dall’altro ma si sono evoluti parallelamente a partire da un progenitore comune (un bel diagramma interattivo qui spiega bene il tutto). Ne deriva che quindi l’esistenza di un cugino non significa l’estinzione degli altri. Stesso puo’ essere detto della coabitazione tra i generi Australopitecus e Homo i quali hanno sicuramente “competed” (uso l’inglese perché oggi ho scoperto che il verbo competere è difettivo e manca dei tempi composti!) per le stesse prede ma ciò non comporta l’estinzione automatica del più antico genere. L’estinzione di Australopitecus infatti sembra legata più che altro ad un cambiamento ambientale dell’altopiano etiopico diventato più arido, un ambiente in cui Homo era più adattato.392-004-E6DE9132

Sullo stesso tema della coabitazione parliamo ora della seconda scoperta. OH-7 è un frammento mandibolare che si pensava appartenesse ad Homo habilis, il primo rappresentante del genere Homo. Le cose in realtà sono sempre più complesse di quanto sembrino e pare che questo frammento non appartenga ad Homo habilis ma ad un’altra specie. Quindi 1.8 milioni di anni fa (un milione di anni è passato dal primo fossile di cui abbiamo parlato e il genere Australopitecus è ormai estinto) ci sarebbero potute essere più di tre specie di Homo: habilis, rudolfensis, erectus e forse quest’altra. Quattro specie nella stessa regione allo stesso tempo. Come vedete ancora una volta non esiste linearità nell’evoluzione ma rami di grandi cespugli che si ramificano all’infinito. Gli autori della ricerca però non si fermano qui e ipotizzano qualcosa di assolutamente straordinario: forse alcune di queste specie di Homo derivano da differenti specie di Australopitecus. Infatti A. sediba è piu giovane di rudolfensis e potrebbe aver dato origine a habilis o erectus. Significa che le specie che comunemente associamo nel genere Homo potrebbero non essere imparentate tra loro e quindi dovremmo trovargli posto in altri generi. Ma queste sono le difficoltà che nascono nell’assegnare nomi, famiglie a specie che rifuggono dalla catalogazione umana: quando una specie diventa un’altra? E quando un genere si differenzia da un altro? Parliamo di scale di grigi dove un colore trasla ad un altro senza soluzione di continuità. La nostra catalogazione è vana e non sarai mai perfetta.oh7

Un ultimo commento a corollario di tutto ciò che è stato detto finora. Le decine di specie di ominidi e Homo che si sono avvicendate negli altopiani dell’Est dell’Africa hanno plasmato l’ambiente per milioni di anni. Cacciato milioni di prede, abbattuto milioni di piante, bruciato migliaia di foreste e di savane. E la savana africana che osserviamo oggi nel 2015 è anche frutto di quella interazione di milioni di anni tra ominidi/Homo e natura. Tutte le specie che osserviamo oggi si sono evolute con noi, grazie a noi. Dal leone alla gazzella, dall’elefante all’acacia. Il fattore umano è esistito per milioni di anni nel bene e nel male (che cosa significhino bene e male di fronte all’immensità di queste ere geologiche mi pare ridicolo da commentare). Ecco perché è assurdo togliere dalla formula dei parchi naturali il fattore umano. Un mondo scevro di umani non è naturale proprio per niente.

Concludo allora questo post parafrasando il titolo dell’altro post: “between 2.8 and 1.8 millions of years ago the planet-Africa was covered in Homo species”. Et voilà!

10 commenti

Archiviato in Uncategorized

Fuck yeah brain plasticity!

One of the reasons I’m not writing on this blog as much as before is my “brain issue” with italian language. It might sounds incredible but I’ve become so embedded in british culture and society that my italian brain slowed down considerably. It takes seconds to minutes to find the right words to write in a post like this one. I could have written this one in italian but it could have taken double the time probably. The underlying issue here is that we got “drawers” in our brain, or should I say areas of the brain involved in language. One big drawer contains our native language, the mother tongue, all the other languages are inside another one which usually is quite small compared to the mother tongue one. Now, it appears that in my case things have changed considerably in the latest years. From 9 to 18 I talk, write, think in english, then I got few minutes on internet and on Skype when I talk in italian, then again I switch to english: TV, music, books, friends etc. I’ve done this for the past, almost, 10 years. I’m not saying I can master english as a mother tongue now (far from it! and you may spot dozens of mistakes but who cares) but I’m surely able to make “that drawer” the main one.

This is just an experiment but if I’m happy with it and I find it easier I might write more in english on this blog. Sorry for the readers unable to understand it but Google Translate can give you a rough idea of what I’m talking about (kind of…). At the end of the day if I don’t find it easy to write I don’t write, hence this blog can die soon.

So, i was saying it’s becoming increasingly frustrating to write and even to talk in italian. At work I got Wordreference bookmarked in the english to italian version and not the opposite! False friends became true friends and all the “preposizioni” like to, at, in, on are now working in english, not in italian. It means sometimes I make the same mistakes as the anglosaxons do when they talk in italian. And prove of this is the most recent posts of this blog which have an awful italian. It is embarassing to be on the phone with an italian speaker and struggling to find the right word. Luckily I talk with the scientific community so most of the people I talk to understand me even when I say something in english. A couple of months ago I was in Rome and I met a scientist half-brit, half-italian. She was struggling to say something, then I realised I was struggling too, so I asked her if we could switch to english. And it felt so good, the brain’s cogs where so smooth, words were coming out so easily, no need to translate from english to italian.

I also felt ashamed about this but then when i was on the plane I said to myself: why should I? It means my brain has changed, neuronal plasticity is still working even though I’m 34 this year. I shluld be proud of it. some people’s brains are still in the teenager stage. For god’s sake, I’m a neuroscientist, I should appreciate these sorts of things. And I do of course but I’m still confused. I always wanted to be a good writer (in italian) and this blog was my gym, but what if I need to relearn it again? English is so easy, in a way I think that a brain can work much better in english. It’s like a Pc with Linux based system and Windows. Ah, I like this metaphor! English is so direct, so to the point. Also, kind of more scientific or maybe because I got a scientific brain and this is just a conjecture… don’t know.

Going back to the drawers metaphor, it might come as a susprise but all the other languages that we learn later in our life will be placed in the same drawer. It means that in my brain sardinian and spanish are in the same place as english. When I’m in Spain or in South America is incredibly difficult for me to speak in english. It is true. It’s like the brain forgets about english and gives way to the other languages. My spanish brain is not as developed as the english one of course but it still prevails over the latter one. It is fascinating. I wonder how a bilingual or trilingual person brain would work then? How many drawers? How many synapses? the thing is, better brain quality means bigger synaptic mass. So is there a limit to the number of languages we can acquire in our life? Or maybe the brain avoids to learn things that are not essential (big brother winners? the complete list of Juventus won trophies?). It would be fun to see how my children will develop their brains. I would like them to be bilingual of course. And if I can trilingual with spanish. If I only could speak sardinian better… It’s a shame I can’t transmit that as well. It’s such a rich language, so unique in the romance family. I wish there was an easy and practical way to teach it but I guess it’s a dead language by now.

Anyway, I just wanted to say these things but I probably couldn’t have done it in italian, or well, I mean so fast (I wrote this in 14 minutes like the old days when i was able to write 2-3 posts in an hour).

10 commenti

Archiviato in Uncategorized

[…]

http%3A%2F%2F41.media.tumblr.com%2F3b390cfb2530f9356c01f4ba91661c19%2Ftumblr_njicyl6W9K1qcgf4ko1_12801898070892muslim.si-891257276

7 commenti

Archiviato in anticlericalismo

Inside the religious mind

20150123_saudi_0-991948149Se vi ricordate tempo fa su questo blog si discuteva di quanto la religione sia il fattore principale dietro alla barbarie dell’ISIS e a quanta ipocrisia vi sia nel mondo occidentale nel negare questo fatto così banale. Non sono mai stato tenero con le religioni organizzate ma quello a cui siamo assistendo di questi tempi è sicuramente uno dei periodi più cupi a cui l’umanità abbia mai assistito che non ha eguali nella pur lunga e brutale storia delle religioni. Scoccia fare la solita reductio ad hitlerum ma il nazismo è l’unica cosa a cui possiamo comparare il jihadismo islamico. E l’ISIS è molto più bestiale e pericoloso del nazismo. Ma, poiché c’è di mezzo la religione lo trattiamo coi guanti e non riusciamo a vedere cosa sta dietro alla bestialità. Ci sta un libro e ci sta una religione ma il solo pensiero di poterli criticare ci fa paura. Anzi chi lo fa viene ostracizzato e chiamato islamofobo. Giusto questa mattina, mentre tutti i giornali pubblicavano l’orrore del pilota giordano arso vivo, un mio collega scuotendo la testa in segno di disapprovazione ha detto: “Lo sai qual è la discesa nella barbarie?”. Mi aspettavo commentasse sull’ISIS o sul jihadismo. “Queste manifestazioni di Pegida che ci sono in Germania mi fanno venire la pelle d’oca.”

Non ho avuto la forza di controbattere. Come avrei potuto? Nonostante condividessi con lui il fatto che ci siano 4 coglioni nazisti in piazza che chiedono il rimpatrio di persone per affiliazione etnica o religiosa, come poteva essergli sfuggito che in questo preciso istante migliaia di persone vengono decapitate perché eretiche, torturate perché nemiche, mutilate e gettate da torri perché gay? Eppure era lì in prima pagina. Un uomo arso vivo dentro una gabbia. Un altro decapitato solo per il fatto che non era musulmano, un altro gettato da un palazzo perché gay, altri migliaia solo perché la loro esistenza non era compatibile ai dettami del Corano.

Dicevo quindi che dietro a ISIS, Boko Haram e Al Qaeda c’è una religione apocalittica che rappresenta il vero elefante nella cristalleria che nessuno vuole vedere. O meglio tutti fanno distinzione tra un Islam di pace e uno violento. Da bravo islamofobo vi spiego perché non è così.

A riprova di questo vi faccio un sommario di quello che è successo in questi giorni. L’ISIS ha minacciato la Giordania che avrebbe ucciso il pilota giordano catturato mesi fa se una jihadista irakena non fosse stata rilasciata. Il povero padre del pilota fa un appello all’ISIS e l’unico motivo che tira fuori per non farlo uccidere è definirlo “un pio musulmano”. Non dice che si tratta di un essere umano o di un ragazzo innocente. No, il padre spera che venga liberato perché si tratta di un musulmano. Se il prigioniero non fosse stato musulmano invece non ci sarebbero stati problemi. E nel resto del mondo arabo sunnita la cosa è più o meno andata avanti così per giorni. Dall’Egitto alla Palestina tutti erano shockati del fatto che l’ISIS stesse uccidendo un musulmano. Sunnita ovviamente. Perché delle migliaia di sciiti trucidati in Iraq non gliene è fregato a nessuno per anni. O dei yazidi, drusi e curdi e cristiani. Ucciso il pilota la Giordania si vendica e uccide la jihadista e altri terroristi che aveva in prigione. Occhio per occhio, dente per dente come dicono Bibbia e Corano. A barbarie si risponde con altra barbarie. Ah, ma secondo l’Arabia Saudita tra la violenza di Stato e quella dell’ISIS c’è differenza. Infatti, rispondendo alle critiche delle associazioni per i diritti umani riguardo alla legge del taglione nel regno saudita, un portavoce ci dice che tagliare la mano ad un ladro o uccidere un gay in Arabia Saudita è diverso che nello Stato Islamico. Motivo? In Arabia Saudita c’è una corte che applica la sharia, nel territorio dell’ISIS la sharia viene applicata senza un tribunale ufficiale. La settimana scorsa decine di potenti del mondo hanno dato omaggio al monarca che durante il suo regno ha ucciso più ladri, fedifraghi e omosessuali al mondo. E lo ha potuto fare perché dalla sua aveva uno Stato, alleato di tutte le potenze occidentali grazie al petrolio. Uno Stato che usa come legge la sharia e usa metodi simili all’ISIS. Il cosiddetto Islam moderato, un unicorno che cavalca alla fine di un arcobaleno magico, che ha finanziato tramite le scuole coraniche wahabite Bin Laden, Al Qaeda e l’ISIS.

Ah no, ma quello non è il vero Islam, ti ripetono i punkabestia neoconvertiti alla dhimmitudine occidentali. Il vero Islam è quello di Gaza dove già prima che l’ISIS fosse inventato Hamas crocifiggeva e uccideva spie, ladri, membri di Al Fatah e omosessuali. O in Egitto dove il rappresentante supremo dell’Islam sunnita di stanza ad al Azhar (pensate all’equivalente sunnita del Vaticano), lo sceicco moderato Ahmed al-Tayib, si è permesso di citare il moderato Corano dicendo che per vendicarsi della morte del pilota giordano “c’è bisogno della punizione menzionata nel Corano per questi corrotti oppressori che combattono contro dio e il suo profeta: uccisione, crocifissione o taglio degli arti.” Questo personaggio è il più importante rappresentante dell’Islam moderato che dopo aver invocato la crocifissione e la mutilazione degli arti “perché scritta nel Corano” (testuali parole) continua a dire:

“Islam forbids killing of the innocent human soul… It forbids mutilating the human soul by burning or in any other way even during wars against an enemy that attacks you.”

Ma cristo! Hai appena invocato il Corano perché vengano uccisi e ora mi dici che il Corano lo vieta? Se non è il frutto di una mente psicopatica… o di una religione che, ammettiamolo cari sinistroidi, ha qualche problemino eh, non so che dire.

 

Quindi riassumiamo: l’organizzazione terroristica che secondo gli occidentali non si basa sull’Islam ha ucciso il pilota giordano seguendo in modo distorto i dettami del Corano; di tutta risposta l’Islam che l’occidente chiama moderato ha pronunciato una fatwa che si basa sui dettami corretti del Corano in cui chiede vendetta, mutilazione e crocifissione in nome di Allah. Ma l’Islam ovviamente secondo Obama e Hollande non c’entra niente con tutto questo. Infatti tutte le dichiarazioni che ho riportato, tutte le mutilazioni, uccisioni che ho descritto in questo post sono completamente dissociate dall’Islam. Esattamente come la mente di certi ipocriti occidentali.

25 commenti

Archiviato in Uncategorized