Archivi del mese: maggio 2009

Inutile come leggere (evoluzionisticamente parlando)

Leggevo sdraiato sull’erba del mio giardino. Il libro aperto su un fazzoletto di sole che filtrava tra i rami del pero. Non ero più abituato a leggere in mezzo alla natura. Lo facevo da ragazzino quando nei pomeriggi estivi in Sardegna salivo sulla casa in legno sull’eucalyptus. Non è facile. Si è distratti da insetti, canto di uccelli, il continuo ondeggiare delle foglie, se ascolti bene le piante fanno continuamente suoni, insomma quel rumore di sottofondo della natura in movimento. Morte, vita, morte, vita in un ciclo infinito di suoni.

Dicevo che è difficile concentrarsi in una lettura con tutta questa orchestra, e non è stato facile rifarlo di nuovo qui nel giardino della mia casa inglese. A livello dell’erba tutti quegli insetti infaticabili che vanno su e giù sono veramente fastidiosi; sui rami in alto la ghiandaia e il pettirosso che discutono animatamente; la lumaca che lentamente cammina sulle foglie secche fa un rumore assordante; le foglie dell’edera mosse dal vento ti fanno perdere la concentrazione; i germogli delle cipolle e delle patate si sfiorano; il gatto della vicina ti si struscia sui piedi.

Leggendo le righe del nuovo libro di Mièville mi sono reso conto che in quel giardino ero l’unico essere vivente tra milioni a fare qualcosa che non aveva un fine o una utilità precisa. Parlo del leggere ovviamente. Leggere un romanzo, magari fantastico senza alcun legame con la realtà, per il piacere di leggere, non ha alcun fine se non quello appunto di dare piacere al suo lettore. Che cosa ne ricavo dal leggere in termini evolutivi, adattivi, in una parola biologici?

Tutti gli altri -la formica, la lumaca, il pettirosso, la patata, la cipolla- compiono azioni (anche le piante sì) che hanno come obiettivo la sopravvivenza e la riproduzione. Se non avessi letto quel libro non sarebbe cambiato niente alla mia linea genetica e alla mia prole. Anzi forse avrei potuto usare quel tempo e quelle energie per lavorare e migliorare la mia fitness.

Qualcuno potrebbe sempre dirmi che qualsiasi lettura ti insegna qualcosa; e lo penso anch’io considerando che una manciata di libri tra i miei scaffali mi hanno cambiato profondamente la vita. Ma a conti fatti non è un’attività essenziale visto che 6 miliardi di persone non hanno mai letto e mai leggeranno un romanzo. E continuano comunque a riprodursi in modo efficiente.

Ecco nel 2009 ormai abbiamo finalmente capito che l’Homo sapiens è animale e che tutte quelle caratteristiche che pensavamo esclusive umane sono anche negli animali: intelligenza, coscienza di se stessi, amore, linguaggio, gelosia, altruismo, gusto estetico et cetera, sono tutti presenti più o meno nel mondo animale a vari stadi, a vari gradi, con varie sfumature.

Ecco, forse l’unica cosa prettamente umana (ma sono pronto a cambiare idea se qualcuno dimostrasse il contrario) è quella di permettersi di poter perdere tempo in un’attività piacevole ma inutile come la lettura. Davanti a quella formica che in cerca disperata di cibo passa tra le mie pagine, io lì spreco le mie energie per il mio piacere intellettuale e mi sento più umano.

In poche parole il libro mi fa umano.

31 commenti

Archiviato in spunti di lettura e scrittura, viaggi

E sa pure i congiuntivi!

Non so come commentare questa notizia proveniente dall’America. Una ragazzina di 13 anni ha vinto 40.000 dollari perché è riuscita a fare lo spelling di “laodicean”. Negli States questi concorsi sono molto comuni e vengono fatti nelle scuole fin da tenera età. Una nazione che organizza concorsi su queste cose deve avere veramente poca confidenza con la propria lingua.

What about “otorinolaringoiatra”?

P.S.

Comunque c’è poco da scherzare anche da noi: in Italia a breve si organizzeranno concorsi per i congiuntivi o petizioni per salvare dall’estinzione il povero “ch” sostituito dalla onnipresente “k”.

12 commenti

Archiviato in Uncategorized

Dubbi sull’italiano?

Scusate ma questa devo proprio farvela vedere. Tutti possono fare errori di grammatica o di distrazione ma questa sembra una barzelletta. 😀

dubbi sull'italiano

A parte l’ironia di un articolo che parla di scuole da riformare  con su scritto “igenica”. Guardate il titolo dell’iniziativa piu’ sotto: “Dubbi sull’italiano? Risponde il linguista.” 😀

Vi prego tumbleratemelo!

12 commenti

Archiviato in Uncategorized

Segnalazioni radicali

Vorrei segnalare alcune iniziative di Radicali Italiani molto interessanti.

  1. La prima riguarda la questione dei manifesti elettorali abusivi. Una pratica illegale e comunissima in Italia. Mi ricordo per le elezioni del 2006 quando andavo ad attaccare i manifesti della Rosa del Pugno solo noi Radicali rispettavamo le regole (i socialisti della RnP erano uguali agli altri) pagandone le conseguenze ovviamente. I partiti incollavano i manifesti dappertutto in modo selvaggio senza seguire l’ordine diramato dal comune. Spesso i bastardi incollavano sopra i nostri poster o addirittura li strappavano. Una cosa vergognosa che i Radicali denunciano da 50 anni. Ora potete vedere una collezione di manifesti abusivi qui. Qui invece la classifica dell’illegalita’ partito per partito a Roma. Sul Corriere di oggi.
  2. La seconda invece riguarda l’ignobile iniziativa dell’Universita’ di Sassari che vuole insignire il dittatore della Libia Gheddafi di una laurea honoris causa, non si sa per quale motivo. I Radicali si sono attivati in Parlamento chiedendo al ministero chiarimenti.
  3. E poi forse il piu’ importante documento sulla situazione dell’illegalita’ italiana che sia mai stato scritto: la Peste Italiana. Un vero e proprio saggio che ripercorre la storia della giovane repubblica italiana e come fin dall’inizio si sia nutrita di illegalita’. Inutile dirlo, come capirete leggendolo la causa di quasi tutti i mali presenti e’ da imputare al fascismo.

9 commenti

Archiviato in Italia provinciale, politica, spunti di lettura e scrittura

Stagioni

Ieri avevo i guanti, tremavo per il vento gelido.

Oggi per la prima volta dopo un anno ho desiderato i pantaloni corti e ho sudato un pochino.

Il Regno Unito è fatto così, ogni giorno una stagione diversa: autunno, autunno, autunno e ogni tanto una primavera.

4 commenti

Archiviato in Uncategorized

Non si impara mai

E’ sempre la stessa storia. Non si impara mai. Un operaio ripulisce una cisterna, muore; qualcuno altro va a recuperarlo, muore anche quello. E’ un classico. Lo sanno pure i bambini. Non ci vuole un Q.I. sopra la media per capire la banalita’ di un tale errore. Eppure le aziende continuano a far lavorare gli operai senza maschere o senza training, o forse gli operai se ne fregano, come al solito in Italia, di regole, sicurezza ecc.

57 commenti

Archiviato in Uncategorized

Taglia e cuci

Dopo le clamorose immagini ritoccate da Videolina prima (non avevamo dubbi sulla fedelta’ della TV sarda al premier) e poi riprese dalla RAI, pare che anche nel sito del Governo ci si diverta a togliere e taroccare interventi, interviste com’era abitudine nell’Unione Sovietica staliniana. Infatti nella trascrizione dell’intervista alla CNN manca la parte relativa alle “gaffes internazionali”. Quella parte in cui dice che di gaffe non e’ fatta nemmeno una. Forse in questo modo Berlusconi potra’ negare quella parte dell’intervista dicendo: “Sono tutte menzogne della sinistra. Ho i trascritti ufficiali e lo posso dimostrare.”

Grazie a Tau Zero per averci fatto notare la cosa.

5 commenti

Archiviato in giornalismo di merda, Italia provinciale, politica, tristezze

L’opposizione si è trasferita nella rete

Passando per Blogbabel vi sarete sicuramente accorti che le blogstars in cima alla classifica sono per lo più bloggers che appartengono ad una parte politica riconducibile alla(e) opposione(i). Anzi a dire il vero se prendiamo i primi 20 blogs e togliamo quelli che non hanno riferimenti politici (5 di informatica e web e uno di ecologia) tutti possono essere ricondotti ad un’area di sinistra.

Per trovare il primo blogger di destra dobbiamo scendere alla posizione 28 con Camillo, che in realtà è lassù solo perché molti blogs di sinistra lo linkano.

Ora mi/vi chiedo: come è possibile che in un paese dove più del 70% della popolazione vota centro-destra ed estrema destra, il web sia monopolizzato dall’opposizione?

Come ho detto più volte la rete non è lo specchio fedele del paese. E c’è da dire che essere in testa nella classifica di Blogbabel non è indice di qualità. Infatti Blogbabel funziona tramite links. Non parliamo quindi di qualità ma di quantità di persone che seguono questi blog, che li commentano, che li linkano. Insomma il web pare essere territorio delle opposizioni. Non è un mistero quindi che molti di destra (Carlucci) cerchino continuamente di imbavagliarlo.

Io avrei alcune spiegazioni, ma potrebbero essere molto offensive per alcuni. Se qualcuno ha altre spiegazioni è benvenuto.

41 commenti

Archiviato in Italia provinciale, politica, spunti di lettura e scrittura

Il terrorismo suicida sbarca nel Corno d’Africa

A quanto mi risulta, ma correggetemi se sbaglio, il fenomeno degli attentati suicidi nell’Africa subsahariana è praticamente inesistente. Da qualche anno in Somalia kamikaze si sono fatti saltare in aria contro obiettivi stranieri (base militare etiopica nel 2007) e governativi (residenza premier 2007). Uno dei casi più famosi fu quello di Shirwa Ahmed, un somalo-americano che nel 2007 si fece esplodere uccidendo 29 persone. Oggi credo per la prima volta un kamikaze si è fatto esplodere davanti ad una stazione di polizia a Mogadiscio. Una pratica banale e giornaliera in Iraq, Afghanistan, Pakistan et cetera.

Questa modalità di guerriglia è aliena all’islam africano, che ha sempre preferito AK-47 e machete. E’ qualcosa di veramente preoccupante perché significa che il modello kamikaze sunnita è stato esportato in pochi anni in una nuova area del pianeta. Ma ciò che fa venire ancor di più i brividi è che la nuova onda di terrorismo suicida non arriva attraversando il Mar Rosso ma direttamente dal cuore dell’Occidente: gli Stati Uniti. Infatti pare che Ahmed (vedi sopra) si sia “radicalizzato” in Minnesota. E pare pure che dei 100.000 somali-americani del Minnesota, alcuni siano partiti in Somalia per combattere sul fronte con i jihadisti.

3 commenti

Archiviato in tristezze

Buffone, bugiardo

I TG delle TV di propaganda non manderanno questo video, i libri di storia che farai riscrivere non metteranno queste parole, ma la rete non dimentica, buffone. Sei la vergogna di questo paese. No, hai ragione non sei come Mussolini. Almeno Mussolini si prendeva la responsabilità di quello che diceva.

hat tip: qui.

6 commenti

Archiviato in Italia provinciale, politica