Notizie dal fronte 2

Seconda puntata della rubrica Notizie dal fronte

Fronte: Neolingua orwelliana

  • Le truppe turche liberano Jarablus! Grandi titoloni sui giornali. Quello che è successo è ben diverso. La Turchia ha detto all’ISIS di lasciare Jarablus prima di passare il confine. Infatti non un singolo proiettile è stato sparato. E nessun giornale occidentale si è chiesto come fosse possibile conquistare una città occupata da anni dall’ISIS in meno di un’ora senza sparare colpo. Nei giorni precedenti l’invasione della Turchia fonti provenienti da YPD hanno riferito di migliaia di terroristi dell’ISIS che lasciavano Jarablus per andare verso Ovest. La Turchia ha sparato alcuni colpi di artiglieria in periferia nei giorni precedenti ed è finita qui. Vi ricordo che per liberare Falluja o Ramadi l’esercito iracheno ci mise mesi e mesi e perse migliaia di vite. Come è possibile che la Turchia sia riuscita in un’ora ad occupare una città sotto mano dell’ISIS per anni senza colpo ferire? Ma l’importante è riportare le notizie senza fare domande giusto? Se questo non è giornalismo di regime non so che dire.
  • Invasione della Siria da parte della Turchia dovrebbe essere considerata un altro atto di guerra che va contro qualsiasi legge internazionale, soprattutto per il fatto che si tratta di un membro della NATO. NATO che da anni dice che la Russia è in violazione di trattati internazionali, giustamente per carita’. Ma nessuno protesta all’ONU, nessuna ONG si sbraccia per la Turchia. E vabbè sarà per un’altra volta dai.
  • I curdi siriani della Rojava sono stati venduti dagli USA alla Turchia. La notizia non e’ che Biden abbia chiesto ai curdi di restare a Est dell’Eufrate. La notizia e’ che gli USA abbiano usato i curdi per conquistare Manbij e ora li abbiano venduti ai turchi. Gli USA stanno pagando i gruppi jihadisti ribelli come proxy per la guerra della Turchia alla Rojava. Allo stesso tempo gli USA stanno appoggiando Rojava contro ISIS. Ma ISIS e Turchia sono alleati. E tutto questo solo perche’ ci sono le elezioni presidenziali americane a Novembre. In fondo gli USA sono stati chiari: vogliamo Raqqa prima di Novembre. Killary Clinton avra’ altre morti sulla sua coscienza dopo quelle dei libici, questa volta quelle dei curdi.

Fronte: fact check

  • Pare che il fotografo che ha immortalato il piccolo Omran fosse Mahmoud Raslan, il quale è un grande amicone del gruppo terrorista Noureddine Al-Zinki, lo stesso gruppo che ha decapitato un ragazzo palestinese di 12 anni accusato di essere una spia sotto il silenzio complice dell’intero mondo qualche settimana fa. Il suo collo mozzato tra i sorrisi dei “ribelli moderati” pagati dalla CIA e Killary Clinton purtroppo non ha passato la selezione per diventare una icona di questa guerra. Peccato, magari per un’altra volta, le faremo sapere.

CqLsQ5TXEAAHZk8 CqTKzRYWAAAcVeT

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Sadodhimmimasochismi

CqYZvuwWAAAzS2WCosa direste se vi mostrassi una foto di un bimbo israeliano ucciso dai razzi di Hamas e vi dicessi che questo vi basta per capire il conflitto israelo-palestinese o addirittura l’intero scacchiere mediorientale? Mi direste che sono un cretino, un sempliciotto, di parte e che la cosa è molto più complessa di quella foto. E avreste ragione. E mostrare la foto di un bambino dentro un’ambulanza dopo un attacco governativo siriano racconta l’intera storia? Probabilmente no. Non vi dice dei bambini che muoiono dall’altra parte della barricata, dei bambini reclutati dagli jihadisti per farsi esplodere o indottrinati alla jihad, ma neppure della gioia dei bambini che giocano liberamente nelle strade di Damasco o del loro sospiro di sollievo quando gli Hell Cannon di Al Qaeda hanno smesso di tuonare sui loro quartieri dopo la fine dell’assedio su Aleppo. Non vi dice di tutte le trame internazionali, degli accordi, dei fiumi di denaro per i produttori d’armi e per i reclutatori di jihadisti.

Una foto per gli occidentali racconta una storia. Questo è quello che ci vogliono far credere. All’occidente piacciono le foto simboliche, di quelle che possono stare sulla front cover del Time e raccontare anni e anni di morte e la sofferenza di milioni di vite. Lo sanno bene i nemici dell’occidente come Hamas che fino a pochi anni fa usava questo tipo di immagini per la propria propaganda. I bambini. I bambini sono innocenti, i bambini vengono massacrati. Ma per carità solo quelli della propria parte, quelli dall’altra parte dello steccato sono figli del demonio, di Shaitan, e devono essere eliminati perché portano con loro il futuro seme dell’ingiustizia. I bambini sono innocenti e sono tutti uguali ma alcuni sono più innocenti e uguali degli altri, soprattutto quando c’è di mezzo l’Ingiustizia – con la I maiuscola come piace alla sinistra terzomondista. Erano i bimbi palestinesi più innocenti di quelli israeliani un tempo e ora sono quelli di Al-Qaeda più innocenti di quelli siriani o alawiti o sciiti. La storia si ripete, quelli che ci vendevano la propaganda di Hamas ora ci vendono la propaganda di al Qaeda. Per carità non fateci vedere le foto dei bambini mutilati dai razzi e dai cecchini jihadisti. Secondo la retorica sinistroide se i bambini non vestono di stracci col moccolo che scende dal naso e urlano Allah Akbar per strada non sono degni di una foto di copertina. Motivo? Sono figli dell’oppressore al governo, sicuramente figli di ricchi borghesi, che vogliono vestire all’occidentale e quindi collaborazionisti del consumismo occidentale. Tutto torna, la sinistra mondiale si ripiega (piega) all’Islam, muore dalla voglia di diventare dhimmi (fammi dhimmi, fammi dhimmi, sarò tuo schiavo per sempre). Si riempie la bocca di stronzate tipo “è colpa dell’occidente se esistono le guerre nel mondo”, “è colpa dell’occidente capitalista se la gente si fa esplodere.”. “I kamikaze lo fanno per protesta contro una società che non li ha trattati bene.” “Lo Stato Islamico non è islamico e non è stato.” “Le donne si coprono l’intera superficie corporea perché le multinazionali le costringono ad accettare un modello capitalista.” “Il jihadismo non esiste, unainvenzione dela CIA, è solo una metamorfosi dell’eterna battaglia contro i poteri forti.” “La sharia è la conseguenza della lotta di classe.” “Il cibo halal è una forma di rispetto nei confronti degli animali, un modo umano e locale in contrasto contro i moderni mattatoi meccanizzati dei capitalisti.” “Il ramadan è un buon modo per purificarsi da tutte le schifezze chimiche del cibo moderno.” Post-marxismo, new-age, chilometro zero, terzomondismo, dhimmitudine, tutto torna.

Tutto quello che la sinistra combatteva diventa il contrario in questa età post-marxista. Marx è morto, dio è morto ma c’è ancora speranza nell’Islam. Il burkini diventa un simbolo di libertà, le femministe lo sostituiscono al bikini. La liberazione delle donne passa dall’oppressore islamico. Il capitalismo occidentale ci vuole nude, l’Islam ci rispetta! Ci piaceva impiccare i preti con le loro budella ma lecchiamo i piedi degli imam. Mi si nota di più se protesto contro i preti pedofili o se protesto contro le mutilazioni genitali delle bambine vendute a 50enni pervertiti all’età di 6 anni? Ci piace il selfie con la kefiah e la t-shirt del Che da spedire su Snapchat, abbasso il capitalismo!

CqKWXMiWEAAYsuU

Nella foto in alto un esempio lampante di propaganda occidentale centralizzata e concertata. Dicesi bombardamento mediatico utilizzato dai regimi occidentali per giustificare un intervento politico e/o militare molto vicino. La seconda foto invece mostra un bambino siriano ma non vi dico chi e’ che lo ha ridotto cosi e in quale parte di Aleppo stava.

4 commenti

Archiviato in Uncategorized

Notizie dal fronte

IMG_20160804_235939Ho deciso di incominciare una serie di report su quello che sta succedendo sul “fronte”. Fronte è una parola generica che non si riferisce ad alcun fronte di guerra specifico (anche se il Medio Oriente sarà quello più documentato) ma più semplicemente al fronte mentale dell’Occidente. Ovvero quel confine autoimposto dall’Occidente per non vedere le ragioni dell’altra parte. Qualcuno la chiama propaganda occidentale ma a mio modesto parere si tratta solo di un mix di ideologia, inettitudine e partigianeria. Le notizie ci sono su internet, basta saperle trovare. Fronte è tutto quello che non vi dicono ma anche tutto quello che vi dicono distorcendo i fatti; fronte è tutto quello che non viene condiviso anche se rappresenta un fatto oggettivo solo perché avvantaggia il nemico; fronte è la neolingua orwelliana adottata da governi e media occidentali.

Come vedrete molte notizie provengono da paesi e da gruppi con cui non vorrei niente a che fare, tali sono i crimini e le nefandezze associati a questi. Ciò non toglie che su molte notizie l’Occidente non abbia alcuna capacità o volontà di riportare le notizie in modo oggettivo. Insomma solo perché si tratta di paesi canaglia non significa che l’informazione debba essere equamente canaglia. Se vogliamo davvero differenziarci dal resto del mondo l’informazione deve essere il più possibile neutrale. Quindi, prima di criticare il sottoscritto con stupide accuse di supporto a dittatori vari per il mondo pensate a questo: che bisogno c’è di cambiare le notizie o di non riportarle se davvero noi siamo i good guys e loro sono i bad guys? Non ce ne sarebbe bisogno perche’ le loro azioni parlerebbero da sole.

Da dove arrivano le notizie. Le mie fonti sono varie, si va da siti specializzati a ONG, da agenzie di stampa governativa del “nemico” ad account Twitter di soldati e/o attivisti che si trovano sul fronte. Niente giornali di regime italiani o esteri. Le notizie prima di essere pubblicate vengono confermate tramite cross checking e Google search, mai copia-incollate. Faccio quello che un giornalista dovrebbe fare ma non fa per a) incompetenza, b) ignoranza della geopolitica e/o culture/lingue diverse dalla propria, c) direttive dall’alto del direttore della testata. Spesso è un insieme di tutte e tre ma il risultato è sempre catastrofico.

Fronte: Neolingua orwelliana

  • Il capo di Al Nusra Front, Abu Mohammad al-Julani, ha annunciato il cambio di nome della propria organizzazione con Jabhat Fateh al-Sham. Il motivo non è ideologico ma di marketing. Turchia, sauditi e USA hanno spinto Al Nusra a rifarsi il look così da poter dipingere anche Al Nusra come una fazione moderata. Nei prossimi mesi quindi sentirete tutti i media parlare di Al Nusra come “ribelli moderati” e non ci saranno più menzioni di Al Qaeda. I crimini di guerra contro civili, le torture contro oppositori, l’imposizione della sharia, gli attentati suicidi rimarranno come prima. Rimane comunque il dubbio da dove venga la notizia secondo cui al-Julani divorzia da Al Qaeda. Ho visto il video con i sottotitoli in inglese e da nessuna parte si parla di Al Qaeda. Dice semplicemente che non avrà più “affiliazione con nessuna entità esterna (fuori Siria)”. Ma molti dei vertici di Al Qaeda sono già in Siria. Anzi, al-Julani ringrazia Al Qaeda e i suoi leader e la reazione di Al Zawahiri è stata da puro gentleman, dicendo che l’importante è che il goal finale sia lo stesso. Qui l’intero testo. La notizia del divorzio è stata distorta e amplificata dai media occidentali per un motivo: serve ad uno scopo politico ben preciso.

Fronte: fact check

  • I bambini dei copertoni di Aleppo. Su tutti i media internazionali e ampiamente condiviso sui social legati ad ONG la storia dei bambini che bruciavano centinaia di copertoni per le strade di Aleppo per evitare che l’aviazione russa li bombardasse. La propaganda jihadista siriana usa gli stessi trucchi che sono stati usati per la causa palestinese per decenni. In realtà la verità è ben più triste. I gruppi jihadisti hanno annunciato la rottura dell’assedio di Aleppo in tre fasi, e una delle prime fasi è stata quella di sfondare le linee governative a sud di Aleppo ma prima di fare questo hanno ordinato ai bambini di bruciare i copertoni per le strade a ridosso delle linee nemiche nel tentativo di nascondere la loro avanzata all’aviazione nemica. In pratica i poveri bambini di Aleppo hanno aiutato 22 kamikaze a farsi esplodere contro i soldati governativi. Che innocenza.
  • Clint Eastwood supporta Trump? Molti giornali riportano che Clint supporta Trump. È vero? Se leggete l’intervista su Esquire Clint lo dice chiaramente “I haven’t endorsed anybody.”. Dice che tra Clinton e Trump preferisce Trump ma ciò non significa assolutamente nulla. Un po’ come dire che preferirebbe il colera alla salmonella. Di Trump nell’intervista ne parla male ma difende il suo anti-establishment e il suo linguaggio non politically correct. Ma davvero questo lo fa un sostenitore di Trump? Come dice Clint nell’intervista just fucking get over it.

Fronte: notizie non riportate

  • La Nord Corea bombarda il Giappone! Questo è un classico, l’Occidente riporta sempre e solo la reazione di Kim all’aggressione americana e sudcoreana ma mai cosa ha scatenato quella reazione. Per settimane la nord Corea ha esortato USA e Sud Corea di fermare le esercitazioni più grandi che si siano mai viste degli ultimi anni vicino al suo confine. E lo ha detto chiaro e tondo: se fate questa esercitazioni al nostro confine la considereremo un atto di aggressione e ne pagherete le conseguenze. Ovviamente questo non ha fermato le 100mila truppe dal fare le loro esercitazioni annuali e Kim come al solito ha lanciato il suo missile nell’Oceano. Il teatrino annuale si è concluso come al solito. Gli americani che stuzzicano il nido di vespe e poi accusano le vespe delle punture.

 

7 commenti

Archiviato in Uncategorized

Quattro anni di terrore

E’ davvero incredibile come qualsiasi fatto possa essere presentato dai media come il suo contrario. La manipolazione dell’informazione in occidente sta raggiungendo livelli orwelliani. Prendete il caso della battaglia di Aleppo che finalmente sta arrivando ad una conclusione dopo 4 anni di atroci crimini da ambo le parti. Praticamente l’intero spettro dei mezzi d’informazione occidentali é schiacciato sulla retorica di regime, intendo quella occidentale non quella siriana. Mettiamo le cose in chiaro una volta per tutte:

  • Parte di Aleppo é stata sotto assedio per 4 anni da parte dell’ISIS, di Al Qaeda in Siria (Al Nusra) e da parte di altri gruppi jihadisti.
  • Durante questo assedio questi criminali hanno ucciso, torturato, impiccato, decapitato e schiavizzato migliaia di persone. Hanno imposto la sharia nei quartieri da loro controllati e quotidianamente bombardato i quartieri fedeli al governo e/o quelli a maggioranza curda. Non solo ma hanno proibito ai residenti di scappare rendendoli di fatto prigionieri. Questi tagliagole, bestie della peggior specie, ricevevano quotidianamente dai turchi, sauditi e americani (Wikileaks ha appena rilasciato dell interessanti email della Clinton che lo confermano) armamenti, denaro e militanti. Nessuno in questi anni ha detto una sola parola per i migliaia di morti che questi animali hanno causato. Neppure quando l’altra settimana hanno decapitato un ragazzino palestinese di 12 anni accusato di essere una spia. Come non lo sapevate che ci sono brigate di volontari palestinesi che combattono con Assad? E nessuno vi aveva detto che i militanti pagati dagli USA decapitano ragazzi di 12 anni? CodebCXUAAAM7cm

CodebuHVIAU3Pu6Queste qua sopra sono le tipiche bombe a gas che i maiali sparavano con cannoni artigianali ma molto efficaci per massacrare i civili nei quartieri di Bani Zaid, Al Azeeziah e Sheiq Maqsood.

 

  • Ora che l’esercito siriano é riuscito a bloccare la via principale d’accesso da cui questi ratti riuscivano a contrabbandare armi e infiltrare uomini (Al Castello road) tutti parlano dell’assedio di Aleppo da parte del governo siriano. Capito il giro di parole orwelliano? L’esercito siriano rompe l’assedio dei jihadisti per liberare i quartieri fedeli al governo e i giornali descrivono la liberazione come un assedio da parte dei cattivoni della gang di Assad. E la cosapiú incredibile é che a pochi chilometri da Aleppo, Manbij é sotto assedio da un mese da parte dei curdi e degli americani e nessun giornale parla di emergenza umanitaria. Lasciatemi dire una cosa che nessuno vi dice: l’esercito siriano é composto da sunniti, sciiti, alawiti, cristiani, drusi, assiri, curdi e turcomanni che combattono da anni uniti contro la barbarie jihadista non solo per se stessi, ma per le loro famiglie, la loro patria e per la libertá dell’intero mondo. Sono i soldati dell’esercito siriano e con loro tutte le milizie di volontari (centinaia di migliaia di sciiti, alawiti, drusi e cristiani provenienti da Iran, Iraq, Libano, Palestina, Yemen, Afghanistan) che in prima linea vengono massacrati, decapitati e bruciati vivi dai jihadisti. E non combattono solo per tenere al potere Assad come in occidente vi dicono, ma per difendere uno stato laico, l’unico stato laico insieme al Libano e Israele del medioriente, e per difendere i propri templi e luoghi di culto da parte contro la barbarie jihadista.
  • Altra cosa che i giornali di regime vi dicono é che migliaia di persone ora sono bloccate e senza via d’uscita. Peccato che Assad abbia aperto 3 corridoi umanitari per i civili e uno per i militanti che si arrendono. Qui sotto una foto dei civili che scappano verso il cattivo “regime”.

Comru4XVYAAUCeg

  • Ad Aleppo in questi giorni la cittá é in giubilo celebrando la liberazione dopo 4 anni di terrore. Ci sono centinaia di video e foto se avete voglia di cercarle su internet, ve ne metto alcune qua:

CokhOMIWAAAediF Comru4aUAAE2fIi

Coe9XBbUAAAGotJ

Qui potete vedere i cristiani di Bani Zaid che celebrano con una messa speciale in chiesa. E non parliamo solo di quartieri fedeli al governo. Guardate il giubilo dei per lo piú sunniti in questi video. Parliamo anche dei YPG curdi che festeggiano dopo aver subito un assedio durato 4 anni. I curdi di Sheik Maqsood hanno sofferto particolarmente perché il loro quartiere era incastonato tra ISIS e Al Nusra e aveva come unico cordone di salvezza proprio poche strade di un quartiere governativo. Curdi che erano alleati di Assad ad Aleppo e che sono stati decisivi per la vittoria finale. Ma come, nessuno vi ha detto che YPG era alleato con Assad? Ma come, i curdi erano gli eroi dell’occidente e ora si alleano con Assad? Ma lo fanno anche a Qamishli, non lo sapevate? E pure ad Afrin. Quante cose si scoprono NON ascoltando i giornali di regime.

Comunque un sospiro di sollievo per le centinaia di migliaia di residenti di Aleppo che ora possono vivere in pace, indipendentemente dalla loro etnia, religione o genere. Una vittoria per un paese dalle mille religioni, mille etnie violentato da 4 anni di jihadismo senza scrupoli. Una sconfitta pesante per i porci di Al Nusra, ISIS, Erdogan e particolarmente per Hillary Clinton che li appoggiava e finanziava e che é stata sputtanata da Wikileaks.

7 commenti

Archiviato in Uncategorized

Il piú grande esperimento sociale della storia

433La sparatoria di Monaco a mio parere dovrebbe essere ricordata come il piú grande esperimento sociale della storia. Nessuno sarebbe stato in grado di organizzare un esperimento tanto rivelatore della psiche umana globale. Metti la notizia di un attacco terrorista online e lasci il pubblico in attesa di capire chi sia l’attentatore e quindi il movente e vedi un po’ cosa succede. Su Twitter per ore c’erano due tribú contrapposte: quelli che speravano fosse un attacco jihadista e quelli che speravano fosse nazionalista. Uso il verbo “sperare” perché era chiaro che chi scriveva i tweet voleva a tutti i costi la propria premonizione vincere rispetto alle altre. Le tribú ovviamente riflettevano tribú ben piú ampie, ovvero i campi che definiamo di sinistra e di destra. La sinistra pregava fosse un ultranazionalista bianco cristiano e la destra che fosse un jihadista. Di colpo ti rendi conto che in questa guerra tra jihadisti e resto del mondo la sinistra ha giá preso posizione e la destra é giá “trumpista” di sua natura: #banislam era in vetta alla classifica dei trend per ore nonostante nessuno sapesse ancora nulla.

Si rivela invece essere stato un ragazzo tedesco ma di origini iraniane. E qui é ancora piú interessante la psiche tribale umana: i sinistri additavano la strage all’emarginazione, alla mancanza di welfare e alla societá capitalista in generale, mentre i destri la additavano al fatto che fosse i origini iraniane. I primi ignoravano il fatto che la sua famiglia non era povera né emarginata e che si trattava di bullismo a scuola e depressione, mentre i secondi il fatto che la famiglia era integrata, scappata dalla rivoluzione iraniana e quindi probabilmente di origini borghesi e laiche e che il jihadismo é un fenomeno tipicamente sunnita e probabilmente la famiglia di Ali era sciita. Ma non importa, l’importante é trovare conferma dei propri pregiudizi. Pregiudizi giá presenti durante l’attacco quando testimoni giuravano di aver sentito il ragazzo urlare Allah Akbar oppure “fottuti stranieri”. Queste persone giuravano di avere sentito queste parole e le hanno riportate sui giornali. Il primo avrebbe dato conferma di un attacco jihadista, il secondo di un attacco in stile nazionalista. Sí certo, Ali aveva studiato altri attacchi incluso quello di Brevik ma aveva anche studiato quelli che non avevano alcuna matrice politica o religiosa come quelli di Columbine et al. E, cosa non detta troppo dai giornali, gli altri figli di immigrati di origine turca e araba lo prendevano in giro perché era di origine iraniana. In questo melting pot di possibili cause per giustificare le nostre tribú di appartenenza l’unico fatto certo é che sono stati anni e anni di bullismo perpetrato dai soliti ragazzini senza cuore che a quell’etá diventano delle bestie ad avere fatto scattare l’ira di Ali.

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Commento a caldo su golpe Turchia

Qualche settimana avevo scritto questo post https://fabristol.wordpress.com/2016/06/09/adieu-turchia/   in cui definivo la Turchia come una polveriera pronta a scoppiare. Erdogan sembrava in guerra con il mondo, la situazione chiaramente scappata di mano. Dev’essere che anche i militari se ne sono resi conto e hanno deciso di prendere in mano la situazione. Nei giorni scorsi la Turchia di punto in bianco si è messa a fare la pace con tutti, da Mosca a Israele, dando perfino segnali di pace con la Siria. Sconcertante. Tutto in pochi giorni e senza preavviso. Tant’è che i sauditi hanno richiamato l’ambasciatore turco per chiedere come mai c’è stata questa retromarcia, proprio ora che i gruppi pagati dai sauditi e turchi come Al Nusra stavano combattendo nell’assedio di Aleppo. La mia teoria è che gli USA e/o i militari avessero spinto Erdogan a fare marcia indietro con tutti. Erdogan lo ha fatto ovviamente contro voglia ma nel frattempo si stava preparando a qualcosa di eclatante e i militari lo hanno anticipato. Infatti nei giorni scorsi i turchi hanno smesso di bombardare il kurdistan turco, hanno bloccato gli aiuti ai turcomanni al confine con la Latakia e hanno lasciato la presa al confine con il cantone curdo Afrin della Rojava curda.

Il problema ora è che Erdogan sta giocando la carta populista/rivoluzionaria. Sta cheidendo al popolo di scendere in piazza. Vedremo una fotocopia di piazza Tahrir? Una nuova primavera (non)araba? E se sì quanto devastante può essere una guerra civile in Turchia con l’ISIS che ora è in fuga dalla Siria e può solo andare verso l’unico confine aperto, ovvero la Turchia. Assad e Putin staanno strofinando le mani: ora non gli basta che spingere l’ISIS e Al Nusra verso Nord a combattere una guerra civile in Turchia. Nel frattmepo i curdi turchi stanno preparando le armi per creare il loro kurdistan in Turchia da connettere con Rojava e Kurdistan irakeno. Erdogan pagherà caro la sua hubris ma tutti noi pagheremo molto caro le conseguenze di questo golpe. Siamo veramente fottuti.

3 commenti

Archiviato in Uncategorized

Disputa sulle isole del Mar Cinese: un punto di vista controcorrente

Come al solito mi devo sempre far riconoscere per quello che va contro corrente. Non ce la faccio, devo fare l’avvocato del diavolo per la Cina anche questa volta. Il problema è che le notizie vengono filtrate e copia-incollate all’infinito dai media occidentali senza contradditorio. Nessuno che si chieda quali siano le ragioni dell’altra parte soprattutto quando ci sono di mezzo gli USA. Non solo, ma i media occidentali semplicemente riportano solo le reazioni dei paesi alle azioni degli USA senza chiedersi perché un paese fa qualcosa del genere di punto in bianco. Esempio classico sono i test missilistici della Nord Corea. Ogni volta che questi avvengono è per reazione a qualche attività americana o sudcoreana, SEMPRE. Mai la Nord Corea si è messa a fare un test di punto in bianco. A volte diventa una sorta di teatrino dove le due parti sanno cosa fare e come reagire. Per esempio ogni anno gli USA con la Sud Corea organizzano esercitazioni militari al confine con il Nord. Il giorno dopo immediatamente la Nord Corea ordina un nuovo test missilistico. Cosa si vede nei giornali occidentali? Kim minaccia il mondo con i suoi missili!

È della settimana scorsa la decisione di Obama di imporre sanzioni economiche verso la Nord Corea (come se queste avessero mai funzionato prima) e di posizionare missili americani in Sud Corea, di fatto come giustamente ha detto la Nord Corea facendo una palese dichiarazione di guerra alla Nord Corea. Kim come da copione spara i suoi missili in aria. Cina e Russia protestano di conseguenza perché si sentono circondate.

Ora la stessa cosa ma in grande sta avvenendo con il Mare meridionale cinese. È da anni ormai che gli USA stanno stuzzicando la Cina nel suo territorio d’influenza, creando basi militari in paesi limitrofi e addirittura navigando a 12 miglia dal territorio cinese: quando lo fa Putin lo chiamano bullismo, quando lo fanno gli USA “contenimento”. O vogliamo parlare del TransPacific Partnership (TPP) forzato dagli USA a tutti i paesi del Pacifico a parte la Cina? Praticamente un atto di guerra economica bello e buono per escludere la Cina dal commercio con i paesi asiatici.

Ma veniamo al punto delle Spratly Islands. Non c’è dubbio che la Cina si sia appropriata con la forza di alcune di queste e che usi il mito imperiale mai sopito per giustificare annessioni illegali, ma nessuno, dico nessuno nei media occidentali ha mai accennato al fatto che la Cina si è messa ad ingrandire questi atolli artificialmente solo dopo che Vietnam, Filippine, Malesia e Taiwan hanno fatto lo stesso? Delle decine di atolli e isolotti delle Spratly Islands 43 sono occupati da questi paesi (nell’ordine 29, 5, 8 e 1) e solo 7 dalla Cina. Vietnam ha costruito basi militari, aeroporti e Filippine pure resort turistici e spostato popolazioni a bella posta per occuparle. La Cina, messa all’angolo si è messa a fare lo stesso, preoccupata che la misura a tanaglia degli USA gli potesse bloccare l’accesso a Malacca.

Questo dal punto di vista geopolitico, ora vediamo dal punto di vista legale. La Cina non ha mai detto che non vuole avere negoziazioni con i paesi confinanti. La Cina he sempre detto che non vuole che siano gli USA a condurre le negoziazioni come arbitro imparziale (che fa ridere ai polli sinceramente visto che gli USA hanno enormi interessi nella regione). USA che hanno forzosamente invitato Giappone e India al tavolo di negoziazione quando questi paesi non hanno niente a che vedere con la disputa e storicamente avversari della Cina. La Cina ha sempre chiesto di avere negoziati tra paesi singoli, non utilizzando tribunali internazionali. E non c’è motivo di dubitarne visto che nei passati 30 anni la Cina ha sempre risolto tutti i contenziosi con i suoi paesi confinanti dando concessioni anche importanti quando trattati da pari (12 contenziosi risolti su 14 con paesi confinanti). La Cina si sente messa all’angolo da un bullo di periferia che non ha niente a che fare con la sua sfera d’influenza. Il suo comportamento è sempre stato sulla difensiva (la dottrina del non intervenzionismo negli affari esterni alla Cina ormai regge da decenni, non si può dire lo stesso degli USA ovviamente) e non può che reagire quando stuzzicata in questo modo. Un bullo che quando gli fa comodo non accetta di far parte di tribunali internazionali per le proprie dispute ma quando lo fanno altri paesi li accusa di non accettare le regole internazionali (vogliamo ricordare che nell’84 gli USA furono denunciati dal Nicaragua all’International Court of Justice (ICJ) e Reagan per protesta fece uscire gli USA dall’ICJ?; oppure vogliamo parlare del fatto che gli USA non aderiscono all’United Nations Convention on the Law of the Sea però pretendono che la Cina ne rispetti le regole?)

La Cina è una presenza ingombrante nella regione non c’è dubbio, e il partito comunista governa con mano di ferro il paese ma se siamo giunti a questa impasse militare è perché si sono preferiti metodi militari a quelli diplomatici da parte degli USA per provocarla e isolarla. La storia insegna che la Cina ha sempre risolto quasi tutte le sue dispute diplomaticamente e quando trattata da pari ha mantenuto le sue promesse in linea con la dottrina del “China’s peaceful rise”.

4 commenti

Archiviato in Uncategorized